Avere la loro torta e mangiarla anche

Gli umani sono un gruppo di organismi notevolmente cooperativo. Questo è un fatto notevole perché la cooperazione può aprire la porta a tutti i modi di costoso sfruttamento. Mentre può essere una strategia redditizia per tutte le parti coinvolte, la cooperazione richiede un certo grado di vigilanza e, a volte, la minaccia credibile di punizione al fine di mantenere la sua esistenza. Capire come le persone riescano a risolvere questi problemi cooperativi ci ha fornito non poche carenze di ricerca e teorizzazione, alcune delle quali sono del tutto più plausibili delle altre. Sebbene non abbia ancora capito bene l'appello, ci sono molte persone premurose che preferiscono i conti di selezione di gruppo per spiegare perché le persone collaborano. Suggeriscono che le persone collaboreranno spesso nonostante i costi di fitness personale, poiché servono a migliorare le condizioni generali del gruppo a cui appartengono. Mentre non ci sono state previsioni utili che sembrano essere cadute fuori da un tale modello, ci sono quelli che sono abbastanza certi che possono almeno rendere conto di alcune scoperte conosciute, ma apparentemente strane.

Questa è una scoperta piuttosto strana che hai ottenuto. Grazie, buona volontà.

Una caratteristica umana pretesa di richiedere una spiegazione di selezione di gruppo è la punizione e la cooperazione altruistica, specialmente nei giochi economici anonimi one-shot. La logica di base è la seguente: nel gioco del dilemma di un prigioniero, finché quel gioco è un evento non ripetuto, c'è davvero solo una strategia, e questa è la defezione. Questo perché se fai un difetto quando il tuo partner ha dei difetti, stai meglio di se collaborassi; se il tuo partner ha collaborato, d'altra parte, stai ancora meglio se hai un difetto. Gli economisti potrebbero quindi chiamare la strategia del "sempre difetto" come "razionale". Inoltre, punire un disertore in tali condizioni è considerato un comportamento irrazionale, in quanto si traduce in un pagamento inferiore per il punitore di quanto avrebbe altrimenti avuto. Come sappiamo da decenni di ricerche su questi giochi, tuttavia, le persone non si comportano sempre "razionalmente": a volte collaborano con le altre persone con cui stanno giocando, ea volte rinunciano ad alcuni dei propri pagamenti in per punire qualcuno che ha commesso un errore o, cosa ancora più importante, uno straniero offeso. Questo modello di comportamento – pagare per essere gentile con le persone che sono carine e pagare per punire coloro che non lo sono – è stato soprannominato "forte reciprocità". (Fehr, Fischbacher, & Gachter, 2002)

La ragion d'essere generale di una forte reciprocità sembra essere che gruppi di persone che avevano molti individui che giocavano quella strategia riuscivano a superare in competizione altri gruppi di persone senza di loro. Anche se una forte reciprocità è costosa a livello individuale, la società in generale raccoglie maggiori benefici generali, poiché la cooperazione ha il più alto guadagno complessivo, relativo a qualsiasi tipo di defezione. Una forte reciprocità, quindi, aiuta a forzare la cooperazione alterando i costi e i benefici della cooperazione e della defezione a livello individuale. C'è tuttavia un certo tipo di ingiustizia inerente a questo argomento; un'ipocrisia concettuale che può essere riassunta dalla frase sempre popolare, "avere la propria torta e mangiarla anch'essa". Per capire perché, dobbiamo capire la ragione per cui le persone si impegnano in punizione in primo luogo. La spiegazione probabile, probabilmente ovvia del candidato, appena avanzata, è che la punizione serve una funzione di deterrenza: infliggendo costi a coloro che si impegnano nel comportamento punito, coloro che si impegnano nel comportamento non riescono a beneficiarne e quindi smettono di comportarsi in quel modo. Questa funzione, tuttavia, si basa su un'ipotesi apparentemente innocua: gli attori stimano costi e benefici per agire e agiscono solo quando i benefici attesi sono sufficientemente ampi, rispetto ai costi.

L'ipocrisia concettuale è che questo tipo di stima costi-benefici è qualcosa a cui i forti reciprocatori non pensano di impegnarsi. In particolare, stanno punendo e cooperando a prescindere dai costi personali coinvolti . Potremmo dire che il comportamento di un reclamatore forte è inflessibile rispetto ai propri pagamenti. Questo esempio è un po 'come giocare a "chicken", in cui due macchine si fronteggiano da lontano e iniziano a guidare l'una con l'altra in linea retta. Il primo tentativo di allontanarsi perde la partita. Tuttavia, se entrambe le vetture continuano sul loro percorso, il risultato finale è un costo molto maggiore per entrambi i piloti di quello che subisce se uno dei due si gira. Se un giocatore in questo gioco doveva adottare una strategia inflessibile, quindi, facendo qualcosa come disabilitare la capacità della sua auto di sterzare, possono costringere l'altro giocatore a fare una certa scelta. Di fronte a un guidatore che non riesce a girare, hai davvero solo una scelta da fare: continuare ad andare dritto e soffrire un costo enorme, o girare e soffrire di uno più piccolo. Se sei un essere "razionale", allora, puoi essere sconfitto da una strategia "irrazionale".

Vittoria impeccabile. Fatalità.

