Avete un modello mentale di convalida esterna?

Come breve riassunto, i modelli mentali sono le nostre idee e credenze profondamente radicate sul modo in cui il mondo funziona e su come dovrebbero essere le cose. La mente forma modelli o modelli che definiscono il nostro senso della realtà, che ci portano ad aspettarci determinati risultati, che danno significato agli eventi e che ci predispongono a comportarci in determinati modi. Pensiamo e agiamo attraverso i nostri modelli mentali. Questi modelli mentali ci possono tenere intrappolati in vecchi modi di pensare e agire che spesso sono contrari ai nostri obiettivi coscienti e ci inducono a fare a modo nostro. Essere un leader obiettivo richiede che identifichiamo e trasformiamo i modelli mentali limitanti e improduttivi che stanno guidando le nostre risposte inefficaci.

Dal 2010 conduco ricerche per determinare il ruolo dei modelli mentali nella gestione, nella leadership e nel processo decisionale. Da questo, sembra che ci siano diversi modelli mentali comuni: convalida esterna, competizione, perfezionisti, controllo che sembrano tutti radicati in un modello generale di insicurezza o I am Not Good Good. Nei prossimi blog ne discuterò ciascuno e fornirò i risultati preliminari di The Objective Leader Assessment per aiutare te, il lettore di Psychology Today, a capire il tuo attuale livello di obiettività e i modelli mentali attraverso i quali interpreti e rispondi al tuo mondo .

Convalida esterna: ho bisogno di altri mi piacciono e penso di essere intelligente

purchased from 123RF  stock photos
Fonte: acquistata dalle foto di 123RF

Se sei come molte persone, ti importa molto di ciò che gli altri pensano di te. In The Objective Leader Assessment, sondaggio, il 55% percento delle persone ha risposto che la propria autostima era spesso, più spesso o sempre legata a ciò che pensano gli altri. Ciò che tendiamo a dimenticare è che ognuno sta giudicando, classificando e rispondendo istantaneamente a tutti gli altri sulla base di una miriade di influenze nella propria mente. Spesso ci viene giudicato e ci viene risposto in modi che non hanno nulla a che fare con noi. Immaginalo: Cammino da una donna alta che indossa un vestito grigio. Immediatamente sento che non mi piace, e cerco di evitarla. Perché? Perché mi ricorda un insegnante che mi ha chiamato in terza elementare per recitare The Emancipation Proclamation, e mi sono bloccato. È stato il mio momento più imbarazzante, e l'immagine di quell'insegnante ora è indelebilmente impressa nella mia mente. Ogni volta che vedo una donna alta con un vestito grigio, la mia mente richiama quel momento imbarazzante, e ora ho una prima risposta negativa a chiunque mi ricordi dell'insegnante. Le nostre menti rispondono istantaneamente, nel presente, basandosi sui ricordi di cose accadute nel passato.

Chiediti: puoi permetterti di trascorrere del tempo a preoccuparti di quale potrebbe essere la risposta iniziale di qualcun altro a te, quando non avrebbe assolutamente nulla a che fare con te? Soprattutto, puoi permetterti di permettere a qualcun altro di percepire te per modellare come ti senti su di te?

Sfortunatamente, molti di noi non possono aiutarlo. Nel loro libro On Self and Social Organization, gli psicologi sociali CH Cooley e Han-Joachim Schubert chiamavano questo fenomeno lo Looking-Glass-Self e lo riassumevano come segue: "Non sono quello che penso di essere e non sono quello che pensi Sono; Io sono quello che penso che tu pensi che io sia. "In molti casi, scegliamo di associarci a persone le cui opinioni apprezziamo e rispettiamo – alcuni psicologi chiamano questo" in-gruppo "- e noi cerchiamo approvazione e convalida da parte loro. Le opinioni di questo gruppo interno diventano la base per il modo in cui valutiamo noi stessi, per la nostra accettazione di sé. Il problema, dato quello che ora sappiamo, è che se basi il tuo concetto di sé su ciò che pensi che gli altri pensano di te, allora sarai sempre vulnerabile. Il tuo concetto di sé non ha fondamento vero. Se l'altra persona sta vivendo una buona giornata e ti risponde in maniera amichevole e affermativa, allora ti senti bene. Altrimenti, ti chiedi cosa hai fatto di sbagliato. Cerchiamo costantemente di proiettare un'immagine di noi stessi basandoci su ciò che pensiamo che gli altri vogliono, ma dal momento che non sappiamo veramente cosa vogliono, ciò che stiamo facendo è decidere cosa pensiamo di volere e poi provare a proiettare quell'immagine. È una partita persa.

