Avatar, avarizia e animali: altre specie dipendono dalla nostra buona volontà e dobbiamo trattarle meglio o lasciarle sole

Il film Avatar di grande successo (vedi anche http://en.wikipedia.org/wiki/Avatar_(2009_film) sottolinea quanto invasivi e sconsiderati possiamo essere con poca preoccupazione per gli altri che soffrono mentre ridiamo incessantemente la natura, siano essi non umani animali, esseri umani meno fortunati o umani riteniamo che siano inferiori a noi.

Il defunto teologo Thomas Berry ha sottolineato che il nostro rapporto con la Natura dovrebbe essere uno di stupore , non di uso . Gli individui hanno un valore intrinseco o intrinseco perché esistono e questo solo impone che noi coesistiamo con loro. Non hanno meno diritto di noi di vivere le loro vite senza le nostre intrusioni, meritano dignità e rispetto, e noi dobbiamo accettarle per quello che sono. Eppure, attraverso una combinazione di perdita dell'habitat e cambiamento climatico, siamo nel mezzo della sesta grande estinzione di specie. I ricercatori concordano sul fatto che siamo la causa principale di questa incredibile perdita di biodiversità e abbiamo coniato il termine "antropocene" per evidenziare l'impatto significativo dell'essere umano sugli ecosistemi e sul clima della Terra.

Considera cosa facciamo agli elefanti. Lo psicologo Gay Bradshaw osserva in un saggio nella mia enciclopedia dei diritti degli animali e del benessere degli animali : "La minaccia dell'estinzione degli elefanti è molto reale in termini di numeri puri e in considerazione del grado in cui la terra e gli animali sono spinti a cambiare. E c'è qualcosa di più terribile. In Kenya, cuore delle terre degli elefanti, la popolazione umana è passata da 8,6 milioni nel 1962 a oltre 30 milioni nel 2004, e tra il 1973 e il 1989 il numero di elefanti è crollato da 167.000 a 16.000. Di conseguenza, non ci sono luoghi in Africa o in Asia che possano rivendicare mandrie di elefanti anche lontanamente simili a quelle di due secoli fa. … I bambini sono in gran parte allevati da madri single inesperte e molto stressate, senza la conoscenza dettagliata dell'ecologia vegetale locale, della leadership e del supporto fornito da una matriarca e da tutti gli altri. Le madri adolescenti disorientate allevano le proprie famiglie senza la spina dorsale della società degli elefanti per guidarle. … I parchi … non offrono rifugio ai soldati predatori e agli abitanti dei villaggi affamati di avorio e di mitragliatrici. Come la maggior parte dell'habitat elefante rimasto in Africa, in tutta l'Asia, la popolazione totale è stimata a partire da 35.000 e si sta riducendo rapidamente. "

In poche parole, ci sono troppi di noi – predatori animali umani – esseri umani dominanti che consumano e pensano di poter fare tutto ciò che vogliamo perché siamo superiori. A molte persone non piace parlare della nostra tendenza a produrre troppo ma al centro è il problema principale. Tra le mie peggiori paure è che un giorno mi sveglierò e mi chiedo dove siano finiti tutti gli animali. Anche se apportassimo cambiamenti immediati, molti animali moriranno, ma adesso possiamo fare una differenza positiva con poco sforzo.

Sono costantemente lieto di ricevere e-mail e lettere occasionali da persone che adorano guardare gli animali con l'atteggiamento di ammirazione che Berry raccomanda. Nel luglio 2008 Ted Groszkiewicz di Berkeley, in California, ha condiviso questa storia con me del suo viaggio al Rocky Mountain National Park a Estes Park, in Colorado, dove ho studiato coyote a metà degli anni '70. Ted ha scritto: "Mia moglie ed io siamo venuti qui ogni estate negli ultimi 20 anni, e questa mattina abbiamo avuto un'esperienza singolare. Avevo appena finito di leggere il tuo libro la scorsa notte, e ho pensato che ti sarebbe piaciuta questa breve osservazione. Stavamo guidando da Moraine Park fino al parco e viaggiammo viaggiando verso ovest lungo il Big Thompson quando ho notato una linea di traffico in arrivo che viaggiava molto lentamente. Strano a quest'ora del mattino, ho pensato. E poi ho notato che c'era un animale davanti alla macchina principale; prima occhiata disse: Fawn … Ma subito ho capito che non era giusto; questo animale era molto più aggraziato. Ah, coyote! Ho fermato la mia macchina per vedere la parata in arrivo. Che bestia felice, che si pavoneggia davanti a tutte quelle macchine. Tenendo la testa alta, questo coyote si muoveva avanti e indietro attraverso il viottolo del traffico a passo lento. Il coyote sorrise e mi guardò dritto negli occhi mentre raggiungeva la nostra macchina. E, continuando a tessere avanti e indietro lungo la corsia come una pattuglia della motocicletta, un poliziotto di motociclisti in fuga da un traffico rompe la coda rimbalzando verso est conducendo una processione di almeno dieci macchine. Avrei dato una bella somma per condividere la mente di quel coyote! "Anche io!

