Be (lie) ve It or Not: Seconda parte

Henry Fuseli / Wikimedia Commons
Edipo Maledicendo suo figlio, Polinice
Fonte: Henry Fuseli / Wikimedia Commons

Abbiamo tutti sentito il vecchio detto, "tu sei quello che mangi". In una certa misura siamo anche ciò che pensiamo e ciò in cui crediamo. Ma proprio come un buon esercizio deve accompagnare il buon mangiare, e la differenza tra un sogno e una visione è un piano, il pensiero senza azione può anche essere inefficace. I pensieri sono potenti, e il pensiero positivo di solito è meglio per noi del pensiero negativo, ma c'è una differenza tra il solo voler e pensare di essere un milionario e in realtà imparare e fare saggi scelte finanziarie che aiuteranno a manifestare questo obiettivo. Vuoi un mondo più pulito? Inizia il riciclaggio. Le azioni devono esprimere la credenza.

Nella nostra ultima colonna, che potreste voler recensire, abbiamo esaminato alcune delle più ampie connessioni tra credenza, mitologia e psicologia. Ora esamineremo alcuni esempi concreti di credenze come manifestati nella mitologia e nella psicologia.

Una teoria che manifesta connessioni tra credenza, psicologia e mitologia è l'effetto Tinkerbell chiamato per la fata Trilli di Peter Pan la cui rianimazione dipende dal pubblico che esprime la sua fede nelle fate attraverso applausi (perché è così piccola che può solo provare una sensazione alla volta, Tinkerbell è anche un modello per i disturbi dell'umore e le difficoltà con l'autoregolazione emotiva). L'effetto Tinkerbell si riferisce a quelle cose che esistono solo attraverso atti immaginativi e perché le persone credono in esse. L'effetto Reverse Tinkerbell sostiene che, in qualche modo paradossalmente, più persone credono in qualcosa, più è probabile che sparisca. Ad esempio, se tutti in un gruppo credono che il gruppo sia molto vigile, i singoli membri del gruppo possono ridurre la loro attenzione, abbassando o cancellando il livello generale di vigilanza di gruppo. Se tutti in un gruppo credono che l'armonia del gruppo sia più importante, i singoli membri del gruppo potrebbero non prestare attenzione ai fatti per conformarsi alle convinzioni del gruppo. Questo tipo di pensiero di gruppo può avere effetti dannosi sul processo decisionale e sul comportamento.

Questa connessione ironica tra credenza e azione in cui una credenza produce esattamente l'opposto di ciò che il credente vuole riappare nel concetto della profezia che si autoavvera. Uno degli esempi più noti è quello della figura greca Edipo da cui Freud ha derivato il nome e l'idea per il complesso di Edipo. Secondo il mito, Laio è avvertito che un giorno sarà ucciso da suo stesso figlio, Edipo. Così, Laio lo abbandona fuori dalla città dove viene alla fine trovato, salvato e cresciuto dal re e dalla regina di Corinto, ignaro della sua vera identità e delle sue origini. Edipo è avvertito che un giorno ucciderà suo padre e sposerà sua madre, così parte per terre lontane lontano dalle persone che pensa siano sua madre e suo padre. Il suo viaggio lo porta a Tebe, dove incontra uno sconosciuto, lo uccide e sposa la sua vedova. Lo straniero è Laio e la vedova, ovviamente, è la madre di Edipo.

Per ulteriori approfondimenti, altri esempi di profezie che si auto-avverano possono essere visti nel mito romano di Romolo e Remo, Il racconto di Pardoner di Chaucer , Macbeth di Shakespeare , varie fiabe europee e, più recentemente, nella storia di Anakin Skywalker della serie Star Wars . Anakin vuole disperatamente salvare la vita della moglie incinta Padme, che crede erroneamente che sia in pericolo. Si gira verso il lato oscuro e le istruzioni dell'imperatore per ottenere la conoscenza che spera lo realizzeranno. Alla fine, pensa erroneamente di averla uccisa durante la sua rabbia e questo lo spinge più lontano lungo il sentiero del lato oscuro. Ironia della sorte, il suo cuore spezzato per i suoi cambiamenti e le azioni alla fine porta alla sua morte, che era completamente evitabile e di suo proprio fare.

Uno dei problemi di Anakin è che anche quando è chiaro che l'Imperatore sta usando Anakin per i suoi stessi scopi malvagi che minacciano la stabilità della Repubblica Galattica e dell'Ordine Jedi, Anakin si rifiuta di vedere la verità perché soffre di sindrome del vero credente- il lato oscuro della credenza. Una lealtà così fanatica e indiscussa, anche quando l'esperienza personale mostra il contrario ei fatti che dimostrano che la figura di quella devozione non può essere degna di questo, dà origine al fanatismo, al fascismo, alla tirannia, al pensiero di setta e alla sequela di leader inefficaci e non qualificati .

Non importa cosa tu creda, la credenza è roba potente.

Solutions Collecting From Web of "Be (lie) ve It or Not: Seconda parte"