Barack Obama vs Sarah Palin: come valutiamo i nostri leader

Il presidente Obama e il candidato alla vicepresidenza, Sarah Palin, sono entrambi costantemente nelle notizie. Uno detiene la posizione di leadership nella nazione, l'altro aspira ad esso. Rappresentano i due partiti politici sempre più polarizzati. Entrambi sono relativamente giovani, neofiti della scena politica. La domanda è questa: come valutiamo la leadership (e il potenziale di leadership) dei leader politici della nostra nazione? La risposta breve è "male".

Voglio discutere due processi psicologici che governano il modo in cui valutiamo i leader, e ci inducono a fare valutazioni molto generali (e forse imprecise) dei nostri leader. "Euristica" si riferisce alle scorciatoie mentali che siamo inclini a prendere. La ricerca ha dimostrato che le persone tendono ad essere "avari cognitivi" – usando un pensiero limitato e di scorciatoia anziché un'analisi critica. In breve, tendiamo ad essere pigri quando si tratta di pensare. Di conseguenza, piuttosto che analizzare se il nostro leader stia facendo un buon lavoro considerando il comportamento del leader nelle varie (e spesso complesse) componenti del lavoro [nel caso del Presidente, ci sono un certo numero di aree chiave: l'economia , le guerre, le relazioni estere, la lista continua e avanti], formuliamo giudizi rapidi e superficiali.

Quelli che sono negativi su Obama dicono "Dov'è il cambiamento promesso?" E non vedere alcun tipo di trasformazione lo considera un fallimento. Alcuni sostenitori di Obama usano la formula della scorciatoia, "È meglio di Bush". Purtroppo i media cadono vittima di una scorciatoia che pensa sé stessa e presenta analisi superficiali o, peggio ancora, usa sondaggi di opinione pubblica (ironicamente, che sono il risultato collettivo di chi usa scorciatoia di pensiero) per determinare le prestazioni del presidente. [Un buon esempio è l'analisi della recente caduta dei numeri di sondaggio di Obama che suggerisce che la maggior parte di essa è guidata dalla preoccupazione delle persone per l'economia statunitense – ancora una volta semplice analisi "di scelta rapida"].

Le stesse scorciatoie mentali si applicano alle valutazioni di Sarah Palin. "È un anticonformista", "un patriota" o un "vero conservatore". C'è poca considerazione delle sue qualifiche, delle sue esperienze o di altri criteri che la renderebbero un buon presidente. In tutta onestà, Barack Obama non era eccezionalmente qualificato per la Presidenza, e la sua esperienza impallidisce rispetto al suo Vice Presidente, Joe Biden. (Ho sostenuto anni fa che se l'esperienza e le qualifiche fossero importanti, Al Gore sarebbe stato Presidente nel 2000).

Il secondo processo psicologico che influenza la nostra capacità di giudicare obiettivamente e accuratamente le prestazioni di un leader è il nostro sentimento, positivo o negativo, riguardo al leader. Forti emozioni a volte possono offuscare il nostro giudizio e compromettere la nostra capacità di analizzare criticamente le prestazioni del leader. Ci sono molti casi in cui i leader inefficaci rimangono al potere semplicemente perché sono amati e supportati dalla maggioranza, che lascia che i loro sentimenti positivi per il leader trascurino le scarse prestazioni.

Seguimi su Twitter:

www.twitter.com/#!/ronriggio

Solutions Collecting From Web of "Barack Obama vs Sarah Palin: come valutiamo i nostri leader"