Ayn Rand era sbagliato

La relazione tra libertarismo e religione è lunga e burrascosa.

Non si può negare che Ayn Rand abbia avuto una relazione lunga, forte e profonda con il libertarismo. Anche se lei ci ha liquidati come "hippies della destra" (pronunciato "ippes of de racht") molti dei nostri numeri sono ancora affascinati da lei, ispirati da lei, e in debito con lei per averci introdotto per la prima volta nella causa morale per la libera impresa . Certamente includo me stesso in questa categoria.

Una delle più forti influenze che ha avuto sul movimento libertario è il suo ateismo bellicoso. Per molti aderenti alla filosofia della libertà, un rifiuto aggressivo di Dio e di tutte le cose religiose potrebbe anche essere l'assioma di base della loro visione del mondo. Confesso che anche questa è stata più o meno la mia convinzione sull'argomento, per molti anni. È anche la prospettiva di un ricco potenziale donatore all'Istituto di Mises che avrebbe fortemente contribuito a tale organizzazione per cambiare il suo punto di vista su questa questione e prendere una posizione di principio contro ogni religione. Fortunatamente, Lew Rockwell ha rifiutato di pervertire la missione del suo Istituto in questo senso. Sebbene fosse un credente, Rockwell si attenne alle sue armi: il Mises Institute avrebbe continuato a impegnarsi nello studio dell'economia e della libertà, e non direttamente con la religione.

Cosa mi ha fatto cambiare idea? Perché ora sono tanto un ateo ostinato quanto lo sono mai stato, eppure anche un amico e un sostenitore della religione? Non ha nulla a che fare con il fatto che per 17 degli ultimi 21 anni sono stato assunto da gesuiti, istituzioni cattoliche. Sono stato professore al College of the Holy Cross dal 1991 al 1997, e sono stato, e sono rimasto, alla Loyola University di New Orleans dal 2001 ad oggi.

Per alcuni, quelli ancora affascinati dalla visione randiana della religione e della libertà, è già abbastanza grave per un libertario avere una visione positiva della religione. Per la maggior parte, sembrerà niente di meno che una contraddizione logica per un ateo come me come un vero sostenitore e persino ammiratore della religione. Lasciatemi spiegare.

Sono guidato da questo aforisma "il nemico del mio nemico è mio amico". Anche se questo non sempre è vero, in questo caso penso che lo faccia.

Quindi, quale istituzione è il più grande nemico della libertà umana? Ci può essere una sola risposta: lo stato in generale, e, in particolare, la sua versione totalitaria. Forse non c'è un esempio più grande di un governo del genere dell'Unione Sovietica, e dei suoi principali dittatori, Lenin e Stalin (anche se il primato del posto in termini di puro numero di innocenti assassinati potrebbe appartenere alla Cina di Mao). Chiediamo quindi, quali istituzioni hanno scelto questi due ufficiali russi per opprobrio? Ci può essere una sola risposta: in primo luogo, la religione e, secondariamente, la famiglia. Non è stato un caso che i sovietici abbiano approvato leggi che premiano i bambini per aver trasformato i loro genitori in attività anticomuniste. Non esiste sicuramente un modo migliore per spezzare la famiglia rispetto a questa politica diabolica. E come hanno trattato la religione? Chiedere questo è rispondere. La religione è stata trasformata in nemico pubblico numero uno, ei suoi praticanti sono braccati brutalmente.

Perché scegliere la religione e la famiglia? Perché questi sono i due grandi concorrenti – contro lo stato – per la fedeltà da parte della gente. I comunisti avevano perfettamente ragione, dalla loro prospettiva malvagia, a concentrarsi su queste due istituzioni. Tutti i nemici dello stato arrogante, quindi, farebbero bene ad abbracciare la religione e la famiglia come loro amici, che siano essi stessi atei o no, genitori o no.

La ragione principale per cui la religione si attacca ai capi secolari è che questa istituzione definisce l'autorità morale indipendentemente dal loro potere. Ogni altra organizzazione nella società (con la possibile eccezione della famiglia) vede lo stato come la fonte di una definitiva sanzione etica. Nonostante il fatto che alcuni leader religiosi abbiano effettivamente piegato il ginocchio ai funzionari del governo, c'è una naturale e fondamentale inimicizia tra le due fonti di autorità. Il papa e altri leader religiosi non possono avere reggimenti di soldati, ma hanno qualcosa che manca da parte dei presidenti e dei primi ministri, con grande dispiacere di quest'ultimo.

Questa è la mia posizione. Rifiuto la religione, tutte le religioni, poiché, ateo, non sono convinto dell'esistenza di Dio. Anzi, vado oltre. Non sono agnostico: sono convinto della sua non esistenza. Tuttavia, come animale politico, abbraccio caldamente questa istituzione. È un baluardo contro il totalitarismo. Chi vuole opporsi alle depredazioni stataliste non può farlo senza il sostegno della religione. L'opposizione alla religione, anche se basata su basi intellettuali e non intesa come affermazione politica, equivale comunque al sostegno di fatto del governo.

