Baratto per la salute: Disperato deterioramento dello Zimbabwe

New York Times
Fonte: New York Times

Lungamente tormentato da debiti paralizzanti, inflazione astronomica, carestia e un'economia crollata, lo Zimbabwe, una volta uno dei paesi più ricchi dell'Africa e un esportatore netto di alimenti, minerali e numerosi beni, è ora tra i più poveri.

La maggior parte degli osservatori e dei cittadini dello Zimbabwe, se non temessero rappresaglie per averlo detto, darebbe la colpa al deterioramento del presidente dispotico del paese, Robert Mugabe, che ha mantenuto il potere da quando ha aiutato a condurre il paese all'indipendenza dalla Gran Bretagna 1980. Tra gli uomini più ricchi d'Africa, con milioni incalcolabili nascosti nei conti bancari svizzeri, Mugabe non solo ha sottratto gran parte della vasta ricchezza del paese a diamanti e oro, minacciando avversari e critici, ma ha anche, per decenni, detenuto il nazione ostaggio della propria psicosi ben documentata.

La comunità delle Nazioni Unite e del mondo per Mugabe era così disperata da smettere, le recenti rivelazioni di WikiLeaks chiariscono che Kofi Annan stesso, allora Segretario generale delle Nazioni Unite, avrebbe offerto a Mugabe "un lucroso pacchetto di pensionamenti in un paradiso oltreoceano se si fosse fermato come presidente dello Zimbabwe. "L'offerta straordinaria apparentemente è stata fatta per dare a Mugabe un incentivo per uscire volontariamente dalla scena politica, forse supponendo che avesse conservato qualche preoccupazione per la sua eredità. Ma Mugabe ha apparentemente rifiutato l'offerta il giorno dopo, e ora, con le elezioni che si profilano il prossimo mese e, con loro, la quasi certezza di una frode elettorale più diffusa, sta correndo per un altro mandato.

La notizia del baratto con offerte così lucrative, con uno che ha già rubato così tanto alla sua gente, arriva in un rapporto del New York Times due giorni fa che un ospedale non lontano da Harare, la capitale della nazione, si è trasformato in baratto medico trattamento per capre, pecore, semi di girasole e persino noccioline, poiché i suoi pazienti hanno così pochi soldi a disposizione.

L'articolo del Times , "I poveri baratti dello Zimbabwe per la salute", arriva sei anni dopo un rapporto simile nello stesso giornale, "Con il sistema sanitario in Tatters, lo Zimbabwe sta indifeso", che illustrava la situazione di un altro ospedale dello Zimbabwe poco fornito cercando di combattere un focolaio di colera senza nemmeno candeggina o sale.

"Solo un decennio fa", ha riferito Michael Wines nel 2004, "il sistema sanitario pubblico dello Zimbabwe era, con il Sudafrica, di gran lunga superiore a quello della maggior parte delle 40 strane altre nazioni dell'Africa sub-sahariana. Ma in un viaggio di una settimana attraverso lo Zimbabwe orientale e centrale, sia verso le città che verso città remote come Binga [che ospita l'ospedale in questione], era evidente che l'assistenza sanitaria – come il resto del tessuto economico e sociale dello Zimbabwe – si sta dissolvendo ".

"Tre anni di caduta libera economica e inflazione, ora in media del 620 per cento all'anno, hanno lasciato lo Zimbabwe disperatamente a corto di farmaci e attrezzature mediche di base, spingendo una rete di ospedali un tempo robusta e centinaia di cliniche rurali vicine alla rovina".

Riportando due giorni fa sull'altro ospedale dello Zimbabwe (a Chidamoyo), Celia Dugger ha dato un aggiornamento ancora più cupo alla situazione già disperata: "L'ospedale, insieme a innumerevoli cittadini dello Zimbabwe, ha iniziato a barattare seriamente nel 2008 quando l'inflazione ha raggiunto il picco Le stime del Fondo Monetario Internazionale sono state un sorprendente 500 miliardi di dollari, spazzando via i risparmi di una vita, facendo persino banconote da un trilione di dollari senza valore e spingendo i sistemi sanitari e scolastici in un vertiginoso collasso ".

Quando lo Zimbabwe ha rimpiazzato la sua valuta con il dollaro USA, l'inflazione è scesa dalla stratosfera, ma i dollari ora sono così spaventosi, anche perché Mugabe ha dovuto fare un grosso rimborso al Fondo monetario internazionale che il paese non poteva permettersi, che il cambio ha sostituito la valuta transazioni tra molti dei più poveri della nazione.

Aggiunge Dugger, "Un recente rapporto delle Nazioni Unite suggerisce quanto lontano debba andare lo Zimbabwe. È ancora più povero di uno qualsiasi dei 183 paesi per i quali le Nazioni Unite hanno dati sul reddito. È anche uno dei soli tre paesi al mondo ad essere peggio di adesso con misure combinate di salute, istruzione e reddito rispetto a 40 anni fa, le Nazioni Unite hanno trovato ".

Se questo sembra un racconto di inevitabilità, ripensateci. Nel 1988, quando insegnavo per un anno in Zimbabwe, una delle più grandi reti di insegnanti, ingegneri, infermieri e medici che erano orgogliosi di contribuire al nuovo paese indipendente, la nazione prospera vantava un'infrastruttura eccellente, con industrie leggere, miniere , turismo esteso e fattorie produttive che hanno esportato cibo in tutto il continente. Il paese era anche (sorprendente da ricordare) un esempio politico per il suo vicino meridionale, il Sud Africa, che era ancora sotto il dominio dell'apartheid, con Nelson Mandela anche in prigione. A quei tempi, lo Zimbabwe si dedicava a dedicare un terzo del suo PIL al miglioramento delle sue scuole, con una stampa nazionale istituita anche per stampare e distribuire libri di testo a quante più scuole cittadine e rurali possibile.

