Bastoni e pietre e parole, PUO 'farti del male!

Come reagisci alle seguenti parole?

Aerei

Sostanze chimiche

Ospedale

Pistola
Queste parole hanno definizioni neutre. Ma hanno anche significati soggettivi. Per alcuni di noi, in certi contesti, queste parole sono caricate (nessun gioco di parole destinato a "pistole"). Suggeriscono danno o pericolo, evocando ciò che gli accademici chiamano una risposta "avversiva". Il problema è che la risposta avversiva non è solo alla parola, ma a qualsiasi cosa associata ad essa. E questo può essere pericoloso da solo.
Gli aeroplani possono rappresentare un modo divertente per andare in vacanza o cose che si infrangono. Le sostanze chimiche possono significare le cose di cui siamo fatti, o sostanze che ci avvelenano e l'ambiente. Gli ospedali che curano sono buoni. Gli ospedali dove le persone sono malate o muoiono, sono cattive. Guns? I cacciatori come loro. Le vittime del crimine delle armi non lo fanno. Le parole sono come qualsiasi altro input di dati nel nostro cervello. Sono neutrali, senza significato, finché non li interpretiamo.
Una delle prime aree nel cervello per interpretare le parole è l'amigdala, l'area discussa in un blog precedente (prova a pensare con attenzione ai rischi! Oops! Non puoi! ") Dove inizia la paura. L'amigdala è il nostro radar 24/7, che cerca possibili pericoli. Se percepisce persino l'accenno di pericolo in una parola, l'amigdala avvia immediatamente la risposta di Lotta o Volo, i cambiamenti biologici e chimici che sono la risposta rapida, protettiva, istintiva che ci aiuta a mantenerci in vita. (Più la parola è paurosa, più forte è la risposta.) Una volta attivata questa sorta di risposta "Uh Oh!", Imposta il contesto per come rispondiamo ad altre informazioni su quella parola paurosa.
Ma come fa l'amigdala a sapere una parola che connota un possibile pericolo? È qui che entra in gioco una scorciatoia mentale denominata euristica rappresentativa. Rapidamente abbiamo senso delle informazioni confrontandole con ciò che già sappiamo, contro la conoscenza di fondo che la nuova informazione sembra rappresentare. Considera come questo colora ciò che pensiamo quando sentiamo il mondo "sostanze chimiche".
Molto di quello che sappiamo già delle "sostanze chimiche" è spaventoso. Sì, senza di loro la vita stessa sarebbe impossibile. Ma le "sostanze chimiche" sono anche fortemente associate all'inquinamento e ai veleni e Love Canal e Bhopal e un'industria avida che mette i suoi profitti di fronte alla nostra salute. Quindi quando ascoltiamo o leggiamo la parola "sostanze chimiche", la associamo immediatamente a tutte le altre cose. Un sondaggio ha chiesto alla gente cosa mi è venuto in mente quando hanno sentito la parola "sostanze chimiche" e la categoria principale di risposte includeva parole come tossici, pericolosi, mortali, distruttivi, incidenti, uccisioni, dannosi, cattivi e tumori . Non una parola felice!
Potete vedere questo riflesso in un sacco di ciò che è stato nelle ultime notizie. Il titolo di una recente rubrica OpEd sul New York Times di Nick Kristof recitava "New Alarm Bells About Chemicals and Cancer". Il primo paragrafo di Kristof termina con "I prodotti chimici minacciano i nostri corpi", il punto di un rapporto di un gruppo di consulenti scientifici governativi sul cancro. Alla fine del paragrafo 16 Kristof riconosce che la parola ha altri significati … "Questo non vuol dire che le sostanze chimiche siano malvagie …", avverte, aggiungendo "… e in molti casi le prove contro una particolare sostanza sono bilanciate da altri studi che stanno esonerando . "Ma proprio come la nostra risposta al rischio, il significato pericoloso di" sostanze chimiche "ha la precedenza nella colonna, in questo caso di 15 paragrafi, rispetto ad altri modi in cui potremmo pensare alla parola.

Oppure guarda il crollo della piattaforma petrolifera Deepwater Horizon nel Golfo del Messico. Per ripulire la fuoriuscita di petrolio, i funzionari governativi e la BP stanno usando sostanze chimiche disperdenti che rompono l'olio. Le sostanze chimiche sono esse stesse tossiche, ma non tanto quanto l'olio, quindi è un tipo di scelta meno comune. Il titolo del New York Times su una storia di questo libro "Nel Golfo del Messico, Chemicals Under Scrutiny" Uh Oh! La parola "C"! L'articolo sottolinea chiaramente la preoccupazione per le "sostanze chimiche", e nel paragrafo sette il giornalista osserva che il disperdente non ha superato un test ambientale da parte degli inglesi. Ma un paragrafo dopo il rapporto ci dice che il test non era in un ambiente come il Golfo del Messico e la sostanza disperdente ha superato il test per l'uso in quel tipo di ambiente, il luogo in cui viene effettivamente utilizzato . Il potenziale spaventoso della sostanza chimica è venuto prima. L'altra, più pertinente e più rassicurante scoperta sulla sostanza chimica, arrivò seconda.

Non incolpare i giornalisti. Anche loro sono persone. (Ne ero uno, ed ero abituato a riferire sempre in questo modo, a riprodurre le parti spaventose e ad abbreviare le parti che moderavano le cose spaventose.) Questo è il modo in cui TUTTI rispondiamo al rischio. Se l'informazione, anche solo il significato di una parola, preannuncia pericolo, innesca sistemi di protezione che poi stabiliscono il contesto per come interpretiamo tutte le altre informazioni connesse a quella situazione.

Ma, come con "aeroplani" o "ospedali" o "pistole", ciò rende più difficile per noi tenere le nostre menti aperte su tutti i pro e contro su una situazione, una sostanza o una tecnologia. Il pericolo, anche se è solo suggerito dal significato di una parola, viene prima, scatenando una reazione protettiva che rende più difficile pensare attentamente a qualsiasi altra cosa. Il che significa che i giudizi che prendiamo sui rischi, dalla perforazione off shore al volo all'ospedale, potrebbero sentirsi protettivi ma potrebbero non produrre le scelte più ponderate, più sicure e più sane. Quindi … attenti alla vostra risposta al rischio. È buono a proteggerti, ma in un mondo di rischi moderni complessi, può metterti nei guai anche tu. Bastoni, pietre e parole possono spezzarsi in modo figurativo le tue ossa.

David Ropeik è un istruttore ad Harvard e autore di "How Risky Is It, Really? Perché le nostre paure non corrispondono sempre ai fatti "

Solutions Collecting From Web of "Bastoni e pietre e parole, PUO 'farti del male!"