Basta chiamarci HOH

C'è molto da fare in HLAA, la Hearing Loss Association of America, proprio ora. Abbiamo un nuovo direttore esecutivo dinamico, Anna Gilmore Hall, che nel suo primo anno ha compiuto enormi passi avanti nel portare i capitoli locali, le organizzazioni statali e l'organizzazione nazionale in una relazione coerente.

Alcuni capitoli, incluso il mio Capitolo di New York City, hanno adottato una struttura associativa One HLAA. Quando ti iscrivi al capitolo di New York diventi automaticamente un membro dell'Organizzazione nazionale e viceversa. Una parte della quota associativa va a National e una parte più piccola al capitolo. A New York sentiamo tutti che questo ci ha già reso una parte più coerente di una potente organizzazione nazionale di difesa.

Anna ha molti altri piani, tra cui l'istituzione di un'iniziativa sulla tecnologia dei consumatori. Siamo tutti confusi dalla pletora di tecnologie là fuori, persino dal genio della tecnologia Richard Einhorn, che ha parlato in precedenza alla convention. Quindi questa è un'iniziativa molto gradita.

Ma un problema più grande è il riconoscimento del nome. Nonostante il fatto che HLAA sia un difensore altamente efficace per la parità di accesso per coloro che soffrono di perdita dell'udito, spesso collaborando con l'AARP o il National Institute on Aging, rimane un segreto ben custodito. Penso che parte del problema sia che le persone con problemi di udito, specialmente gli adulti che probabilmente hanno ascoltato normalmente la maggior parte della loro vita, non sanno come definirsi.

Siamo costantemente in difficoltà quando cerchiamo di trovare un termine facile veloce. Alla convention annuale di quest'anno, ad Austin, Gael Hannan, blogger e performer canadese, ha fornito l'intrattenimento. Gael è sia un performer che un noto blogger sull'esperienza della perdita dell'udito. La sua routine di 20 minuti ha fatto divertire se stessa e tutti noi con perdita dell'udito. Ha imitato le nostre espressioni interrogative quando qualcuno parla e noi vogliamo che pensino che le capiamo. Le varie teste si inclinano per far sì che l'apparecchio acustico o l'impianto si inseriscano nel punto migliore per l'udito. Il "un-huhs" e "mmms" e annuisce a cui tutti noi ricorriamo quando non abbiamo ancora ottenuto ciò che è stato detto. Era acuto: sentivo sicuramente il pungiglione, come sono sicuro che gli altri lo facessero, ma completamente obiettivo e davvero divertente.

Mentre prendevo il taxi per l'aeroporto la mattina dopo alle 6 del pomeriggio, mi ritrovai a pensare allo spassoso ritratto di Gael della persona sordomuta che non vuole disturbarsi a spiegare. Mentre l'autista sbronzava per i 40 minuti del viaggio, dovetti quasi ridere mentre mi trovavo a dire "Mmmm …" e "Un-huh" e annuendo o corrugando la fronte dove sembrava appropriato.

Ma torniamo a quel termine "sordomuti". Come ha fatto notare Gael, i termini accettabili per le persone come noi, che non sono sordi ma non ascoltano nessuno, sono tutti goffi. Siamo persone affette da ipoacusia, ipoudenti (alcune persone non amano quella), adulti ritardati, sordi, udenti sfidati, qualsiasi cosa … Gael suggerisce che ci chiamiamo semplicemente HOH's – Hard of Hearing-s. E il suo schifo su quello aveva gli HOH tra il pubblico che ruggiva dalle risate. Grazie Gael!

In qualche modo, non penso che HOH lo saprà. Ma mi piace.

Solutions Collecting From Web of "Basta chiamarci HOH"