La ripresa delle fortune del paese è stata impressionante e contagiosa. Sette dei miei migliori studenti di livello A andarono a studiare all'Università dello Zimbabwe, allora un'istituzione fiorente, se uno già criticava il presidente per il suo rifiuto di permettere a un terzo candidato di scagliarsi contro di lui. La risposta di Mugabe al dissenso dell'università fu di chiuderla, espellendo letteralmente ogni studente, prima di incoraggiare quelli a riappropriarsi di chi potesse portarsi a promettere fedeltà alle sue politiche sempre più draconiane.

Tuttavia, per quanto sia allettante sia la colpa del collasso dello Zimbabwe alla porta di Mugabe, un'altra ragione chiave per il rapido deterioramento del paese sono le brutali sanzioni che le economie occidentali e le Nazioni Unite hanno inflitto al paese. Presumibilmente prendendo di mira solo elementi corrotti all'interno dello ZANU-PF, il principale partito politico del paese, al fine di spremere Mugabe dal potere, le sanzioni hanno invece fatto implodere l'economia mentre Mugabe è ancora saldamente in carica. Come Tawanda Hondora ha pubblicato su Newzimbabwe.com l'anno scorso, "i problemi economici dello Zimbabwe sono il risultato diretto di una campagna concertata e sistematica per attuare un cambiamento di regime attraverso un'implosione economica".

"Quel Mugabe è un dittatore brutale e brutale che deve essere rimosso dal suo incarico non è in dubbio", ha continuato Hondora, dopo aver approfondito i dettagli su ciò che le sanzioni dovrebbero portare a termine e su come stanno effettivamente facendo del male agli innocenti. "E 'comunque immorale causare la rimozione di Mugabe dall'incarico precipitando il crollo di un paese africano in via di sviluppo, solo recentemente indipendente, ora devastato dalla carestia attraverso un regime di sanzioni economiche".

"Gli Stati Uniti hanno introdotto sanzioni economiche sullo Zimbabwe attraverso la Democrazia dello Zimbabwe e la legge sul recupero economico, 2001 (ZIDERA)", ci ricorda. "Attraverso questa emanazione, l'accesso dello Zimbabwe alla finanza e alle linee di credito è stato incenerito in modo efficace …. Allo scoccare di una penna, l'accesso dello Zimbabwe ai mercati internazionali del credito è stato bloccato. E facendo affidamento esclusivamente sul commercio di baratto, sul commercio, sull'estrazione mineraria, sulle concessioni agricole e sulle esportazioni di valuta estera, l'economia dello Zimbabwe è stata lentamente ma sicuramente asfissiata ".

"È evidente", aggiunge, che "alcuni dei paesi più potenti del mondo hanno messo in atto misure per provocare la caduta di Mugabe orchestrando il collasso economico dello Zimbabwe. [Ma] è sbagliato confondere lo Zimbabwe con la personalità di Mugabe. Sono due entità distinte. Inoltre, non può essere corretto affermare che il sostegno economico sarà fornito al paese una volta che il suo leader sarà fuori dal potere. . . . Non importa quanto sia malvagio un dittatore Mugabe, non può essere giusto forzare la sua rovina uccidendo la nascente economia del paese, cancellando i guadagni realizzati dopo il 1980 e peggiorando la crisi dell'AIDS e della disoccupazione ".

Con riluttanza, dato il raccapricciante record di Mugabe, devo essere d'accordo. Sebbene le sanzioni fossero ovviamente ben intenzionate, non sono state così precise e mirate come molti vorrebbero credere. Hanno invece fatto implodere l'economia del paese, con il risultato, come abbiamo visto da recenti relazioni, che i poveri dello Zimbabwe sono ora costretti a contrattare il loro sostentamento – pecore, capre e cibo per le loro famiglie – se sono ricevere cure mediche, anche per le emergenze.

Personalmente ho aborrito quello che Mugabe ha fatto allo Zimbabwe e vorrei vederlo processato all'Aja per il suo grave abuso di diritti umani. Ma non può essere giusto far soffrire in questo modo una nazione un tempo prospera, con l'idea chiaramente sbagliata che convincerà un megalomane a liberare la sua stretta mortale sul paese. "Non è vero", chiede Hondora, "che un popolo economicamente indipendente ha molte più probabilità di votare o di ribellarsi contro un dittatore brutale?"

La domanda potrebbe ovviamente essere posta con Cuba, la Corea del Nord e molti altri paesi in mente. È una domanda, tuttavia, che pone una notevole urgenza per lo Zimbabwe e il suo popolo, che sono alla disperata ricerca di cambiamenti, ma che ancora, anni dopo aver combattuto per la loro indipendenza, vivono legati a un tiranno.

christopherlane.org Seguimi su Twitter @christophlane

Aggiornamento delle elezioni del 25 dicembre : "I timori di Mugabe's Iron Grip sullo Zimbabwe".

New York Times
Fonte: New York Times

Solutions Collecting From Web of "Baratto per la salute: Disperato deterioramento dello Zimbabwe"