Bandire i musulmani è illegale e razzista

Sunil Bhatia
Fonte: Sunil Bhatia

Venerdì, il presidente Trump ha firmato un ordine esecutivo – della durata di almeno 90 giorni – per vietare agli immigrati di entrare negli Stati Uniti dai sette paesi prevalentemente musulmani di Iran, Iraq, Siria, Yemen, Sudan, Libia e Somalia. È fondamentale comprendere la psicologia culturale implicita in questa azione. Questo ordine esecutivo ha implicazioni psicologiche per una comunità emarginata significativa e quindi merita di essere analizzato attentamente. L'ordine sembrò sbrigativo per le lezioni della storia, come fu insensibilmente pubblicato sulla Giornata della memoria dell'Olocausto. Questo ordine non è solo illegale, ma è anche discriminatorio, in quanto esclude un gruppo di persone che entrano negli Stati Uniti specificamente a causa della loro origine nazionale e delle loro convinzioni religiose. La mossa di vietare gli immigrati musulmani è illegale sulla base del Congresso del 1965 che ha vietato l'immigrazione in base all'origine nazionale. Un estratto dell'ordine esecutivo tenta di giustificare quanto segue: "Al fine di proteggere gli americani, gli Stati Uniti devono assicurarsi che coloro che sono ammessi in questo paese non sopportino atteggiamenti ostili nei suoi confronti e nei suoi principi fondanti. Gli Stati Uniti non possono, e non dovrebbero, ammettere coloro che non appoggiano la Costituzione, o quelli che metterebbero ideologie violente sulla legge americana. "Dato che è stato emesso esclusivamente per le popolazioni che risiedono in paesi musulmani, vi è un'assunzione infondata che I musulmani di questi paesi hanno "ideologie violente". Una dichiarazione così potente avrà un effetto raggelante sulla più ampia comunità musulmana americana che vive negli Stati Uniti. Mette su avviso i musulmani in America e musulmani in tutto il mondo e pone la loro religione e identità sotto una nuvola di sospetti.

Questo ordine esecutivo rimanda a un periodo storico della storia americana, quando i suoi principi costituzionali di giustizia per tutti furono regolarmente compromessi nel corso della sua storia. Oggi tutti gli americani hanno la possibilità di chiedersi se mettere al bando i musulmani di specifiche nazioni e sospendere il programma di rifugiati per le persone vulnerabili e sfollate della Siria rifletta accuratamente i nostri valori professati di uguaglianza, libertà e democrazia. Cosa significherà questo per un gruppo emarginato i cui membri sono stati sottoposti a un immenso stress per oltre un decennio, per essere aggrediti con nuove leggi volte a minare le loro credenze religiose, nazionalità e identità culturali? Abbiamo attraversato periodi bui della storia dell'immigrazione americana e i risultati sono stati tragici per molti gruppi e nazionalità, ma gli ultimi decenni hanno dimostrato che l'America beneficia dell'inclusione. Abbiamo bisogno di ricordare a noi stessi di non ripetere gli errori del passato.

I giorni bui degli atti di esclusione

La legge sull'esclusione cinese del 1882 fu approvata come risposta alla percezione che gli immigrati cinesi non potevano assimilare alla società statunitense. Il 1907 "gentleman's agreement" prima immigrazione giapponese limitata, poi nel 1917 gli immigrati indiani asiatici furono ristretti, seguiti nel 1924 dall'Oriental Exclusion Act che sospendeva l'immigrazione dal continente asiatico, e nel 1934 la legge Tydings-McDuffie limitò l'immigrazione filippina negli Stati Uniti. Dopo quarant'anni di discriminazione, la cittadinanza attraverso la naturalizzazione è stata negata a tutti gli asiatici dal 1924 al 1943. Lo scopo principale della sponsorizzazione di questi atti di esclusione era di assicurare che il flusso di immigrazione extraeuropea fosse contenuto, e questi immigrati erano ammessi "in" solo per soddisfare le richieste dei mercati del lavoro fluttuanti negli Stati Uniti (Bhatia, 2007, Mohanty, 1999).