Quindi quale sarebbe il risultato se altre persone iniziassero a giocare alla sempre presente strategia "sempre difetto" in modo altrettanto inflessibile? Chiameremo quelle persone "forti disertori" per il gusto del contrasto. Indipendentemente dai costi e dai benefici personali, i forti disertori, indipendentemente da ciò che fa il loro partner in queste interazioni, giocano sempre un difetto. In tal modo, questi forti disertori potrebbero riuscire a collocarsi al di fuori della portata della punizione da forti reciprocatori. Perché? Bene, qualsiasi ammontare di punizioni costose rivolte a un forte disertore sarebbe una perdita di forma fisica dal punto di vista del gruppo, poiché la punizione costosa è un comportamento che riduce la forma fisica: riduce l'idoneità della persona che la pratica (nella forma di qualsiasi costo soffrono per consegnare la punizione) e riduce l'idoneità del bersaglio della punizione. Inoltre, i costi per punire i disertori avrebbero potuto essere indirizzati verso il beneficio di altre persone – che sono guadagni di fitness netti per il gruppo – quindi ci sono anche costi di opportunità per impegnarsi in punizione. Questi costi di fitness dovrebbero essere recuperati altrove, dal punto di vista della selezione di gruppo.

Il problema è che, poiché i forti disertori stanno giocando una strategia inflessibile, i costi non possono essere recuperati altrove; nessun cambiamento comportamentale può essere influenzato. Estendendo questo gioco di analogia di pollo a livello di gruppo, diciamo che voltare le spalle è l'opzione "cooperativa", e dilemmi come questi erano almeno abbastanza regolari. Potrebbero non aver coinvolto auto, ma hanno comportato un simile tipo di matrice payoff: c'è solo un vantaggio disponibile, ma ci sono costi potenziali nel tentativo di raggiungerlo. Mantenendo in linea con la metafora, sarebbe nell'interesse della popolazione più ampia se nessuno si fosse schiantato. Ne consegue che le pressioni selettive tra i gruppi favoriscono la svolta ogni volta, poiché i costi sono garantiti per essere più piccoli per la popolazione più ampia, ma la somma dei benefici non cambia; solo chi li raggiunge. Al fine di forzare l'opzione cooperativa, un forte reciprocatore potrebbe disabilitare la propria capacità di trasformarsi in modo tale da alterare i costi e i benefici per gli altri.

Non ci si dovrebbe aspettare che i forti reciprocatori non siano influenzati da costi e benefici; dovrebbero essere influenzati da tali considerazioni, solo a livello di gruppo, piuttosto che a livello individuale. La loro strategia dovrebbe essere altrettanto "razionale" di qualsiasi altra, solo per quanto riguarda una variabile diversa. Di conseguenza, può essere battuto da altre strategie apparentemente irrazionali – come la forte defezione – che non possono essere influenzate dalle minacce dei costi. Forti disertori che si rifiutano di girare o costringono a un cambiamento comportamentale nei forti reciprocatori o provocano molti gravi incidenti. In entrambi i casi, la forte strategia reciproca non sembra portare a benefici in tal senso.

Ora forse questo esempio sembra un po 'imperfetto. Nello specifico, ci si potrebbe chiedere come porzioni apprezzabili della popolazione potrebbero venire a sviluppare in primo luogo una strategia di "sempre difetto" inflessibile. Questo perché la strategia sembra essere costosa da mantenere a volte: ci sono benefici per la cooperazione e la capacità di modificare il proprio comportamento in risposta ai costi imposti attraverso la punizione, e ci si aspetta che le persone siano selezionate per raggiungerle ed evitarle, rispettivamente. Oltre a ciò, vi è anche la netta preoccupazione che ripetuti tentativi di defezione o sfruttamento possano portare a punizioni abbastanza gravi da uccidere il disertore. In altre parole, sembra che ci siano determinati contesti in cui i forti disertori si troverebbero in uno svantaggio selettivo, diventando meno prevalenti nella popolazione nel tempo. In effetti, una tale critica sarebbe molto ragionevole, ed è proprio il perché la popolazione sempre difettosa si comporta senza riguardo al loro profitto personale. Certamente, tale critica si applica in modo altrettanto forte ai forti reciprocatori, e questo è l'intero punto: usare un budget limitato per influenzare la vita degli altri indipendentemente dai suoi effetti su di te non è il modo migliore per fare più soldi .

L'interesse per "far piovere" non è in concorrenza con l'IRA.

L'idea di forti disertori sembra perversa proprio perché agisce senza riguardo per ciò che potremmo considerare i propri interessi razionali. Se dovessimo sostituire "razionale" con "forma fisica", lo svantaggio evolutivo di una strategia che funziona come se comportarsi in questo modo sembra straordinariamente chiaro. Il punto è che l'idea di un tipo di strategia fortemente reciproco dovrebbe essere altrettanto perversa. Coloro che tentano di proporre un tipo di strategia fortemente reciproco come una spiegazione plausibile della cooperazione e della punizione tentano di creare un contesto che permetta loro di avere il loro dolce irrazionale e mangiarlo pure: i forti reciprocatori non devono comportarsi nei loro interessi di fitness, ma tutti gli altri agenti dovrebbero farlo. Questa ipotesi deve essere almeno implicita all'interno dei modelli, altrimenti non hanno senso. In generale, non sembrano avere molto senso, quindi forse questa supposizione è l'ultimo dei loro problemi.

Seguimi su Twitter: https://twitter.com/PopsychBlog

Riferimenti: Fehr, E., Fischbacher, U., & Gachter, S. (2002). Forte reciprocità, cooperazione umana e applicazione delle norme sociali. Human Nature, 13, 1-25

Copyright Jesse Marczyk

Solutions Collecting From Web of "Avere la loro torta e mangiarla anche"