Avere un bambino significa rinunciare ai bisogni di base

Fonte: Wikimedia Commons

Le persone hanno bisogno di sentirsi autonomi. Questo è un detto che la maggior parte delle persone sarà d'accordo. Come Walt Whitman ha messo in foglie d'erba :

Non io, né nessun altro può percorrere quella strada per te. Devi viaggiare da solo. Non è lontano. È a portata di mano Forse ci sei stato da quando sei nato, e non lo sapevi. Forse è ovunque, sull'acqua e sulla terra.

Ma cos'è l'autonomia che lo rende così importante? Secondo Stephen Darwall, un filosofo dell'Università di Yale, quando le persone mature impongono richieste a una persona che sacrifica la sua autonomia, perché ritengono che le loro richieste siano nel suo interesse, agiscono in modo sbagliato.

Si comportano in modo errato, paternalistico, non perché non sappiano ciò che è nel suo interesse, il che è anche vero, ma perché mostrano una mancanza di rispetto nei suoi confronti come una persona uguale o un agente razionale che può prendere le sue decisioni . Questo fa parte dell'idea che tutte le persone hanno pari dignità e hanno il diritto di essere trattate come tali.

Questa visione è incapsulata nella saggezza ricevuta sotto forma di detti come "Ogni vita merita una certa dignità, non importa quanto povera o danneggiata la conchiglia che la trasporta" (Rick Bragg), "Tutti gli esseri umani nascono liberi e uguali in dignità e diritti. "(Dichiarazione Universale dei Diritti Umani)," Senza dignità, l'identità viene cancellata (Laura Hillenbrand), "Ogni uomo o istituzione che cerca di derubarmi della mia dignità perderà" (Nelson Mandela), "La dignità di una persona può essere aggredito, vandalizzato e deriso crudelmente, ma non può essere portato via a meno che non si arrenda "(Morton Kondrake).

Come risultato dell'eguale diritto alla dignità, le persone hanno il diritto di chiedere che prendano le proprie decisioni. Hanno il diritto di chiedere anche a se stessi, e possono non rispettare se stessi non trattandosi di persone che possono prendere le proprie decisioni.

Il rispetto non è l'unica fonte del valore dell'autonomia. Una persona ha il diritto di chiedere l'autonomia, ma come sottolinea Darwall, l'autonomia è anche un vantaggio. L'autonomia preserva il valore personale e contribuisce a quello che potremmo chiamare fiorente in un senso relativo all'agente. Mangiare broccoli può essere qualcosa che è oggettivamente buono per me, proprio come mangiare i broccoli fa bene a te, al tuo vicino puzzolente di aglio e alla tua zia unibola che prendeva lezioni di cucina francese. Ma se sinceramente non mi piacciono i broccoli, mangiare broccoli non è un valore personale per me; aggiunge alla mia prosperità in un certo senso ma non aggiunge alla mia fioritura dal mio punto di vista. Va contro i miei valori personali. Il motivo per cui dovremmo preoccuparci del fatto che un'attività contribuisca ai nostri valori personali si rivolge anche alla pari dignità delle persone. Poiché abbiamo pari dignità, abbiamo il diritto di valutare una cosa ma non un'altra e agire di conseguenza. Quando perdiamo l'autonomia, perdiamo il diritto di decidere cosa vogliamo fare.

L'autonomia è a volte paragonata ai bisogni umani fondamentali, come mangiare, bere e fare sesso. O più colorato: l'autonomia non è meno un bisogno umano di base che mangiare troppa pad Thai e dormire, bere whisky single-malt in un pub inglese durante i playoff Manchester-United / Barcellona e interagire con gli altri per altrettanto tempo come serve per farli dormire con te. L'affermazione che l'autonomia è un bisogno fondamentale è implicita nel fatto che preservare i propri valori personali è qualcosa che (banalmente) dovrebbe essere prezioso per te e quindi è un bisogno per te che dovrebbe essere soddisfatto, a parità di altre cose.

Il problema con la perdita di autonomia, quindi, è che le persone hanno bisogno di sentirsi autonomi per prosperare come persone ed evitare di perdere la loro dignità. Abbiamo bisogno di sentire di essere gli autori del nostro comportamento piuttosto che sentire che il nostro comportamento è controllato da forze esterne che non sono veramente parte del sé.

Un buon esempio di estrema privazione dell'autonomia al di fuori del regno della guerra è quello dei matrimoni Shim Pua a Taiwan. "Shim pua" significa "piccola nuora". Una bambina viene data a una famiglia da allevare come una figlia dalla famiglia. Quando lei cresce, lei deve sposare un figlio in famiglia. I matrimoni Shim Pua hanno un basso tasso di fertilità, un alto tasso di divorzi, frequenti adulterio e mancanza di attrazione sessuale. In alcuni casi il figlio o la suocera si rifiuta di sposare il coniuge destinato, tentando di conservare parte dell'autonomia di cui sono stati privati.

Poiché l'autonomia è un bisogno umano fondamentale, può essere un'esperienza traumatica perdere o addirittura perdere una parte significativa di esso. In casi estremi può comportare la perdita dell'identità di una persona, o ciò che è noto anche come "morte mentale". La morte mentale si verifica nel contesto di intrappolamento e controllo totalitario, limitando seriamente le tue scelte.

La tortura è uno dei casi più gravi di controllo totalitario. La tortura comporta l'infliggere gravi dolori fisici o mentali a qualcuno attraverso trattamenti e punizioni disumane o degradanti.

