Avversità e mente creativa

lightwise/123rf.com
Fonte: lightwise / 123rf.com

Tutti sperimentano le avversità, ma alcune persone usano le avversità per il loro vantaggio psicologico. Fai?

Invecchiando, impariamo di più su noi stessi e su come affrontiamo la lotta e le difficoltà. Una nuova ricerca suggerisce che la creatività possa svolgere un ruolo chiave nel determinare la nostra capacità di prosperare nei momenti difficili.

Iniziamo a cogliere il ruolo che le avversità svolgono nelle nostre vite durante la prima adolescenza. Da allora, gli adolescenti hanno assistito alla sofferenza di amici e familiari. Probabilmente hanno sofferto se stessi. Come parte del processo di maturazione del cervello dell'adolescente e della ricerca di identità, gli adolescenti iniziano a riconoscere che le persone affrontano e superano le avversità, la paura, il dolore e il fallimento in molti modi diversi. Cominciano anche a capire che le avversità possono essere devastanti, portando a dipendenza, suicidio, impotenza e altre disgrazie.

Quando raggiungiamo la mezza età, il modo in cui rispondiamo alle avversità è diventato parte del nostro DNA, nel bene e nel male. Sappiamo come reagiamo emotivamente, intellettualmente e fisicamente alle avversità. Abbiamo una storia personale con avversità e sappiamo se è probabile che usciremo dall'altra parte con una crescita positiva o spiriti depressi e sconfitti. Detto questo, non è mai troppo tardi per cambiare il nostro cervello, grazie alla nostra conoscenza della neuroplasticità.

Mentre la maggior parte di noi, giovani e anziani, temono le avversità, la ricerca mostra che fino al 70% delle persone che superano i traumi riportano una crescita psicologica positiva (Linley e Joseph, 2004). Naturalmente, l'ultima cosa che qualcuno vuole sentire quando sta vivendo un trauma o una perdita è: "Crescerai da questo". Al contrario, ciò che vogliamo di più è che gli altri capiscano il nostro dolore e la nostra sofferenza, e non si sentano soli .

Ho riflettuto sulla mia storia con avversità dopo una recente email di un vecchio amico e mentore. "Ai miei occhi", disse, "tu sei l'unica persona che conosco che può e fa limonata dai limoni della vita. Ammiro molto la tua capacità di farlo. "

Il suo commento mi ha colto di sorpresa. Ho affrontato le avversità in modo diverso rispetto alle altre persone? Come sono sopravvissuto e cresciuto in alcuni momenti estremamente difficili della mia vita? Come psicologa dello sviluppo, il suo commento mi ha spinto a chiedermi: "Come possiamo sostenere i giovani nel modo migliore per capire e superare le avversità?"

Ciò che non ci uccide ci rende più forti

Compliments of the Publisher
Fonte: Complimenti dell'editore

Ho scoperto alcune sorprendenti risposte alle mie domande nel libro, Wired to Create: Unraveling the Mysteries of the Creative Mind , di Scott Barry Kaufman e Carolyn Gregoire. In esso, parlano dell'intima connessione tra creatività e avversità. Di fatto, Kaufman e Gregoire esplorano le molte cose che le persone creative fanno in modo diverso nei loro viaggi attraverso la vita. Uno degli attributi che le persone creative possiedono è la capacità di dare un significato a una sofferenza apparentemente insensata. Gli autori raccontano la storia dell'artista Frida Kahlo per illustrare il loro punto.

Kahlo ha trovato il significato di una serie di esperienze traumatiche, tra cui la poliomelite infantile, un incidente quasi mortale e anni di dolore cronico, attraverso l'atto espressivo della pittura. Il suo dolore più profondo è diventato l'ispirazione per il suo lavoro creativo. Attraverso la sua arte, ha sperimentato una profonda crescita personale.

In un estratto dal loro libro, Kaufman e Gregoire dichiarano:

L'arte nata dalle avversità è un tema quasi universale nelle vite di molte delle menti creative più eminenti del mondo. Per gli artisti che hanno lottato con malattie fisiche e mentali, perdita dei genitori durante l'infanzia, rifiuto sociale, crepacuore, abbandono, abuso e altre forme di trauma, la creatività diventa spesso un atto di trasformare la sfida in opportunità.

Gran parte della musica che ascoltiamo, i drammi che vediamo e i dipinti che guardiamo – tra le altre forme d'arte – sono tentativi di trovare un significato nella sofferenza umana. L'arte cerca di dare un senso a tutto, dai più piccoli momenti di tristezza della vita alle sue tragedie più sconvolgenti. Tutti noi sperimentiamo e affrontiamo la sofferenza. Nella nostra ricerca individuale e collettiva per comprendere i lati più oscuri della vita umana, le opere d'arte come gli autoritratti di Kahlo, che ci mostrano la verità del dolore e della solitudine di un altro, portano il potere di spostarci profondamente.

