Benessere animale, Conservazione compassionevole e Rewilding

"Abbiamo bisogno di una rivoluzione di cuore e di liberare i nostri cuori e lasciare che i nostri sentimenti profondi di connessione, compassione ed empatia ci aiutino a trattare gli altri animali con molto più rispetto e dignità e riconoscerli per quello che sono: individui senzienti e sensibili. ”

La Carta per la compassione degli animali è un movimento indispensabile in un mondo sempre più dominato dall'umano (vedi "La Carta per la compassione degli animali per non umani e umani" per un'intervista che ho condotto con Rob Percival, suo fondatore e direttore). In un saggio e tre interviste condotte dal signor Percival, Charles Foster ("Se tu fossi un elefante …"), ricercatore ed esperto di senzienza animale Helen Lambert (il significato della sensibilità animale), fotografo Nick Brandt (la fotografia può aiutare a cambiare atteggiamenti popolari verso gli animali non umani), e discuto vari argomenti incentrati sul tema della sensibilità animale (per ulteriori informazioni sulla sensibilità animale, si prega di vedere "La presenza è ovunque: è una verità scomoda"). Abbiamo tutti riflettuto su una serie di argomenti importanti incentrati sul trattamento di animali non umani e umani con rispetto e dignità. La mia intervista è stata la seguente.

Carta: uno degli obiettivi principali della Carta è sostenere la scienza della sensibilità animale. Secondo te, perché la scienza della sensibilità animale è importante?

MB: Ci sono una serie di ragioni per cui la scienza della sensibilità animale è importante. Innanzitutto, è affascinante conoscere le vite cognitive, emotive e morali degli animali non umani (di seguito, gli animali). In secondo luogo, possiamo – e dobbiamo – usare queste informazioni per conto di altri animali che sono usati e maltrattati incessantemente a livello globale dagli umani in un mondo sempre più dominato dall'uomo. Naturalmente, molte delle scienze che vengono fatte supportano semplicemente quello che così tante persone hanno conosciuto da secoli, vale a dire che altri animali sono davvero senzienti e sentono esseri che si preoccupano di ciò che accade a loro stessi, alle loro famiglie, ai loro amici e probabilmente ad altri individui. Molte persone se non la maggior parte concordano sul fatto che animali come primati non umani, elefanti, altri mammiferi e alcuni uccelli, pesci, rettili e anfibi e senzienti, ma non sono così sicuri di insetti e altri invertebrati e vogliono vedere "la scienza" prima accettano che lo siano. E ci sono molte cosiddette sorprese quando, ad esempio, una scienza solida dimostra che pesci, rettili, anfibi e alcuni invertebrati sono innegabilmente molto intelligenti, senzienti e coscienti.

È una buona notizia che la tendenza stia cambiando, perché è molto difficile trovare qualcuno che possa o proverà a sostenere in modo convincente che non sappiamo davvero se altri animali sono esseri senzienti e coscienti, o sostengono che non lo sono. Questa visione non sarebbe solo anti-scientifica, dato tutto ciò che sappiamo ma assolutamente banale. A tal fine, c'è una pubblicazione professionale relativamente nuova chiamata Animal Sentience: un giornale interdisciplinare sul sentimento animale che è dedicato allo studio comparativo della sensibilità animale. Ho anche scritto un saggio intitolato "Una dichiarazione universale sulla sensibilità animale: nessun pretesto". Si basa sul fatto indiscutibile che gli animali sono senzienti e che possono soffrire e provare dolore, così come il trattato di Lisbona e il campo in rapida crescita di conservazione compassionevole. C'è anche la Dichiarazione di Cambridge sulla coscienza che è stata proclamata pubblicamente il 7 luglio 2012 all'Università. Il gruppo di scienziati ha scritto: "Le prove convergenti indicano che gli animali non umani hanno i substrati neuroanatomici, neurochimici e neurofisiologici degli stati coscienti insieme alla capacità di manifestare comportamenti intenzionali. Di conseguenza, il peso delle prove indica che gli umani non sono unici nel possedere i substrati neurologici che generano coscienza. Gli animali non umani, inclusi tutti i mammiferi e gli uccelli e molte altre creature, compresi i polpi, possiedono anche questi substrati neurologici ".

