Basso colesterolo e suoi effetti psicologici

Mark, un dirigente di 43 anni, ha visto il suo medico per il suo fisico annuale. Rivedere i suoi test di laboratorio, il medico ha notato che il livello di colesterolo totale di Mark era per la prima volta superiore a 200 mg / dL.

Come misura preventiva il medico prescrisse una statina, una classe di farmaci per abbassare il colesterolo. I suoi livelli di colesterolo sono diminuiti, ma anche il suo umore. Mark ora stava lottando con l'ansia e la depressione.

Nel corso degli anni ho visto molti pazienti come Mark, in cura dai medici con il mantra di "più basso è il migliore" quando si tratta di livelli di colesterolo.

Sebbene i farmaci per abbassare il colesterolo possano ridurre il rischio di infarti o ictus, la nostra ossessione di abbassare il colesterolo ignora completamente le potenziali conseguenze psicologiche che possono verificarsi con il colesterolo basso.

Qualche anno fa un eccellente studio fu pubblicato sul Journal of Psychiatric Research con poca attenzione da parte della stampa e sostanzialmente nessuna reazione da parte dei miei colleghi. Il semplice studio ha seguito circa 4.500 veterani statunitensi per 15 anni. Alla fine dello studio i ricercatori hanno scoperto che gli uomini con bassi livelli di colesterolo totale e depressione avevano 7 volte più probabilità di morire prematuramente da cause innaturali come il suicidio e gli incidenti rispetto agli altri uomini nello studio!

Per molti anni, studi scientifici hanno collegato il basso livello di colesterolo alla depressione e comportamenti impulsivi, tra cui il suicidio e la violenza.

  • Uno studio del 1993 riportava: "Tra gli uomini di età pari o superiore a 70 anni, la depressione categoricamente definita era tre volte più comune nel gruppo con un basso colesterolo plasmatico totale … rispetto a quelli con concentrazioni più elevate …"
  • Uno studio condotto su uomini di età compresa tra i 40 e i 70 anni ha riscontrato che gli uomini con livelli di colesterolo totale bassi ea lungo termine "hanno una prevalenza più alta di sintomi depressivi" rispetto a quelli con livelli di colesterolo più alti.
  • Le donne con bassi livelli di colesterolo sono anche vulnerabili alla depressione. Uno studio svedese condotto su 300 donne sane, di età compresa tra i 31 e i 65 anni, ha concluso che le donne nel gruppo con colesterolo più basso – il 10 percento più basso – soffrivano di sintomi significativamente più depressivi rispetto agli altri dello studio.

La stragrande maggioranza della ricerca porta alla stessa conclusione; il basso livello di colesterolo porta a tassi più elevati di depressione o sintomi depressivi.

Per molti con depressione il suicidio è una realtà tragica. Poiché il colesterolo basso è legato alla depressione, il colesterolo basso è anche un fattore di rischio nei tentativi di suicidio.

  • I ricercatori dell'Università del Minnesota hanno scoperto che le persone con livelli di colesterolo totale inferiori a 160 mg / dL avevano più probabilità di commettere suicidio rispetto a quelli con livelli di colesterolo più alti.
  • I livelli di colesterolo e di grasso nel sangue sono risultati inferiori, in media, tra i pazienti con disturbo bipolare che avevano tentato il suicidio rispetto ai pazienti bipolari che non l'avevano fatto.
  • I risultati di uno studio del 2008 su pazienti psichiatrici ospedalizzati hanno suggerito che il basso livello di colesterolo può essere associato a tentativi di suicidio.

Il suicidio non è l'unico tipo di violenza associata a livelli di colesterolo più bassi. Omicidi e altri atti di violenza commessi contro altri sono stati trovati associati a bassi livelli di colesterolo.

Quando i ricercatori svedesi hanno confrontato le misurazioni del colesterolo di quasi 80.000 uomini e donne con successivi arresti per reati violenti, sono giunti alla conclusione che "il basso livello di colesterolo è associato a un aumento della successiva violenza criminale".

Gli scienziati, tuttavia, non sanno esattamente perché il basso livello di colesterolo è legato alla depressione, al suicidio e alla violenza. Alcuni ricercatori teorizzano che bassi livelli di colesterolo alterano la chimica del cervello, sopprimendo la produzione e / o la disponibilità di serotonina o altri neurotrasmettitori nel cervello.

Ma ciò che è chiaro e ciò che molti trascurano è il fatto che il colesterolo svolge un ruolo vitale nel corpo umano. Innanzitutto, è prezioso e necessario per una funzione cerebrale ottimale poiché il cervello è l'organo più ricco di colesterolo nel corpo.