Ci è stato detto, per tutta la vita, che ciò che non ci uccide ci rende più forti. È difficile pensare a una frase che è più profondamente radicata nella nostra immaginazione culturale di questa, prima parlata da Nietzsche e successivamente cooptata dalla cultura pop (si pensi a Kelly Clarkson e Kanye West). Per quanto possa sembrare banale, l'espressione è diventata un linguaggio comune perché esprime una verità fondamentale della psicologia umana: le esperienze di avversità estreme ci mostrano la nostra forza. E sulla scia di tempi difficili, molte persone non solo tornano al loro stato di funzionamento iniziale, ma imparano a prosperare veramente.

Mentre leggevo la storia di Kahlo, mi sono ricordato di come la mia creatività mi ha aiutato a ricostruire dopo la morte di mio marito, quasi trent'anni fa. Giocavo a giochi di mente con me stesso, cercando di capire la mia sofferenza. Mentre attraversavo il mio quartiere, immaginavo come la mia vita fosse come il cumulo di spazzatura che ho appena passato, compreso il modo in cui potevo essere riciclato. O mi vedrei come un albero solitario e sterile e come vedrei sicuramente una nuova crescita. Ho usato metafore per dare un senso al mio dolore. Sorprendentemente, ha funzionato per me.

Molte volte da quando, come quando mi trovavo di fronte al cancro o alla morte dei miei genitori, mi rivolgevo a sbocchi creativi come scrivere, pensare metaforicamente e camminare da solo nella natura. Non dobbiamo essere artisti per essere creativi. Ho cercato, nel mio modo univoco creativo, di trovare il modo di dare un senso alla mia sofferenza. È diventato un'abitudine, un modo familiare che il mio cervello mi aiuta a superare la vita.

Dopo aver ripensato al commento del mio amico su come faccio la limonata dai limoni, credo che questa frase comune sia finita semplificata. Affrontare le avversità significa diventare il limone, quindi spremerlo teneramente fino a quando non assaggi la dolcezza di un frutto che una volta immaginavi solo acida. Si tratta di essere creativi di fronte alla paura e all'incertezza.

Sostenere i giovani durante i periodi di avversità

Torniamo alla domanda: "Come possiamo sostenere meglio i giovani mentre lottano per capire e superare le avversità?"

Kaufman e Gregoire suggerirebbero di coltivare la loro creatività. Sono pienamente d'accordo. In effetti, molti adolescenti che ho intervistato hanno condiviso storie su come genitori e / o insegnanti hanno alimentato la loro espressione creativa come bambini e adolescenti.

Un adolescente ha condiviso come un insegnante gli abbia suggerito di scrivere sulla sua lotta per accettare le sue differenze culturali e le condizioni avverse della sua infanzia. Questo giovane arrabbiato ha finito per trovare la sua voce come rapper. Nel processo, ha trovato significato nella sua sofferenza e ha continuato ad aiutare gli altri in circostanze simili.

Nel loro libro, Wired to Create , Kaufman e Gregoire condividono le ultime ricerche sulla neuroscienza della creatività e su come le nostre "menti disordinate" ci possano beneficiare per tutta la vita. Puoi anche leggere un'intervista con gli autori in un articolo su Psychology Today. Un'ottima lettura per tutti gli interessati alla mente creativa, in particolare raccomando questo libro per genitori e insegnanti.

Infine, c'è un altro modo importante per insegnare ai giovani a essere resilienti. Condividiamo le nostre storie di avversità. Invece di nascondere le nostre paure, i fallimenti e le vulnerabilità dei giovani, hanno bisogno di sapere che non sono soli nella lotta per il significato. Non c'è vergogna nelle avversità. In effetti, superare le avversità è una delle trame più profonde e significative del libro della vita.

Riferimenti

Kaufman, SB & Gregoire, C. (2015). Wired to Create: svelare i misteri della mente creativa . New York, NY: Perigee.

Linley, PA, e Joseph, S. (2004). Cambiamento positivo dopo trauma e avversità: una revisione. Journal of Traumatic Stress, 17 (1), 11-21.

Estratto

Tratto con il permesso di Wired to Create: Unraveling the Mysteries of the Creative Mind di Scott Barry Kaufman e Carolyn Gregoire. © 2015 di Scott Barry Kaufman e Carolyn Gregoire. Un libro di Perigee, un'impronta di Penguin Random House LLC.

Autore

Marilyn Price-Mitchell, PhD, è l'autrice di Tomorrow's Change Makers: Reclaiming the Power of Citizenship for a New Generation. Psicologa e ricercatrice evolutiva, lavora all'intersezione tra sviluppo positivo ed educazione giovanile.

Segui i lavori di Marilyn su Roots of Action, Twitter o Facebook. Puoi anche iscriverti per ricevere le notifiche via email degli articoli di Marilyn.

© 2016 Marilyn Price-Mitchell. Tutti i diritti riservati. Si prega di consultare le linee guida di ristampa per gli articoli di Marilyn.

Solutions Collecting From Web of "Avversità e mente creativa"