Battle Hymn of the Teddy Bear Psichiatra

Una delle mie pazienti, una giovane e timida giovane donna, una volta disse che le ricordavo un orsacchiotto. Non solo ho la pelle marrone, ma immagino che abbia pensato che anche io fossi in grado di cavalcare. Questo è un transfert positivo!

Amy Chua, d'altra parte, ha minacciato di bruciare gli animali imbalsamati di sua figlia se non avesse prodotto la perfezione del pianoforte! Bene, Amy, anche questo Teddy Bear ha artigli! Sono stato impegnato negli ultimi mesi (beh, Facebook e doodle), ma ho deciso che il tuo libro valeva un pomeriggio. Bene, anche gli orsi possono essere sbagliati. Ma se Time Magazine può chiamarti uno dei "100 più influenti" basati sulla versione "asiatica" del rantolo di Alec Baldwin, suppongo che dovrei renderti giustizia anche tu.

Lo sproloquio di Chua ha illuminato internet e le onde radio subito dopo essere andato online al Wall Street Journal di gennaio: http://online.wsj.com/article/SB10001424052748704111504576059713528698754.html

Ha descritto il suo approccio severo, esigente e critico nei confronti dei genitori e ha proclamato che questo era il motivo per cui "le madri cinesi sono superiori" e producono una progenie superiore. Il contraccolpo è stato rapido e inequivocabile. Chua è stata "la ragione per cui gli americani asiatici come me sono in terapia" ha scritto un blogger http://bettymingliu.com/2011/01/parents-like-amy-chua-are-the-reason-why-asian-americans-like -me-sono-in-terapia /. Un'altra donna ha condiviso i risultati della genitorialità in stile Chua nella sua stessa famiglia: la sorella troppo grande si è suicidata dopo aver nascosto la sua depressione per anni http://www.quora.com/Parenting/Is-Amy-Chua-right-when-she- spiega-Why-Chinese-Mothers-Are-Superior-in-un-editor-in-the-Wall-Street-Journal.

Chua ascoltò le critiche e tornò indietro per il samoiedo, per così dire (i suoi samoiedi hanno un ruolo prominente e strano nel suo libro. "Sono gentile con i cani, non mi odio", suppongo. tanto male quanto i mangiatori di cani ", scrisse quasi.) Disse che il suo libro non era un manuale per genitori, era un libro di memorie. Inoltre, c'erano molti approcci alla genitorialità e lei non aveva le sole risposte. Ha detto che la differenza principale è che i genitori asiatici hanno tenuto alte le aspettative e "hanno assunto forza, non fragilità" nei loro figli. Chi potrebbe discutere con grandi aspettative? Chi può discutere con le migliori possibilità e punti di forza dei tuoi figli? Ma chiamare la spazzatura dei tuoi bambini e farli pressioni fino alle lacrime, al risentimento e alle ripetute esplosioni di rabbia, il tutto per (forse) la tua stessa ambizione – beh, questa è una questione diversa.

Ho trovato il libro di tanto in tanto divertente – Chua potrebbe sicuramente fare lo stand-up (Amy, hai una quinta carriera!), E penso / spero che da qualche parte nel profondo sappia che non è quasi una modella o un genitore ideale. O come disse una volta sua figlia, "sei un maniaco!" Complimenti ad Amy per avere rapporti accurati e per mostrare le sue figlie come donne dalla volontà forte, altrettanto volitiva quanto lei. Per lo più, però, ho trovato i suoi metodi genitoriali irritanti (o persino osceni e offensivi) e la sua scrittura superficiale. Dovevo chiedermi perché avesse scritto il libro.

Nel migliore dei casi, rafforza gli stereotipi sulla genitorialità asiatica come un matto. Dà un cattivo nome ai genitori asiatici. Dà anche alle tigri un brutto nome. Hai mai visto una vera mamma tigre con i suoi figli – totalmente indulgente. Un sacco di lecca. Porta a casa la cena. Insegna loro a cacciare. Li protegge dal pericolo Non si avvicina a masticarle. O masticandoli, del resto.