Tutto sommato, è essenziale avere "la scienza" e combinare ciò che sappiamo con il buon senso. L'unica conclusione che è sostenibile è che altri animali sono esseri senzienti e devono essere trattati con rispetto e dignità.

Carta: Un crescente corpo di ricerca è alla base della scienza della senzienza animale – secondo te, questa scienza viene usata per promuovere il benessere degli animali o c'è ancora molto da fare?

MB: È e non lo è. Nel nostro libro L'agenda degli animali: libertà, compassione e convivenza nell'età umana Jessica Pierce e io sostengono che c'è ancora molto da fare e che la scienza del benessere degli animali proteggia gli altri animali "in nome degli umani". Scriviamo anche sul "gap di traduzione delle conoscenze" che si concentra su come ciò che sappiamo non viene usato per conto di altri animali. Il gap di traduzione delle conoscenze si riferisce alla pratica di ignorare tonnellate di scienza che mostrano che altri animali sono esseri senzienti e che vanno avanti e causano danni intenzionali nelle arene orientate all'uomo. Su larga scala, significa che ciò che ora sappiamo della cognizione e dell'emozione animale non è stato ancora tradotto in un'evoluzione negli atteggiamenti e nelle pratiche umane. Un grande esempio del divario di traduzione della conoscenza si trova nella formulazione della Federal Animal Welfare Act (AWA) statunitense, che esclude esplicitamente ratti e topi dal regno Animalia (anche se un primo selezionatore sa che ratti e topi sono animali). Nel gergo post-elettorale, potremmo anche chiamare l'AWA come un "fatto alternativo". (Per ulteriori informazioni sull'idiozia della misera classificazione dell'AWA su ratti, topi e altri animali, vedere "The Animal Welfare Act Claims Rats and I topi non sono animali. ")

Poiché il benessere degli animali fallisce su altri animali, noi sosteniamo un cambio di paradigma in cui la scienza del benessere degli animali viene sostituita dalla scienza del benessere animale, che si concentra sui singoli animali e non permetterebbe agli animali di essere usati e abusati nel modo che l'assistenzialismo consente. Il Welfarism mette al primo posto i bisogni umani e cerca di accogliere gli animali all'interno della struttura "bisogni umani prima". Il benessere allarga la questione di "cosa vogliono e di cui hanno bisogno gli animali" al di là del welfare box e cerca di capire le preferenze degli animali dal punto di vista degli animali. Ad esempio, l'assistenzialismo chiede se il visone in una fattoria di pelliccia preferirebbe gabbie più alte o più corte; il benessere sfida l'idea che il visone dovrebbe essere in gabbie di batterie in una fattoria di pelliccia, in primo luogo, perché non possono avere un vero benessere o "buone vite" in tali condizioni, indipendentemente da quante modifiche del benessere apportiamo. Quindi, è chiaro che bisogna fare molto di più.

Carta: hai menzionato prima il crescente campo della "conservazione compassionevole" – che cosa ha a che fare la compassione con la conservazione?

MB: Ci sono molte lezioni da imparare dal campo internazionale in rapida crescita chiamato conservazione compassionevole, per il quale i principi guida sono "Primo non nuocere" e tutti gli individui sono importanti. I singoli animali hanno un valore intrinseco a causa di chi sono e perché sono vivi. Il loro valore non è determinato dal modo in cui possono servirci (questo è chiamato valore strumentale). La conservazione compassionevole offre molti modi diversi per affrontare i conflitti uomo-animale senza versamento di sangue. (Per maggiori informazioni sulla conservazione compassionevole vedere "La conservazione compassionevole incontra Cecil il leone ucciso", Ignorando la natura non di più: il caso per la conservazione compassionevole, "La compassione come etica pratica ed evoluta per la conservazione", L'agenda degli animali: libertà, compassione e coesistenza nell'era umana, e riferimenti in esso.)