Tra i suoi molti altri ruoli anche il colesterolo

  1. assicura che le pareti cellulari funzionino correttamente
  2. è convertito in vitamina D
  3. è usato per fare sesso e ormoni dello stress
  4. serve come una parte importante del rivestimento delle cellule nervose

Nonostante il ruolo vitale del colesterolo nella salute umana e nella sana funzione cerebrale, il colesterolo continua ad essere diffamato dalla professione medica. Con annunci costanti sui pericoli del colesterolo alto che portano a malattie cardiache, infarti e ictus, molti milioni di americani ogni anno vengono prescritte statine per abbassare il colesterolo.

C'è da meravigliarsi quindi che le 13 statine commercializzate generino più prescrizioni e più soldi in vendite rispetto a qualsiasi altra classe di farmaci da prescrizione ?!

È importante mettere da parte questo hype di marketing e apprezzare il ruolo fondamentale che il colesterolo gioca sia nella salute fisica e mentale, in particolare il suo ruolo nella depressione.

Il colesterolo basso è uno dei fattori più comuni che vedo nella depressione refrattaria al trattamento.

Nel dichiarare che, io valuto i livelli di colesterolo totale di tutti i pazienti affetti da depressione. Trovo che un livello di colesterolo totale inferiore a 150 mg / dL è spesso un fattore che contribuisce alla depressione. Aumentare i livelli di colesterolo con interventi dietetici o aggiustare la statina per alcuni pazienti può essere la chiave per curare la loro depressione.

Finirò questo blog con un elenco di riferimenti che supportano il legame tra il colesterolo basso e la salute mentale. Si prega di essere sicuri di controllare i riferimenti qui sotto.

  1. Sinatra, S. (2009, giugno). Schiarire la confusione di colesterolo. Lettera di Townsend , 52.
  2. Morgan, RE, et al. (1993). Colesterolo plasmatico e sintomi depressivi negli uomini anziani. Lancet , 341 (8837), 75-79.
  3. Steegmans, PH, et al. (2000). Maggiore prevalenza dei sintomi depressivi negli uomini di mezza età con bassi livelli di colesterolo nel siero. Medicina psicosomatica , 62 (2), 205-211.
  4. Horsten, M., et al. (1997). Sintomi depressivi, supporto sociale e profilo lipidico in donne di mezza età sane. Medicina psicosomatica , 59 (5), 521-528.
  5. Rafter, D. (2001). Marcatori biochimici di ansia e depressione. Psychiatry Research, 103 (1), 93-96.
  6. Borgherini, G., et al. (2002). Colesterolo sierico e sofferenza psicologica in pazienti depressi ospedalizzati. Acta Psychiatrica Scandinavica , 105 (2), 149-152.
  7. Shin, JY, Suls, J., & Martin, R. (2008). Il colesterolo e la depressione sono inversamente correlati? Una meta-analisi dell'associazione tra due fattori di rischio cardiaco. Annals of Behavioural Medicine , 36 (1), 33-43.
  8. Lehto, SM, et al. (2010). Bassi livelli di colesterolo HDL sierici sono associati a lunga durata dei sintomi in pazienti con disturbo depressivo maggiore. Psichiatria e Neuroscienze cliniche , 64 (3), 279-283.
  9. Neaton, JD, et al. (1992). Il livello di colesterolo sierico e i risultati di mortalità per gli uomini esaminati nella prova di intervento a più fattori di rischio. Gruppo Rserach di prova di intervento su più fattori di rischio. Archivi di medicina interna , 152 (7), 1490-1500.
  10. Vuksan-Cusa, B., et al. (2009). Differenze nel colesterolo e nella sindrome metabolica tra uomini con disturbo bipolare con e senza tentativi di suicidio. Progressi in Neuropsychopharmacology & Biological Psychiatry , 33 (1), 109-112.
  11. Perez-Rodriguez, MM, et al. (2008). Un basso livello di colesterolo sierico può essere associato a un tentativo di anamnesi del suicidio. Journal of Clinical Psychiatry , 69 (12), 1920-1927.
  12. Atmaca, M., et al. (2008). Lepidemia sierica e valori di colesterolo nei tentativi di suicidio violenti e non violenti. Psychiatry Research , 158 (1), 87-91.
  13. Golomb, BA, Stattin, H., & Mednick, S. (2000). Colesterolo basso e crimine violento. Journal of Psychiatric Research , 34 (4-5), 301-309.
  14. Lalovic, A., et al. (2007). Contenuto di colesterolo nel cervello di coloro che completano il suicidio. International Journal of Neuropsychopharmacology , 10 (2), 159-166.
  15. Wilson, D. (2010, 30 marzo). Rischi visti nel consumo di colesterolo in persone sane. New York Times, A1.

Solutions Collecting From Web of "Basso colesterolo e suoi effetti psicologici"