Avvisi trigger per film americani classici

Ci siamo abituati all'emissione di avvisi di trigger prima che il materiale venga presentato nei corsi universitari o nei campus. Cioè, gli studenti devono essere avvisati di ciò che vedono o sentono che li turba.

Questa situazione ha suscitato una notevole opposizione sia a sinistra che a destra dello spettro politico, un esempio di quello che è apparso in Atlantico :

Il coddle della mente americana

Nel nome del benessere emotivo, gli studenti universitari stanno sempre più chiedendo protezione dalle parole e dalle idee che non gli piacciono. Ecco perché è disastroso per l'istruzione e la salute mentale.

Non ho intenzione di entrare in quella discussione. Quello che ho intenzione di discutere è come i famosi film di Hollywood diretti da Ernst Lubitsch non potrebbero essere mostrati al pubblico universitario di oggi, e forse non potrebbero essere mostrati nei campus.

Lubitsch era un ebreo tedesco, nato nel 1892, che lasciò la Germania molto prima che Hitler salisse al potere. Oggi non includiamo l'eredità ebraica di Lubitsch in una descrizione. Ma durante la seconda guerra mondiale divenne, diciamo, rilevante. Lubitsch, come regista in Germania, venne in queste coste per fare film. La grandezza di Lubitsch non è messa in dubbio. La rivista The Tablet parla di "il grande, grande regista Ernst Lubitsch". Andrew Sarris colloca Lubitsch tra i suoi registi di pantheon nel suo libro del 1968, The American Cinema .

Lubitsch è noto per le sue commedie graziose e pungenti, pieno di allusioni sessuali e argomenti e relazioni insoliti, che sono esempi del cosiddetto "tocco Lubitsch". Ma Sarris, in un passaggio brillante, ci avverte di non essere presi in da questa etichetta:

"Nel ben educato, bonario mondo di Ernst Lubitsch, la grazia trascende lo scopo … Quali sono le maniere, dopo tutto, ma i limiti della presunzione dell'uomo, un riconoscimento che alla fine tutti noi perdiamo il gioco della vita ma che dovremmo ancora giocare il gioco secondo le regole. Una struggente tristezza si infiltra nei momenti più allegri del regista, ed è questo contrappunto tra tristezza e allegria che rappresenta il tocco Lubitsch, e non l'umorismo malcontento di porte chiuse ".

United Artists poster
Fonte: poster degli United Artists

Con lo sfondo del centro cinematografico d'essai di New York, The Film Forum, che attualmente gestisce un festival di Lubitsch, prendiamo in considerazione cinque dei suoi film che non potrebbero essere mostrati senza avvertimenti oggi, o forse del tutto, nelle università americane.

1. Essere o non essere . Il film forse più grande di Lubitsch è una commedia avvilente, uscita nel 1942, incentrata in una sorprendente incongruenza nella Polonia occupata dai nazisti. "To be" si concentra sull'attrice bella e aggraziata, Carole Lombard (che morì in un incidente aereo vendendo titoli di guerra statunitensi prima della pubblicazione del film) tradendo il suo marito attore egocentrico, Jack Benny.

L'amante di Lombardo, o flirt (non vediamo nessun sesso), interpretato da Robert Stack, esce rumorosamente dal suo posto centrale davanti al teatro per il suo incontro con Lombard, mentre Benny inizia il "soliloquio" in Amleto . Lombardo bacia anche un funzionario nazista che sta cercando di sedurla a causa della sua posizione di potere in vita e morte su lei e suo marito. Nel frattempo, la troupe polacca di recitazione, guidata da Benny, mette in scena un'elaborata sciarada per contrabbandare Pila fuori dalla Polonia dopo aver assassinato un informatore nazista. *

Quindi i personaggi del film non stanno giocando a beanbag. È proprio il modo in cui Lubitsch ha preferito presentare il materiale, tra cui amore, sesso, morte, nazisti e altri. E molti sono stati offesi da questo trattamento durante la guerra. Ma ecco come lo vede Sarris: "(Il film) collega l'abisso tra risate e orrore. Per Lubitsch, era sufficiente dire che Hitler aveva cattive maniere e che nessun male era allora inconcepibile. "