Carta: qual è il movimento di conservazione compassionevole che spera di ottenere?

MB: In parole povere, la conservazione compassionevole richiede alle persone di usare metodi non letali per risolvere i problemi in questione. Mentre ci sono alcune differenze tra le persone che si definiscono ambientalisti compassionevoli in termini di ciò che è accettabile e ciò che non lo è, aderire ai principi di base è essenziale e, come ho scritto sopra, la conservazione compassionevole offre molti modi diversi per affrontare i conflitti uomo-animale senza versamento di sangue. Non è il welfarismo "impazzito", ma piuttosto un nuovo approccio basato sul benessere individuale che sottolinea la non-violenza nei confronti degli altri animali.

Quindi, per esempio, il massacro, che alcuni chiamerebbero omicidio, di lupi negli Stati Uniti, non sarebbe accettabile nel paradigma della conservazione compassionevole. 1 Tuttavia, ci sono gruppi di protezione degli animali e organizzazioni per la conservazione che sostengono l'uccisione o non ne hanno parlato. Ancora una volta, il benessere lascia cadere gli animali. Alcuni diranno che è essenziale uccidere alcuni lupi per salvare gli altri – scambiare i lupi morti con i lupi vivi – e affermare in modo eccessivo ciò che sta realmente accadendo. Alcuni potrebbero dire qualcosa come: "Non ci piace quello che sta succedendo, ma è così che deve essere". Tuttavia, ignorano convenientemente il fatto che nessuno deve uccidere questi lupi. È la loro scelta di farlo e devono vivere con la loro decisione. Quindi, non dire "no" e permettere che gli omicidi accadano significa in realtà "sì" uccidere lupi e altri animali. E, dal punto di vista del singolo animale, non si preoccupa veramente di ciò che motiva le persone a togliersi la vita, scegliendo di farlo e partecipando attivamente al massacro o non dicendo nulla e permettendo agli altri di fare l'uccisione. Scegliendo quest'ultima opzione le loro mani rimangono pulite, ma alla fine i lupi sono morti e questo è ciò che conta davvero. E gli interessi umani hanno sconfitto quelli dei non umani in una mentalità welfarista.

Charter: Rewilding è un tema caldo nei circoli di conservazione. Quale ruolo gioca il rewilding in un futuro più compassionevole?

MB: Potrei scrivere un libro su questo e l'ho fatto! Si chiama Rewilding Our Hearts: Building Pathways of Compassion and Coexistence e in questo libro sostengo che gli individui devono essere ricollegati e incantati con la natura e altri animali e che si tratta di un viaggio personale e spirituale. Abbiamo bisogno di una rivoluzione di cuore e di liberare i nostri cuori e lasciare che i nostri profondi sentimenti di connessione, compassione ed empatia ci aiutino a trattare gli altri animali con molto più rispetto e dignità e riconoscerli per quello che sono: individui senzienti e sensibili.

In Rewilding Our Hearts: Costruire percorsi di compassione e convivenza Ho sostenuto che rielabilizzando personalmente, annullando lo svezzamento e ricollegando e diventando incantato con la natura, compresi altri animali, possiamo superare la negatività e vedere il mondo in modo più positivo modi. Quello che chiamo "l'etologia del ribellarsi" implica concentrarsi su ciò che sappiamo su chi siano realmente gli altri animali e usare queste informazioni per arrivare ad un più profondo apprezzamento delle somiglianze e delle differenze tra animali non umani e tra animali non umani e umani. La conservazione compassionevole impone che ci concentriamo sugli individui e che la vita di ogni singolo individuo è importante. Sottolinea inoltre che tutte le parti interessate, umane e non umane, contano.