Ho imparato in prima persona che il mondo degli altri animali è carico di magia e meraviglia. Sono stato estremamente fortunato avendo avuto numerose esperienze personali in tutto il mondo sia con gli animali che con le persone che lavorano per loro conto. Ho visto leoni, leopardi e iene macchiate in Kenya, aiutato a salvare i cani e riabilitare gli orsi della luna che sono stati torturati per la loro bile in Cina, osservati i delfini al largo di Adelaide, in Australia, affrontati da un babbuino arrabbiato nel Masai Mara, ha raccolto la neve gialla (imbevuta di urina) a Boulder, in Colorado e la cacca di elefanti nel Kenya settentrionale, ed è stata stroncata nel culo da un coyote madre che pensava che mi stavo avvicinando troppo ai suoi giovani. Ho anche studiato diversi animali negli ultimi 40 anni, da cani domestici, coyote, lupi e volpi, a pesci arcieri che catturano la preda sputando acqua a vari uccelli tra cui pinguini Adelia che vivono vicino alla Ross Ice Shelf e alle ghiandaie di Steller e i grosbeak della sera occidentale che vivono in casa mia.

Proprio come noi esclamiamo "Wow" quando ci meravigliamo delle misteriose vite di altri animali, non sarei sorpreso se loro dicessero "Wow" a modo loro mentre sperimentano gli alti e bassi della loro vita quotidiana e la grandezza e la magia di i dintorni in cui vivono. Guarda i loro occhi – luccicano di gioia quando sono felici, morti e spenti quando vengono maltrattati e trattati con indegnità.

Molte persone nei paesi ricchi, una piccola parte della popolazione mondiale, sono incredibilmente fortunati a vivere con una straordinaria varietà di animali e piante. Non dovremmo mai dare per scontato perché potrebbe non essere sempre così. Quando prendiamo decisioni sulla conservazione e sull'ambiente e ridiamo la natura, la vita dei singoli animali deve essere presa in considerazione. Mentre la maggior parte delle persone concorda sul fatto che gli animali debbano essere parte dell'equazione per la convivenza, quando la spinta arriva a spingere e i profitti sono compromessi o le vite delle persone sono minacciate da animali, sembrano abbandonare l'equazione.

Spesso le caratteristiche degli animali che ci attirano verso di loro o verso la terra in cui vivono sono i motivi per cui decidiamo che non ci piacciono più una volta che sono diventati parassiti o pericolosi. Spesso alle persone piace vantarsi di vivere nei boschi tra gli animali selvatici ma sono felici solo se gli animali si comportano come vogliono, non come gli esseri che sono. La convivenza deve essere il nome del gioco.

Sfortunatamente, la maggior parte delle volte commettiamo errori cruciali quando proviamo a controllare gli animali selvatici che riteniamo problematici. Nel gennaio 2009 un coyote aggressivo in una città vicino a Boulder avrebbe apparentemente attaccato una donna. Aveva giocato a Frisbee con il suo cane e da quello che posso spigolare il coyote era altrettanto probabile che cercasse di unirsi al gioco. Quando ho suonato con il mio compianto cane Jethro, a volte le volpi rosse locali provavano a giocare con noi e io mi fermavo perché non volevo che si sentissero a loro agio. Anch'io non voglio animali aggressivi intorno a casa mia, ma come esperto di comportamento animale, so che trovare i colpevoli non è mai così semplice come sembra. Le persone spesso etichettano un animale come "aggressivo" quando in realtà lui o lei è semplicemente curioso. Nondimeno, la Divisione della Fauna del Colorado (CDOW) uscì immediatamente per uccidere i coyote che stavano "molestando" la donna e un gruppo di noi protestò perché prima non sapevano esattamente chi fossero i coyote e secondo, era lontano da chiaro che erano stati aggressivi. A quanto pare hanno ucciso un coyote che non ha stroncato la donna! Poche settimane dopo il CDOW uscì e uccise altri cinque coyote, nessuno dei quali aveva fatto nulla per giustificare questa condanna a morte. Poiché il coyote coinvolto nell'incidente non può essere identificato, tutti sono stati uccisi come misura precauzionale, hanno detto funzionari della fauna selvatica.

