Bambini e allergie alimentari

Oggi ho ricevuto una chiamata da una "mamma allergica" mentre si riferiva a se stessa. Il figlio di 9 anni, Charlie, era triste durante il fine settimana perché non poteva mangiare tutti i biscotti ad una festa di compleanno. Molti bambini hanno allergie o sensibilità miti, ma Charlie non lo è – è estremamente allergico alle uova, alle nocciole e alla colorazione alimentare. Se li mangia, scoppierà in un corpo pieno di alveari, inizierà a vomitare e avrà persino problemi a respirare. Così sua madre ha posto due domande: cosa posso dire a Charlie? E come può Charlie parlare con gli altri delle sue gravi allergie alimentari?

Prima domanda: cosa dire a Charlie?

Annie, la mamma di Charlie, ha avuto queste domande a causa di uno scambio che ha avuto con suo figlio. Ha detto a Charlie che "non dovrebbe essere arrabbiato, ci sono così tante cose buone in corso nella sua vita" e Charlie si è arrabbiato. Ha detto: "Mamma, va bene che io sia triste per le mie allergie" e, beh, Charlie aveva ragione. Quello che so per essere vero è che ogni bambino ha il diritto ai propri sentimenti e non ci sono cattivi sentimenti. Certo, è ciò che fanno tuo figlio o tua figlia con i loro sentimenti che contano. Alcuni suggerimenti che avevo per Annie erano:

  • Dai il nome al sentimento – Aiuta Charlie a nominare i suoi sentimenti se la sua tristezza o frustrazione lo separa dal sentimento. Lui non è triste. Si sente triste e ora può imparare come esprimerlo in modo costruttivo. L'obiettivo è quello di aiutarlo a sentire i suoi sentimenti, e quindi spostarsi attraverso di loro contro rimanere bloccati nella tristezza, rabbia o frustrazione. Ad esempio, Charlie si libera di sparare cerchi nel cortile sul retro, e lo incoraggerei a farlo quando sarà pronto.
  • Concentrati su ciò che puoi fare – Dopo che Charlie si è "ripreso" dal sentirsi giù nelle discariche, aiutalo a concentrarsi su quello che può fare. Ad esempio, può imparare con l'aiuto di mamma a preparare deliziose ricette che può mangiare, e la prossima volta può introdurre i frequentatori di feste a quei biscotti! Sa leggere come funziona il corpo e quanto è importante sentirsi bene, cosa che per lui include saltare certi cibi. Un altro suggerimento è quello di aiutare Charlie a fare un amico che ha allergie alimentari simili, così ha un "compagno di cibo" e può trovare conforto in un amico.
  • Reframe – Alla radice dell'atteggiamento di "woo is me" di Charlie c'è il suo pensiero che non avere quei biscotti è il peggiore di sempre. La buona notizia è che Charlie non sa cos'è una vera catastrofe, per fortuna. Aiutandolo ad acquisire una prospettiva più ampia, e impara come passare alla gratitudine per vivere in un momento in cui qualcuno con allergie alimentari può vivere una vita lunga e sana è d'aiuto! Non molto tempo fa molte allergie alimentari sarebbero state spesso fatali. O conoscere ciò che i bambini di altri paesi sono sfidati può cambiare la prospettiva di Charlie e aiutarlo a "vedere" che, nonostante le allergie, le cose stanno andando davvero bene.

Seconda domanda: cosa può dire Charlie agli altri?

Dare script di Charlie su come spiegare le sue gravi allergie alimentari lo aiuterà a sentirsi sicuro e in grado di gestire qualsiasi situazione. Certo, ha anche un braccialetto medico ed epi-pen, ma ha bisogno delle parole per dire agli adulti (alcuni meno consapevoli di altri) e ai suoi amici che alcune delle sue allergie alimentari sono serie. Ho suggerito di usare questa lingua:

  • Il mio corpo ha un'allergia alimentare ed è grave. Non posso mangiare uova, noci o tinture alimentari.
  • Sei sicuro al 100% che non ci siano uova in questo? Posso ammalarmi molto e potrebbe aver bisogno dell'ospedale se ci sono uova lì dentro.
  • Adoro mangiare cibo, ma devo essere sicuro che faccia bene al mio corpo. Il mio corpo ha alcune allergie e ho bisogno di essere buono, quindi è buono per me.

Certo, la mia lingua non ha bisogno di essere di Charlie o di tuo figlio, ma è un punto di partenza. L'utilizzo di script, giochi di ruolo, preparazione anticipata dei cibi giusti, anticipazione di "fattori scatenanti" per sconvolgere potenziali situazioni legate all'alimentazione e aiuto all'educazione di altri genitori sulla serietà dell'allergia del bambino è una parte essenziale per aiutarlo a rimanere in salute e più felice. Più lavoro con bambini molto sensibili, più sono convinto che la sensibilità emotiva vada di pari passo con la sensibilità fisica e le allergie alimentari siano una parte importante di questo enigma.

Maureen Healy è un autore pluripremiato, oratore popolare e leader nel campo della salute emotiva dei bambini. Il suo programma di mentoring popolare ha aiutato migliaia di bambini altamente sensibili e dei loro genitori a livello globale. Ulteriori informazioni: www.growinghappykids.com o @mdhealy

Nota a margine

Oggi, 1 su 13 bambini ha un'allergia alimentare, che è aumentata del 100% rispetto a quindici anni fa per i bambini con allergie alimentari. In qualsiasi momento quasi 1 o 2 bambini in un gruppo possono avere un'allergia da lieve a grave, il che suggerisce che più come genitore o professionista sono attrezzati per gestire una tale situazione, più è probabile che il risultato sia positivo. Nel 2013, il Congresso approvò la "legge sull'accesso alle epidemie in caso di emergenza scolastica" dando incentivi alle scuole che custodiscono questo dispositivo salvavita. Ovviamente, la sfida più grande è che molte volte non sappiamo che un bambino è allergico a qualcosa fino a quando non reagisce, quindi è vantaggioso per tutti noi aderire al vecchio motto dei Boy Scout, "Sii preparato".

Solutions Collecting From Web of "Bambini e allergie alimentari"