Quello che sappiamo dalla storia è che le leggi statunitensi sull'immigrazione, la naturalizzazione e la cittadinanza erano storicamente basate su ideologie razziste che hanno svolto un ruolo cruciale nel plasmare e definire le esperienze degli immigrati nei loro luoghi di lavoro, quartieri, scuole, luoghi di culto e comunità più ampia. Tale stereotipizzazione, razzializzazione e alterazione era direttamente connessa alle leggi sull'immigrazione sponsorizzate dallo stato degli Stati Uniti. Quando i nuovi immigrati, siano essi caraibici, cileni, cinesi, indiani, messicani o vietnamiti, entrano negli Stati Uniti, vengono presentati alle storie, eredità e il patrimonio di immigrazione del loro rispettivo gruppo etnico (Bhatia, 2007). Immagina solo l'impatto che questo ordine esecutivo avrà sui giovani giovani musulmani americani cresciuti negli Stati Uniti e che ora stanno affrontando un intenso e spesso ingiusto scrutinio della loro religione. Le famiglie americane-iraniane di seconda o terza generazione od americane-somale di seconda generazione, che si identificano sia con il loro patrimoni americano che con quello iraniano o somalo, vengono essenzialmente sentite dal nuovo capo del loro stesso governo che la patria dei genitori, la loro eredità, la religione e le tradizioni sono sospette e sono sinonimo di terrorismo.

L'impatto psicologico e comunitario dell'esclusione razziale e sociale

I processi di esclusione razziale sono strutturali, sistemici, culturali e personali. Le sue conseguenze sono sempre vissute attraverso il tessuto della comunità, il corpo individuale e il paesaggio psicologico. In passato, le leggi di esclusione del governo degli Stati Uniti hanno influenzato la vita quotidiana dei lavoratori immigrati e delle loro famiglie. Gli aspri effetti di questi atti di esclusione hanno avuto gravi ripercussioni sulle configurazioni delle famiglie di immigrati (in alcuni casi donne e bambini non potevano migrare), e alla fine hanno stabilito confini costanti: stranieri e insider, immigrati del primo mondo contro il terzo mondo, nativi contro stranieri , Americani contro non americani e Bianchi contro non bianchi. Tali relazioni di outsider-insider sono state filtrate attraverso la lente della dominanza razziale e della gerarchia socioeconomica. Queste perniciose distinzioni sono state mantenute coerentemente in tutti gli Stati Uniti: molte comunità di migranti si sono confrontate con provocazioni razziste, esclusione sociale e stigmatizzazione quando hanno iniziato a stabilirsi nelle città e nelle periferie urbane. È importante ricordare questa parte oscura e tragica della storia americana, per comprendere il contesto attuale in cui l'ordine esecutivo di Trump può incoraggiare gli altri a incanalare la loro rabbia e odio nei pregiudizi contro le comunità musulmane.

L'ordine esecutivo è un esempio di razzismo strutturale che è stato a lungo in divenire. Risale all'11 settembre 2001, quando la Guerra al Terrore ha aperto un capitolo di legittimazione dell'odio contro i musulmani. Subito dopo gli eventi dell'11 settembre ci fu una violenta reazione negli Stati Uniti contro i musulmani e coloro che si pensava fossero musulmani. Più specificamente, il periodo successivo al 9/11 ha creato negli Stati Uniti una nuova categoria di identità con cui gli arabi, i musulmani e gli uomini del Medio Oriente erano percepiti come cittadini sleali e non patriottici, o come individui che potrebbero far parte di reti terroristiche. I musulmani erano colpevoli fino a prova contraria.