Prendi il caso di Jonathan, un maschio bianco molto astuto nei suoi 30 anni che è un analista senior in una società di servizi finanziari. Jonathan disse che era difficile per lui ammettere quanto la sua felicità dipendesse dalla percezione che gli altri avevano di lui. Ciò che rende questa esperienza comune così insidiosa è che anche le stesse persone dalle quali cerchiamo la convalida stanno cercando la nostra convalida. È come praticamente tutti noi siamo stati socializzati. Jonathan descrive ulteriormente il suo modello mentale di Validation in questo modo: "Sono sempre alla ricerca di una conferma da parte degli altri, specialmente sul lavoro, così so che sto facendo le cose correttamente e che sono sulla strada giusta. Senza questa approvazione da parte degli altri, presumo automaticamente che la gente disapprovi e io comincio a mettere in discussione le mie azioni e le mie convinzioni e diventi molto insicuro. "

Come abbiamo visto in precedenza, il problema con questo è che le ipotesi che facciamo su ciò che gli altri pensano di noi sono spesso sbagliate. Quando incontriamo comportamenti indesiderati o inaspettati in qualcun altro, pensiamo che la persona debba essere arrabbiata con noi, quindi dovremmo andare a scoprire cosa abbiamo fatto per offenderli.

Suggerimenti per trasformare il modello mentale di convalida esterna

La buona notizia è che la neuroplasticità del cervello ci offre l'opportunità di ricablare letteralmente la nostra rete neurale con nuovi modi di pensare che aumenteranno il nostro successo e la nostra felicità. La chiave per trasformare il modello mentale di convalida esterna è il riconoscimento e l'accettazione che tutti noi siamo stati socializzati per valutare noi stessi attraverso gli occhi delle altre persone e la comprensione che possiamo imparare a valutare noi stessi. Ripensa a quando eri un bambino. Sapevi solo che eri d'accordo se qualcuno diceva "okay". Una volta accettata questa tendenza naturale, è utile passare un po 'di tempo in autosufficienza e identificare i tuoi doni e le tue abilità uniche che stimoli e per te stesso. Non importa quello che dicono gli altri, sai, ad esempio, che sei amorevole, compassionevole, laborioso e intelligente. Una volta che puoi veramente conoscere e valutare te stesso, allora ti rendi conto che, indipendentemente da quello che dicono gli altri, se convalidano che non lo sei, ti convalidi. Inoltre, riconosci rapidamente che se qualcuno ti convalida o no, non cambia ciò che sai essere vero di te stesso; sei ancora, amorevole, compassionevole, laborioso e intelligente!

Sfortunatamente, in molti dei miei seminari, ho scoperto che per alcune persone sono stati così impegnati a proiettare un'immagine di ciò che pensano gli altri vogliono che non sanno veramente ciò che è sorprendente e unico riguardo a se stessi. Per loro, raccomando un processo di auto-scoperta per scoprire i loro doni e abilità uniche.

Ricorda che il mondo è nella tua mente e ciò che pensi di te modella ogni esperienza che hai!

Estratto dall'Obiettivo Leader: come sfruttare il potere di vedere le cose così come sono.

Solutions Collecting From Web of "Avete un modello mentale di convalida esterna?"