Il precedente libro di Chua riguardava il modo in cui la globalizzazione ha alimentato le tensioni etniche. Non ho letto quel libro. Non ho bisogno di ora, perché ho un esempio di caso. Chua doveva essere consapevole del fatto che in questa era di confluenza tra Est e Ovest segnata da rivalità mista a ammirazione e invidia, un libro marchiato in confronto a presunti stili parentali "cinesi" e "americani" avrebbe colpito un punto sensibile (e redditizio).

Lei dice che l'idea per il libro è nata dopo una fiamma particolarmente forte con la sua figlia più giovane che si è conclusa con Chua che correva in lacrime attraverso la Piazza Rossa. Forse sperava che Lenim imbalsamato avrebbe avuto qualche consiglio per reprimere la ribellione adolescenziale. Apparentemente, Lenin le ha detto di scrivere un libro. (Usando il capitalismo e il marketing – leggi, propaganda – per superare l'insurrezione.) Quei russi sono intelligenti. Battle Hymn of the Momma di Mosca, qualcuno?)

Voglio dare a Chua il beneficio del dubbio. Che era in una sorta di crisi, dubitando dei suoi metodi e dell'amore di sua figlia per la prima volta. Che poi pensava di dover scrivere un libro per "tirarlo fuori" davvero, capire la Tigre che era in lei. Quello, mescolato al bisogno di giustificarsi, ora per il mondo intero. Vorrei aver trovato questo tipo di introspezione sensibile qui, un vero "umiliante" da un tredicenne come la giacca del libro proclama. Ma anche se perde l'affitto, le vecchie abitudini continuano a insinuarsi. Sua figlia si diverte a giocare a tennis, ad esempio, e anche Amy inizia a spingere la concorrenza. Di nuovo, voglio dare a Chua il beneficio del dubbio.

C'è quella vecchia storia sufi di Nasrudin che porta il suo asino al mercato e lo guida in giro. Tutti gli chiedono se è in vendita, ma Nasrudin scuote la testa, stancamente, e dice "No. Voglio solo che tutti vedano cosa devo affrontare. "Amy si sta facendo da guida, proprio in questo modo.

Inoltre, ha dovuto fare i conti con la grave malattia di sua sorella. Vorrei che l'avessi addolcita di più. Riferisce a sua sorella che le dice di allentare, è troppo severa con sua figlia. Ma non è molto più profondo di così.

Come persona psicologicamente, ma non particolarmente "musicale" (il suo aggettivo preferito), il momento più toccante del libro è arrivato presto, a pagina 19, quando Chua dice che a volte si sente ancora come un estraneo in America. "Ma per me, questo è meno un onere che un privilegio." Volevo sentire di più sull'onere, ma questo non è nelle capacità di parola di Amy. Per me, il libro non ha riguardato il meglio dei genitori asiatici, che potresti considerare universali. O almeno ebreo. Un'enfasi sull'educazione, il duro lavoro e l'attenzione amorevole verso i tuoi figli. Piuttosto si trattava della sua orribile ombra: disciplina controllante, manipolatrice e umiliante destinata a governare i tuoi figli nella convinzione di sapere "cosa è meglio per loro". Non ho visto assolutamente prove che lei apprezzi il servizio pubblico o la giustizia sociale. Tutto sembra riguardare la ricchezza e lo stato. Il conseguimento e le proprietà sono la misura dell'autostima. Se puoi suonare quel Beethoven, allora sei qualcuno. Se vai a Juilliard oa Harvard, allora hai valore. Perché quelle persone sono le uniche che hanno qualcosa da contribuire al mondo. E quel che è peggio, tutto ciò che devono contribuire è tra le loro orecchie e non nei loro cuori. Nemmeno nel semplice fatto che vivono e viviamo con loro. Questa tigre non può cacciare.