Fonte: Wikimedia Commons

Le pressioni che normalmente accompagnano la genitorialità sono deboli rispetto a una vera tortura. Ma ci sono delle somiglianze. Una forma classica di tortura è di mantenere la gente sveglia. Mantenere qualcuno sveglio a intermittenza o per lunghi periodi di tempo è un modo molto efficace per rompere la volontà di una persona e per questo motivo è stato spesso utilizzato nelle indagini militari. La privazione del sonno aumenta radicalmente i livelli di stress, aumentando le possibilità che i torturati possano divulgare informazioni importanti. Per periodi di tempo più lunghi, la privazione del sonno può causare danni cognitivi, psicosi e un sistema immunitario malfunzionante. Il personale militare statunitense è stato ordinato di tenere i prigionieri svegli facendo esplodere la musica ad alta voce a loro – per giorni, settimane o addirittura mesi – nelle prigioni in Iraq, Afghanistan e Guantánamo Bay.

Per molti genitori, badare a un bambino non è dissimile dall'avere una musica rumorosa che esploda nelle loro orecchie, impedendo loro di dormire. Si stima che fino al 40% di tutti i lattanti abbia una colica, una condizione associata a pignoleria inconsolabile e urla che può andare avanti per ore e ore. Il pianto insensato dei bambini colici, che urla infatti, può essere incredibilmente difficile da sopportare. Come dice un genitore di un bambino colico:

Oltre al normale carico di lavoro appena nato, cioè a dargli da mangiare e cambiarlo una dozzina di volte al giorno mentre cercavo di spremere in piccoli incrementi di sonno intorno alla sua confusione giorno / notte, io e mia moglie eravamo in uno stato costante di pianto. Ricordo di aver vissuto una tale disperazione che dissi a mia moglie: "Sento di non avere nulla a cui guardare con ansia." … Naturalmente litigheremo. Non puoi combattere con il bambino, anche se vuoi praticamente buttarlo fuori dalla finestra. Allora, chi altri può biasimare se non il tuo coniuge? O tua madre, o sua madre. "Lo stai trattenendo nel modo sbagliato!" "Ci sto provando!"

Anche per quel 60 per cento dei genitori che non hanno a che fare con i bambini colici, tuttavia, la privazione del sonno prende il suo pedaggio. Un sondaggio della National Sleep Foundation ha rilevato che il 76% dei genitori ha frequenti problemi di sonno.

Ma come abbiamo innumerevoli esempi di, il sonno è solo una delle innumerevoli cose di cui non ne hai mai abbastanza durante i primi anni di diventare un genitore.

Ancor peggio: l'abuso verbale, psicologico ed emotivo nelle relazioni è una forma di maltrattamento che può somigliare a molti scenari genitoriali.

Il maltrattamento psicologico, emotivo o verbale fa sì che una persona perda la sua capacità di reagire normalmente e possa provocare un intorpidimento mentale o una morte mentale. Una persona psicologicamente, emotivamente o verbalmente maltrattata potrebbe mai rendersi conto che lei è abusata.

Gli abusi psicologici, emotivi e verbali possono portare a sensi di colpa, vergogna, inefficacia, disperazione, disperazione, sfiducia e essere al limite, problemi di attaccamento, cambiamenti della personalità a lungo termine e cambiamenti nelle convinzioni e nelle convinzioni fondamentali. Gli stessi sintomi possono verificarsi in altre situazioni in cui si è intrappolati in una situazione avversa a causa dell'azione umana piuttosto che come risultato di cause naturali.

Mentre alcuni genitori maltrattano dolosamente i propri figli, la relazione genitore-figlio è spesso abusiva nella direzione opposta. Chi non ha sopportato i propri figli urlando "Ti odio", "Ti ucciderò" o "Sei un idiota?" Gli scoppi d'ira, gli occhi rotondi, i piedi che calpestano, le porte che sbattono e i sospiri pesanti sono casi genuini di abuso psicologico che può avere le stesse conseguenze psicologiche dell'abuso psicologico nelle relazioni romantiche.

Ma non sono solo gli scenari di tortura e gli abusi psicologici che rendono la genitorialità un caso per eccellenza di una situazione a lungo termine che minaccia profondamente l'autonomia personale. Oltre a questo, ci sono le cose che non avresti mai scelto di fare o possedere, se non avessi avuto bambini. Dopo aver avuto un bambino, sei improvvisamente costretto a pianificare la tua vita intorno a ore di urla, allattamento al seno, cambi del pannolino, sonnellini pomeridiani, a letto, infezioni dell'orecchio, giorni di malattia dei bambini, giorni di uragani, date di gioco, partite di calcio, bullismo , concerti di scuola invernale, progetti scientifici, compiti spagnoli, esami finali, sbalzi d'umore della pubertà, piccoli rotture punk, cuori infranti, ragazzi che ti parlano, bagni invasi per ore.

Avere un figlio significa rinunciare a un bisogno fondamentale che ti sostiene come essere umano, e significa perdere un po 'della tua dignità di persona. Occasionalmente ci si chiede come sia sopravvissuta la specie umana.

Berit "Brit" Brogaard è un coautore di The Superhuman Mind e autore di On Romantic Love .

Penguin, used with permission
Fonte: Penguin, usato con permesso

Solutions Collecting From Web of "Avere un bambino significa rinunciare ai bisogni di base"