La scena più ricordata nel film è quando un attore minore nella compagnia recita il discorso di Shylock a nome degli ebrei – di tutte le minoranze – da Il mercante di Venezia : "Non abbiamo occhi? Non abbiamo mani, organi, sensi, dimensioni, attaccamenti, passioni? Se ci avveleni, non moriamo? ". Questo monologo è pronunciato sullo sfondo di uniformi naziste, elmi e svastiche e sta trapassando. (Per inciso, oggi il mercante può essere letto ed esibito nei campus, dal momento che Shylock richiede che un chilo di carne venga tagliato da un personaggio gentile).

2. Ninotchka . Ninotchka , pubblicato nel 1939, non è solo un grande film di Lubitsch, è il più grande ruolo di Greta Garbo. Interpreta un commissario comunista inviato a Parigi dove è sedotta dallo stile di vita parigino e dalla protagonista maschile, Melvyn Douglas. In una delle prime scene, Douglas, un roué che ha già un amante più anziano, fa la Garbo con lo champagne finché non sviene. Questo è, ovviamente, illegale nel campus e fuori dal campus nella maggior parte dei casi. Garbo si addormenta nel letto del personaggio e lui apparentemente se ne va. Ma ottieni il succo di dove sta andando.

3. The Love Parade . Questo film fu realizzato nel 1929, prima che il codice Hays del 1930 che limitava la sessualità nei film fu imposto a Hollywood. Il film si apre a Parigi con Maurice Chevalier che affronta il marito di una moglie con la quale ha ovviamente una relazione, che spara a Chevalier senza ferirlo (questo è Lubitschland, dove omicidi e violenze non sono accettabili).

Si scopre che la seduzione è l'occupazione a tempo pieno di Chevalier. Chevalier viene mandato come punizione (sta anche servendo la moglie del suo comandante) a Sylvania come addetto militare. Jeanette MacDonald è una regina solitaria che trascorre gran parte del film rivelando negligenze e abiti. Legge il dossier di Chevalier come se fosse pornografia, dopodiché lei gli ordina di cenare da solo con lei. Si sposano presto, rendendolo la consorte reale. Tutti nel regno sanno di cosa si tratta. In realtà, MacDonald vuole che Chevalier sia sempre disponibile per i suoi bisogni sessuali, ma insiste a giocare un ruolo più maschile come suo marito. Alla fine obbliga la regina ad accettare le sue richieste trattenendo i suoi favori sessuali.

Ma niente di tutto ciò sarebbe il grilletto tanto quanto una scena in cui il cameriere di Chevalier balla, prende a calci e prende a pugni la schiava della regina. Il testo della loro canzone (Parade è un'operetta) dice che è così che le persone "comuni" si occupano di conflitti coniugali. La donna alla fine ottiene persino spingendo questa cad dalla finestra del secondo piano della sua stanza, alla quale riparano dopo essersi picchiati l'un l'altro (di nuovo, nessun attore o personaggio sono effettivamente feriti in un film di Lubitsch).

4. Il paradiso può aspettare . La trama di questo film del 1943 richiede di entrare in Lubitschland. Il protagonista maschile (interpretato da Don Ameche) ha un lungo e affettuoso matrimonio con il delicato e bellissimo Gene Tierney, sul quale ha rapporti sessuali per tutto il matrimonio, pur non lavorando un giorno della sua vita. Ma è comunque un marito premuroso. Ameche deve ora affrontare il diavolo per decidere il suo destino. Se la persona viene mandata all'inferno, che distrugge molti altri che entrano in quel luogo, Laird Creegar rilascia una botola che li invia al "seminterrato".