Ma che dire del fatto che la maggior parte se non tutte le religioni sostengano lo stato. "Rendi a Cesare … ecc." Non fa ombra. Nonostante il fatto che la religione organizzata possa essere trovata spesso dalla parte dello statismo, questi due dittatori Lenin e Stalin, non, paradossalmente, i leader di tali religioni, avevano ragione: nonostante il fatto che le persone religiose spesso sostengano il governo, queste due istituzioni , religione e statismo, sono, in fondo, nemici. Sono "con" Lenin e Stalin su questo punto. Dal loro punto di vista, erano del tutto corretti nel sopprimere brutalmente la pratica religiosa. Ciò rende tanto più importante il fatto che il resto di noi, atei o meno, sostenga coloro che adorano Dio. Il nemico del mio nemico è mio amico.

A questo punto sarà strenuamente obiettato che numerose persone innocenti sono state assassinate in nome della religione. Vero, ahimè, tutto troppo vero. Tuttavia, in questo frangente, una piccola prospettiva non guasta. Quante persone sono state uccise da eccessi religiosi, come l'Inquisizione? Anche se le stime variano ampiamente, le migliori stime sono che il numero di morti durante questa triste epoca, avvenuta nel corso di diversi secoli, era tra 3.000 e 10.000; alcuni esperti collocano il numero a partire da 2.000. Se non si trattasse di esseri umani assassinati di cui si sta parlando, ma considerando solo le grandezze relative, si potrebbe dire abbastanza bene che ciò non è assolutamente irrilevante rispetto alla devastazione inflitta alla razza umana dai governi. Secondo le migliori stime, le vittime dello statismo nel solo 20 ° secolo si avvicinarono ai 200 milioni di marchi. Questo non è un errore di stampa! Confrontare poche migliaia di morti ingiustificati con diverse centinaia di milioni è irragionevole. Sì, anche l'omicidio di una vittima è un oltraggio. Ma nel confrontare religione e governo bisogna tenere a mente queste differenze astronomiche.

Ecco una lista di persone devotamente religiose che ho conosciuto personalmente, che hanno dato un grande contributo alla libertà; forse questo contribuirà a stabilire il contributo ai nostri obiettivi fatti dai nostri colleghi religiosi: William Anderson, Doug Bandow, William Barnett II, Peter Boettke, Steve Call, Art Carden, Stephen W. Carson, Alejandro Chafuen, Paul Cwik, Ken Elzinga, Marshall Fritz, Stephen Grabill, Gary Galles, Jeff Herbener, Paul Heyne, PJ Hill, Guido Hulsmann, Rabbino Israel Kirzner, Rabbino Daniel Lapin, Leonard Liggio, Bill Luckey, Jennifer Roback Morse, Robert Murphy, Gary North, Rev. Edmund Opitz, Ron Paul, Joe Peden, Duane e Morgan Poliquin, Shawn Rittenour, Lew Rockwell, Joann Rothbard, p. James Sadowsky, SJ, p. James Schall, SJ, Hans Sennholz, p. Robert Sirico, mons. Gregory Smith, Edward Stringham, Timothy Terrell, David Theroux, Jeff Tucker, Laurence Vance, Jim Viator, p. Kevin Wildes, SJ, Tom Woods, Steven Yates (probabilmente, ho lasciato fuori da questa lista amici miei che saranno feriti dalla mia omissione dei loro nomi, se è così, per favore mandatemi un delicato promemoria, e io renderò questo bene errore non intenzionale in una revisione di questa pubblicazione, dirò a mia difesa che, in quanto persona non religiosa, conosco solo marginalmente o accidentalmente le pratiche religiose di molti dei miei colleghi nella comunità libertaria di Austro).

Poi, c'è la scuola di Salamanca, popolata, principalmente, da sacerdoti come questi: I Domenicani: Francisco de Vitoria, 1485-1546; Domingo de Soto, 1494-1560; Juan de Medina, 1490-1546; Martin de Azpilcueta (Navarrus), 1493-1586; Diego de Covarrubias y Leiva, 1512-1577; Tomas de Mercado, 1530-1576. I gesuiti: Luis Molina (Molineus), 1535-1600; Il cardinale Juan de Lugo, 1583-1660; Leonard de Leys (Lessius), 1554-1623; Juan de Mariana, 1536-1624. Questa scuola di pensiero è veramente il nostro predecessore intellettuale e morale.

È tempo, è passato molto tempo, che il movimento austro-libertario respinga la virulenta opposizione randiana alla religione. Sì, Ayn Rand ha contribuito ai nostri sforzi. Non dobbiamo buttare via il bambino con l'acqua sporca. Ma, sicuramente, il sentimento antireligioso appartiene a quest'ultima categoria, non alla prima.

Le opinioni espresse sopra sono coerenti con la prospettiva del mio mentore da molto tempo, Murray Rothbard. Questo studioso, che è stato spesso chiamato "Mr. Libertario "era molto pro-religioso, soprattutto filo-cattolico. Attribuiva i concetti di individualismo e libertà al cristianesimo (e quasi a tutto il resto buono nella civiltà occidentale), e sosteneva con forza che finché i libertari facevano dell'odio verso la religione un principio fondamentale o organizzativo, non sarebbero andati da nessuna parte, poiché la stragrande maggioranza delle persone in tutti i tempi e luoghi sono sempre stati religiosi.

Walter Block desidera ringraziare William Barnett II e Guido Hülsmann per suggerimenti utili su una precedente bozza di questo saggio. Tutti gli errori, omissioni e altre infelicità sono di sua competenza, ovviamente.

Solutions Collecting From Web of "Ayn Rand era sbagliato"