Tutto sommato, dobbiamo ridefinire la nostra relazione con "l'altra natura" e dobbiamo farlo rapidamente e agire sui sentimenti che emergono. Abbiamo anche bisogno di riconsiderare le nostre relazioni con altri umani e di eliminare i conflitti ricorrendo a mezzi violenti. Un manifesto di ribellione affermerebbe chiaramente che saremo davvero, e con intenzioni profondamente appassionate e motivate, ricollegarci con altri umani, altri non umani e le loro case con la maggior energia possibile. E potrebbe diventare un meme culturale, un modo non genetico per diffondere l'amore per gli animali e la natura a livello globale. Rewilding è un processo di riabilitazione che si tradurrà in connessioni reciproche molto più strette e profonde con gli altri umani e altri animali e le loro case, e se abbastanza persone si rimarginano da sole, la riverniciatura diventerà un sentito e profondo meme culturale che promuove modelli di comportamento che si diffonderanno dalla persona alla persona e alle generazioni future come forma di evoluzione culturale. Nel mio libro ho scritto delle otto p di rewilding – essere proattivo, positivo, persistente, paziente, pacifico, pratico, potente e appassionato – e di recente ho aggiunto altre quattro, vale a dire, l'importanza di essere giocoso, presente, basato sul principio , e orgoglioso.

Come ho scritto, abbiamo bisogno di una profonda rivoluzione nel modo in cui pensiamo, in ciò che facciamo e in che modo agiamo. Il Rewilding può essere un'ottima guida e riguarda la recitazione dall'interno verso l'esterno. La rivoluzione deve venire dal profondo di noi e iniziare a casa, nel nostro cuore e ovunque viviamo. Non avremo mai il mondo che abbiamo avuto in precedenza, ma più aspettiamo e meno probabile sarà il futuro per quelli che seguiranno nella nostra scia.

Le altre interviste e il saggio di Foster sottolineano molte delle aree discusse da Rob Percival e sono sicuro che produrranno discussioni preziose per una buona quantità di tempo. Animali non umani e innumerevoli umani hanno bisogno di tutto l'aiuto che possono ottenere, e riconoscendo che ogni singola vita è importante, possiamo fare progressi contro la violenza globale dilagante che sta diventando sempre più comune.

Grazie di cuore a Rob Percival e ad altri per aver sviluppato la Carta per la compassione degli animali.

1 Non solo i lupi negli Stati Uniti vengono macellati (per maggiori dettagli vedi "Lupi e mucche: conflitti individuali e organizzativi" e link in esso), un altro esempio, triste e orrendo com'è, è il massacro pianificato in Nuova Zelanda di milioni di gli animali nella loro ricerca di un predatore liberano la Nuova Zelanda entro il 2050. Per maggiori dettagli su questo assalto alla natura e ad altri animali si prega di consultare "Violenza verso gli animali:" Potete aiutare mia figlia? "," Effetti a lungo termine della violenza verso gli animali da parte dei giovani, "I giovani incoraggiati a uccidere Possum Joey in Nuova Zelanda", e i collegamenti in esso.

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono Jasper's Story: Saving Moon Bears (con Jill Robinson); Ignorando la natura non di più: il caso di conservazione compassionevole; Perché i cani e le api si deprimono: l'affascinante scienza dell'intelligenza, delle emozioni, dell'amicizia e della conservazione degli animali; Rinnegare i nostri cuori: costruire percorsi di compassione e convivenza; The Jane Effect: Celebrando Jane Goodall (edita con Dale Peterson); e The Animals 'Agenda: libertà, compassione e convivenza nell'era umana (con Jessica Pierce). Canine Confidential: Perché i cani fanno ciò che fanno saranno pubblicati all'inizio del 2018. Ulteriori informazioni su marcbekoff.com.

Solutions Collecting From Web of "Benessere animale, Conservazione compassionevole e Rewilding"