Il processo decisionale prevede di rivedere la vita di Ameche insieme a Tierney, che viene ritratta in termini teneri, affettuosi, anche se controversi e ironici. Tutto finisce bene per Ameche. Ma la storia è tinta di nostalgia e tristezza (ricorda Sarris che dice che Lubitschland mostra "il riconoscimento che alla fine tutti noi perdiamo il gioco della vita ma che dovremmo ancora giocare secondo le regole").

5. L'ottava moglie di Barbablù . Questo film del 1939, interpretato da Gary Cooper e Claudette Colbert (con David Niven come un flunky) suona come se potesse essere un film dell'orrore. Lubitsch non realizza film horror. Cooper interpreta un uomo d'affari americano spaccone abituato a farsi strada, che è stato sposato e divorziato sette volte; Colbert interpreta un impeccabile flirt parigino (l'immagine speculare del personaggio interpretato da Melvyn Douglas in Ninotchka ). Lei sposa Cooper, ma trattiene il sesso coniugale (come Chevalier in The Love Parade ). Loro divorziano, Colbert ottiene un accordo prematrimoniale in modo che ora i due possano essere partner uguali in un vero matrimonio.

Dolce. Ma durante la parte del film in cui Cooper sta cercando di fare sesso con Colbert, dopo averla assalita dallo champagne (ricorda Ninotchka ), Cooper legge The Taming of the Shrew , marcia nella stanza di Colbert e la schiaffeggia. Lei non si tira indietro e lo schiaffeggia indietro. Rilegge il testo di Shrew, poi ritorna e sculaccia Colbert, che questa volta lo morde (ricorda il violento amore fatto dai servi in The Love Parade ). In effetti, potremmo chiederci se Shakespeare's Shrew , da cui Cooper ottiene le sue idee per dominare fisicamente Colbert, sia oggi consentito nei campus americani.

Dopo il divorzio, Cooper ha una crisi, è rinchiuso in un manicomio e viene messo in una giacca dritta. (Nota: Cooper in questo film viene mostrato in vari stadi di disassamento, si potrebbe dire usato come oggetto sessuale, incluso in una vasca da bagno, come era MacDonald – ma non Chevalier – in The Love Parade .. Cooper è un uomo ben fatto. Limitato in questo modo, anche se resiste attivamente, Colbert bacia e accarezza Cooper, e alla fine lo seduce.

Questa seduzione ora sarebbe un crimine.

È anche stravagante, sollevando la questione se siamo in un momento sessuale più permissivo, quando le restrizioni fisiche e le altre attrezzature sono apertamente vendute e usate per scopi sessuali. O siamo in uno più restrittivo, dal momento che la scena rappresentata si qualifica come un attacco sessuale e sarebbe oggi inammissibile, come lo sarebbe molto in Lubitsch.

In realtà, siamo entrambi più licenziosi e più puritani, e la Lubitschland è ormai lontana. Come dice Sarris, "non vedremo mai più i suoi simili perché il mondo che ha celebrato era morto – anche prima che lo facesse – ovunque tranne che nella sua memoria".

________________________

* Anche se il personaggio longobardo avrebbe potuto essere cagnesco Benny, ha rischiato la vita per salvarlo, volentieri. La storia di lei che andava al quartier generale nazista a nome di Benny somiglia in realtà alla vita del produttore del film, Alexander Korda, un emigrato ungherese la cui moglie non ebrea arrivò a Arrow Cross (il partito nazista ungherese) e in qualche modo distrusse Korda da l'edificio, dove è stato portato per l'interrogatorio, e da cui pochi sono emersi interi.

Per quanto riguarda lo stato finale del matrimonio dei personaggi di Benny e Lombard, finiscono in Inghilterra insieme dopo essere fuggiti dalla Polonia. Benny inizia il suo soliloquio per un pubblico inglese in cui Stack è seduto in primo piano. Alle parole "essere o non essere", Benny scruta attentamente Stack, che rimane nel suo posto. Tuttavia, con costernazione di entrambi gli uomini, un giovane uomo nella fila dietro Stack si alza e faticosamente fa il suo era verso il corridoio del teatro.

Solutions Collecting From Web of "Avvisi trigger per film americani classici"