I ricercatori Fine and Sirin (2007, p.4) ci ricordano che l'11 settembre 2001 "di fronte a classi, comunità, religiosità, stato documentato e non documentato, genere e politica, i giovani musulmani-americani e le loro famiglie furono bruscamente sfrattato dalla comunità morale della cittadinanza psicologica negli Stati Uniti … In un istante "loro" non potevano più essere fidati. Dovevano essere osservati, detenuti e talvolta deportati ". Questi studiosi hanno chiesto a oltre 200 ragazzi e ragazze musulmani americani e giovani uomini e donne di" disegnare una mappa del tuo Sé ". Queste mappe hanno rivelato lo spazio psicologico che questi giovani hanno vissuto come loro le identità e le soggettività sono state modellate dai conflitti globali, dalla rappresentazione mediatica negativa di arabi e musulmani e dalla retorica razzista che divide i media in generale. Fine e Sirin (2007, p.5) hanno scritto:

Molte delle mappe rappresentavano immagini di conflitto, tensione e paura. Un giovane disegnò una faccia divisa a metà, con le parole americano e musulmano che incorniciavano il volto simile a quello di Janus; due lacrime grondanti dal lato etichettato americano e le parole "lacrime di razzismo" scarabocchiato sul fondo. Allo stesso tempo, molti altri hanno disegnato immagini ibride che mescolavano le bandiere del paese d'origine e degli Stati Uniti, fiumi alimentati da acque musulmane e "americane"; contorni di se stessi in hijab con le cuffie; basket e corano e altri ritratti di soggettività creative e innovative al trattino.

Queste mappe illustrano i modi in cui gli eventi politici, le costruzioni culturali dei musulmani, l'islamofobia combinata con ansie personali, paure e fantasie sulla loro patria e l'ostia hanno modellato la loro formazione di identità. Considera oggi come i giovani musulmani americani potrebbero interpretare questo ordine esecutivo che bandisce i musulmani da sette nazioni, una delle quali è la patria dei loro genitori. Quali tipi di dubbi, ansie, paure, razzismi interiorizzati o conflitti potrebbero questo ordine creare nei sé in via di sviluppo dei giovani musulmani americani?

Oggi i musulmani americani sono ancora sotto attacco. L'ordine esecutivo di Trump ha creato l'opportunità strutturale per una seconda reazione razzista contro le comunità musulmane. Nel frattempo i musulmani-americani che hanno visto le loro moschee vandalizzate o bruciate e la loro comunità sottoposta alla sorveglianza della polizia saranno vulnerabili a sperimentare ondate più profonde di alienazione culturale e razziale. Ciò a cui stiamo assistendo è la psicologia del razzismo che viene istituzionalizzata con la piena impronta della legge. Il GOP e il popolo americano non possono rimanere in silenzio; hanno bisogno di resistere a questo ordine su tutti i fronti. Le comunità di fede, i gruppi per i diritti umani e i cittadini di ogni provenienza devono fare tutto il possibile per impedire l'esclusione razziale e morale della comunità musulmana in America. Nel 2015, una fotografia di Aylan Kurdi, il rifugiato siriano di 3 anni il cui corpo senza vita è stato trovato su una spiaggia turca, ha catalizzato l'indignazione globale per le condizioni dei migranti e dei rifugiati in fuga dai conflitti interni e internazionali. La sua faccia e il suo corpo immobili premuti contro la bella sabbia e le onde della spiaggia sono diventati emblematici della tragedia degli 11 milioni di siriani sfollati a causa della prolungata guerra civile. Il governo degli Stati Uniti dovrebbe assicurarsi che tutti i bambini e le famiglie che fuggono dalle zone di guerra e conflitto non subiscano il danno e il rischio di Aylan Kurdi e della sua famiglia. Dobbiamo rompere le strutture che producono razzismo, odio ed esclusione sociale accogliendo le famiglie di rifugiati che sono in crisi e invertendo il divieto di immigrazione che è imposto alle sette nazioni musulmane.

Bhatia, S. (2007). Karma americano: razza, cultura e identità nella diaspora indiana. New York: New York University Press.

Bene, M., & Sirin, K. (2007). Teorizzare i sé separati: ricerca dello sviluppo giovanile in e attraverso contesti politici conflittuali. Compasso di psicologia sociale e di personalità (1), 16-38.

Mohanty, CT (1991). Cartografie di lotta: donne del terzo mondo e politica del femminismo. In CT Mohanty, A. Russo, e L. Torres (Eds.), Le donne del terzo mondo e la politica del femminismo (pp. 2-47). Bloomington, IN: Indiana University Press.

Solutions Collecting From Web of "Bandire i musulmani è illegale e razzista"