Spero che Amy scriva un seguito un giorno. Perché voglio davvero il meglio per lei e per i suoi cari. Sono sicuro che sta cercando di fornire il modo migliore in cui lei sa come. Spero che sia in grado di esplorare i fardelli e le ferite che porta. Mentre scrivo nel mio libro in corso,

"Una ferita è un utero. Un infortunio, ma anche un punto di partenza. Una ferita è una matrice della nostra esperienza e auto-scoperta. Ci cristallizza. In effetti, finiamo il nostro tempo nel grembo materno con una ferita – il dolore della separazione, il taglio del cordone ombelicale, la spinta in uno strano nuovo mondo. È una ferita necessaria. Senza nascita, non ci sarebbe vita. Il nostro primo infortunio è la nostra prima possibilità, in aumento. E dalla totale dipendenza, ci nutriamo, strisciamo e camminiamo verso un'indipendenza che diventa interdipendenza. Cresciamo l'uno con l'altro, abbiamo ancora bisogno l'uno dell'altra, e impariamo che dobbiamo anche darci reciprocamente.

(continua a pagina 2)

E in tutti quei modi in cui siamo connessi e nutriamo l'un l'altro, ci feriamo anche l'un l'altro. Le ferite, anche le ferite necessarie, non si fermano con il parto. A volte le ferite vengono dall'interno, per colpa di nessuno. Il mondo è imperfetto e imperfetto e noi siamo fatti in esso. Mondi, grembi e ferite, tutti danno vita. Non so che le ferite siano inevitabili, ma sono presenti. Il modo in cui li portiamo, li trattiamo o non li trattiamo, è una parte importante di ciò che siamo. Nel libro scritto alla fine dei nostri giorni, ci devono essere alcune parole, alcuni paragrafi, almeno, per raccontare le ferite e cosa abbiamo fatto con loro. Per alcuni di noi, sarà l'intero libro – trama, capitoli e note finali – la ferita nel mondo o la ferita in noi. Non che questi siano diversi l'uno dall'altro, o separabili. La ferita nel mondo è la ferita in noi, e viceversa. Il mondo rende le nostre menti e, con le nostre menti, facciamo i nostri mondi.

La ferita ci forma e quindi dobbiamo trascenderla, incorporarla, nascere da essa. Ci dice cosa ci minaccia, cosa temiamo, dove siamo stati delusi, dove siamo stati feriti. Quindi è compito delle nostre vite riparare, guarire e proteggere. Le nostre ferite sono come la terra incolta, apparentemente sterile, ma semplicemente in attesa di semi, luce solare e acqua. Dalla notte oscura dell'anima, da molte notti oscure ripetute, siamo rinati alla luce e alla vita.

O cresciamo, contorti e abbandonati come un albero di Giosuè nel deserto. Perché le ferite a volte consumano, contengono e distorcono. Possono limitare e definire noi e le nostre possibilità. Un utero può essere una tomba, un finale invece di un inizio. È un finale che resisto con ogni fibra del mio essere. Non lo auguro a nessuno. Ma l'inizio, il wombing e il ferimento rendono possibili le nostre storie. Senza la ferita, non c'è motivo per un viaggio.

È la crepa di tutto ciò che fa entrare la luce. "

Una foto recente

Possiamo noi tutti sanare le nostre ferite in questo mondo.

© Ravi Chandra, MD Tutti i diritti riservati.

Newsletter occasionale per scoprire il mio nuovo libro sulla psicologia dei social network attraverso un obiettivo buddhista, Facebuddha: Trascendence in the Age of Social Networks: www.RaviChandraMD.com
Pratica privata: www.sfpsychiatry.com
Twitter: @ going2peace http://www.twitter.com/going2peace
Facebook: Sangha Francisco-The Pacific Heart http://www.facebook.com/sanghafrancisco
Per informazioni su libri e libri in corso, vedere qui https://www.psychologytoday.com/experts/ravi-chandra-md e www.RaviChandraMD.com

Solutions Collecting From Web of "Battle Hymn of the Teddy Bear Psichiatra"