Bambini portati da genitori alla frontiera: amore e dolore

Siamo grati agli operatori umanitari che controllano i bambini – se autorizzati a farlo.

Wikimedia, ACLU and Snopes

Fonte: Wikimedia, ACLU e Snopes

Sembra che l’amore sfugga a molti di noi negli Stati Uniti mentre tentiamo di far fronte a una politica amministrativa che sta prendendo in giro i bambini che singhiozzano da genitori in cerca di asilo al confine con il Messico. E dove sono finite le centinaia di bambini persi nel sistema?

AGGIORNAMENTO: A partire dal 16 agosto 2018 – questo dalla Washington Pos : Monitoraggio della separazione della famiglia migranti – 565 bambini ancora separati.

Le associazioni pediatriche e psichiatriche hanno espresso preoccupazione. Tuttavia, potremmo porci alcune domande sul benessere di questi bambini, proprio come procede il processo legale. Il 25 maggio 2018 The Nation ha riferito: ICE sta inviando un messaggio ai richiedenti asilo del mondo: gli Stati Uniti non sono luoghi di rifugio. Il 10 giugno 2018, l’ACLU dell’Arizona ha riportato sul suo sito web: ACLU e Partners File Suit contro la pattuglia di frontiera degli Stati Uniti per il trattamento selvaggio nelle strutture di detenzione notando:

“Il governo è ben consapevole che questo sta succedendo. In risposta a un reclamo ACLU del 2014, il Dipartimento della Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti ha riconosciuto “problemi ricorrenti” con le condizioni di detenzione della Border Patrol. Tuttavia, il governo non ha attuato alcuna riforma significativa e continua a negare l’accesso a osservatori esterni, compresi gli avvocati “.

L’accesso alle prigioni private è negato agli avvocati, agli osservatori e persino ai senatori statunitensi che hanno tentato di visitarlo. Forse è tempo per un appello alla coscienza. Suor Simone Campbell con le sue monache sul bus, insieme a vescovi e preti, rabbini e sacerdoti di tutte le confessioni potrebbero tentare assegni di welfare. Questi bambini sono stati portati qui da genitori che li hanno amati abbastanza da rischiare un lungo e incerto cammino verso la libertà. Ci fa arrabbiare per vedere come vengono trattati.

Spesso quando siamo arrabbiati, ci scagliamo semplicemente contro l’altra persona. Quando si parla di Trump e Sessions, le persone sfogano su Twitter, Facebook o Instagram. Può alleviare parte della tensione e dell’oltraggio che proviamo. Potrebbe incoraggiarci a intervenire presso lo stand di voto a novembre. Ma per quanto riguarda ora? Mettendo da parte le implicazioni politiche, diamo un’occhiata alle domande che dovremmo porci e chiedendoci come possiamo dormire la notte sapendo che i bambini sono traumatizzati.

  • I bambini sono affamati?
  • Si svegliano di notte e hanno bisogno di bere?
  • Si svegliano urlando perché stanno avendo degli incubi?
  • Vogliono solo essere trattenuti?
  • Hanno freddo o si sentono male?
  • C’è un mostro nella loro gabbia – non sotto i loro letti – perché stanno dormendo sul pavimento?
  • E per quanto riguarda i bambini: hanno bisogno di un cambio di pannolino?
  • I bambini hanno l’irritazione da pannolino?
  • I dolori alle orecchie mantengono i bambini svegli e piangono?

Qualcuno di noi può immaginare un simile orrore per i nostri stessi figli? Abbiamo bisogno di una contabilità completa.

Il rappresentante Pramila Jayapal ha visitato la detenzione SeaTac e ha detto che le madri potevano sentire i loro figli urlare e piangere per loro nella stanza accanto. Ha assicurato alle madri che avrebbe permesso a tutti quelli che erano al di fuori di saperlo e avrebbe combattuto per un avvocato, ( The Nation , 11 giugno 2018)

Aggiornamento: 13 giugno 2018 Oltre ai membri del Congresso e ai privati ​​cittadini che protestano contro questa pratica inconcepibile, la Conferenza dei vescovi cattolici ha condannato la tolleranza zero. E il Boston Globe ha riferito che il cardinale di Sean O’Malley declina le politiche sull’immigrazione di Trump: afferma che la separazione familiare terrorizza i bambini.

American Academy of Pediatrics e American Psychiatric Association

Il 4 marzo, l’American Academy of Pediatrics ha emesso la seguente dichiarazione contraria alla politica di separazione dei minori alla frontiera:

“I pediatri lavorano per tenere insieme le famiglie in tempi di conflitto perché sappiamo che in qualsiasi momento di ansia e stress, i bambini devono stare con i loro genitori, familiari e badanti. I bambini non sono solo dei piccoli adulti e hanno bisogno dei loro cari per confortarli e rassicurarli “.

Chi sta aiutando? L’avvocato Lee Gelernt, vicedirettore del Progetto per i diritti degli immigrati di ACLU, ha parlato e archiviato cause legali insieme alla direttrice del progetto di Firenze Lauren Dasse, Esq. “Per garantire che tutti gli immigrati che devono affrontare la rimozione abbiano accesso a consulenti legali, comprendano i loro diritti secondo la legge e siano trattati in modo equo e umano”.

Ogni singolo giorno che questa separazione dei figli dai genitori continua è un altro giorno in cui la psiche di un bambino viene danneggiata. Mentre il procuratore generale ripete la politica ogni volta che viene interrogato, il presidente incolpa la catastrofe su una legge democratica inesistente. Dov’è l’oltraggio?

Il 30 maggio, una dichiarazione dell’American Psychiatric Association, ha osservato:

“Qualsiasi separazione forzata è altamente stressante per i bambini e può causare traumi per tutta la vita, oltre a un aumento del rischio di altre malattie mentali, come depressione, ansia e disturbo da stress post-traumatico (PTSD). . . Questi bambini meritano la nostra protezione e dovrebbero rimanere con le loro famiglie mentre cercano asilo. L’APA raccomanda un arresto immediato della politica di separazione dei bambini dai loro genitori “.

Per tutti noi che crediamo nella gratitudine, nell’amore e nel perdono, controllare la nostra rabbia è difficile. Sembra che ci sia un lato odioso per tutti coloro che sono coinvolti nel distruggere famiglie e danneggiare i bambini – queste persone vanno dalle pattuglie di confine ai membri più importanti del nostro governo. Detto questo, mi rifugio nelle parole scritte su Twitter dal presidente Barack Obama che commentano Charlottesville e la supremazia bianca. Da un passaggio di The Long Walk to Freedom di Nelson Mandela, ha detto:

“Le persone devono imparare a odiare, e se possono imparare ad odiare, possono essere insegnate ad amare, perché l’amore arriva più naturalmente al cuore umano che al suo contrario”.

Se è così, c’è speranza per l’amministrazione? Ma ancora più importante, c’è speranza per i bambini, i loro genitori, i loro fratelli e sorelle? Come potranno mai perdonarci per il trattamento vergognoso che ricevono solo perché i loro genitori hanno cercato asilo? Imparare ad amare e fidarsi di nuovo sarà la loro sfida per tutta la vita.

Copyright 2018 Rita Watson

Solutions Collecting From Web of "Bambini portati da genitori alla frontiera: amore e dolore"