Bashing di Twitter: non incolpare gli strumenti

Come psicologo positivo, spendo molta della mia energia cercando di capire cosa è giusto o positivo con qualcosa, e come può aggiungere valore alle nostre vite, anche in piccoli modi. (Da qui il mio post "Dieci cose che amo su Twitter", e grazie a Tim Pychyl [Twitter: un commento sul comportamento saltuario] per continuare la conversazione.) Non credo che i comportamenti che le persone si preoccupano di Twitter e dei social media siano non nuovo con questi strumenti. Ma incolpare gli strumenti è come incolpare il martello per colpire il pollice.

Dal punto di vista terapeutico, potremmo essere più efficaci nel chiedere: qual è il beneficio per l'individuo dei comportamenti. Le persone non fanno cose senza un beneficio positivo percepito, anche se ciò che è positivo per una persona sembra negativo per gli altri. È così che definiamo la patologia. Se la quantità di tempo dedicata a questi comportamenti è dirompente o dannosa, potremmo voler chiedere all'individuo: sono questi gli obiettivi giusti o è il modo migliore in cui possono essere raggiunti?

Dobbiamo anche essere consapevoli dei rapidi e radicali cambiamenti nelle tecnologie di cui siamo stati testimoni negli ultimi 20 o persino 10 anni. Potrei essere un "early adopter" della tecnologia, ma sono comunque cresciuto con un telefono cablato al muro della cucina. (Non sono un dinosauro totale, almeno aveva pulsanti.) Ciò significa che interpreto le nuove tecnologie come sostituti di vecchi modi di fare le cose, piuttosto che solo come è fatto. L'uso più comune dei telefoni cellulari tra i bambini è sms e tempo di raccontare, non parlare. Per loro, questi non sono "telefoni" nel modo in cui sono cresciuto pensando a loro.

Prima di mandare un sms, i genitori si sono lamentati delle ore trascorse con gli adolescenti al telefono. Socrate era preoccupato che tutti diventassero deboli di mente dal non dover impegnare le informazioni a memoria quando le persone cominciarono a scrivere le cose. Come Rosanne Rosannadanna di SNL soleva dire "Va solo a mostrarti, è sempre qualcosa".

Sulla base dei risultati di ottobre 2008, i ricercatori di Pew Internet riferiscono che, contrariamente alle preoccupazioni popolari, la vita familiare non è stata indebolita dalle nuove tecnologie. Hanno scoperto che le famiglie hanno compensato il ritmo della vita moderna con telefonate, e-mail e messaggi di testo e altre nuove forme di comunicazione. Secondo il professore di sociologia dell'Università di Toronto e autore di relazioni Barry Wellman, "C'erano stati alcuni timori che Internet stia allontanando le persone le une dalle altre. Abbiamo trovato esattamente il contrario. "

È bello esaminare noi stessi per vedere se i nostri modelli di comportamento (qualsiasi comportamento, non solo quelli relativi alla tecnologia) sono autodistruttivi. La continua procrastinazione è sicuramente una di queste. Posso anche apprezzare la propensione all'eccesso di popolazioni di adolescenti e college che trasformano i loro genitori prematuramente in grigio. I bambini sono completamente occupati a lottare attraverso i riti evolutivi del passaggio all'età adulta e ai keggers. È un'epoca di insicurezza e vulnerabilità, non molto capacità di pianificazione a lungo termine con un pizzico di sfida lanciata solo per rendere le cose interessanti, o come diciamo sui nostri ragazzi in età universitaria, "sono grandi, ma sono poco . "Ma non dimenticare, hanno anche una comprensione completamente diversa di come questi strumenti si intersecano con le loro vite.

Credo che lo squilibrio e l'abuso siano sintomi dei bisogni individuali, non della sostanza (o della tecnologia) della scelta. Concentrare troppo le nostre preoccupazioni sulla tecnologia può distrarci dall'impegnarci con usi più positivi della tecnologia e, cosa più importante, i bisogni dell'individuo.

foto: iStockphotos.com, Twitter.com, Gilda Radner: USAToday.com

Solutions Collecting From Web of "Bashing di Twitter: non incolpare gli strumenti"