Nel luglio 2008 le vite e le morti non necessarie di due orsi neri sono entrate nel cuore di persone in tutto il mondo. Nella mia città natale di Boulder, in Colorado, i rappresentanti della Divisione della Fauna del Colorado hanno ucciso un orso madre perché presumibilmente rappresentava un pericolo per gli esseri umani del vicinato. Eppure, non c'erano stati incontri tra umani e questa femmina che stava semplicemente tornando a cercare il figlio che era stato fulminato dopo aver toccato una scrittura elettrica. E, per aggiungere la beffa al danno, anzi alla morte, non si sapeva se la madre fosse lo stesso orso che era stato lì prima e lei era nel quartiere perché le persone che vivevano lì le avevano dato da mangiare. Quindi, quello che è successo è che è stata invitata a una festa e poi uccisa per aver accettato l'invito. Che doppia croce. E lei è stata uccisa perché il Colorado ha una politica "due colpi e la tua morte" per gli animali selvatici che si avventurano nei dintorni umani. Anche se questa politica è sicuramente discutibile, una politica di "no strike e you're dead" è assolutamente disumana e deplorevole. Ma cosa ti aspetteresti da un'organizzazione che fa una buona parte dei suoi soldi dalla vendita di licenze di caccia e pesca? La sicurezza umana è sicuramente importante, ma lo è anche la responsabilità umana. Perché non punire le persone che hanno invitato l'orso nutrendola? Perché non poteva essere spostata in una zona remota dove poteva vivere la sua vita lontano dagli umani? Un rappresentante della Divisione della Fauna del Colorado mi ha detto "Sono assolutamente d'accordo che non è colpa dell'orso", ma comunque doveva essere "tranquillizzata e messa giù". "Tranquillizzato e messo giù" è usato per sbiancare quello che è realmente successo – l'orso è stato ucciso spietatamente per essere un orso. Uno dei detenuti del corso Roots & Shoots che insegno alla prigione della contea di Boulder ha scritto: "La madre che cercava il suo cucciolo morto è stata distrutta per aver fatto la cosa più naturale del mondo". Altri hanno concordato sul fatto che uccidere animali selvatici innocenti costituisce un terribile esempio per bambini e altri che devono imparare a convivere con i nostri vicini selvaggi.

Poco dopo l'incidente a Boulder, nel Minnesota, il Dipartimento delle risorse naturali (DNR) ha ucciso un orso maschio che aveva messo la sua intera testa bloccata in un barattolo di plastica perché era considerato un pericolo per le persone. Non sto scherzando. Eppure, questo povero maschio non poteva mangiare o bere ed era anche emaciato e disidratato. Per citare Rob Naplin, un supervisore locale della fauna selvatica, "Quando arrivò in città, la nostra preoccupazione principale era la sicurezza pubblica". Così fu ucciso. La gente era indignata e scrisse agli assassini del Minnesota. Come hai potuto fare questo? Perché non tranquillizzare l'orso, rimuovere il vaso, trattarlo e trasferirlo? Ciò che è particolarmente inquietante in questo caso è che le persone sono state in grado di avvicinarsi abbastanza da fotografare questo orso con la testa bloccata nel barattolo e che quelli che lo hanno ucciso sono stati in grado di ucciderlo ma non di prendersi il tempo per tranquillizzarlo, trattare lui, e trasferiscilo. Dopo aver chiesto perché l'orso doveva essere ucciso, un rappresentante della divisione Risorse naturali del Minnesota mi ha scritto: "L'eutanasia dell'animale non era la prima scelta del DNR. Divenne l'unica scelta quando le condizioni fisiche dell'orso peggiorarono e la sua presenza a Frazee rappresentò un rischio per la sicurezza pubblica. "Hmm. Hanno anche detto che non si poteva trovare un veterinario adatto, uno che aveva esperienza di tranquillizzare un grande mammifero. Un altro hmm. Dopo che l'orso è stato ucciso, ho ricevuto un'email da un veterinario locale che avrebbe potuto svolgere il lavoro.

Ci sono un certo numero di fattori comuni qui. In primo luogo, gli orsi furono uccisi perché dovevano essere pericolosi, ma nessuno dei due aveva fatto nulla per giustificare questa affermazione / menzogna. Entrambe le agenzie in Colorado e nel Minnesota hanno anche affermato che gli orsi sono stati soppressi per eutanasia, ma in realtà non è così, poiché l'eutanasia significa letteralmente "buona morte" o indolore uccisione di pietà. Né l'orso doveva essere ucciso e il tentativo di imbiancare la lingua non lo rende davvero più appetibile. In poche parole, gli orsi furono uccisi perché era la cosa facile da fare. Senza prove del fatto che fossero un pericolo, furono uccisi.

Questi omicidi non necessari rappresentano esempi negativi per tutte le persone, compresi i bambini e gli studenti di biologia della fauna selvatica e quale deplorevole modello di convivenza. Dopotutto, ci siamo trasferiti nel loro habitat e abbiamo deciso che avremmo il diritto di ucciderli perché sarebbero diventati una seccatura. Ricordiamo che anche questa terra è la loro terra. Ognuno di noi è libero di muoversi se scopriamo che la presenza di animali è sconcertante o che possiamo semplicemente apportare cambiamenti nelle nostre abitudini in modo da poter vivere tutti insieme.

Le storie di questi sfortunati orsi sollevano numerose questioni sui modi in cui gli umani scelgono di interagire con altri animali: chi pensiamo di essere, chi pensiamo di essere, e va bene trionfare sui loro interessi nel vivere una bella vita con i nostri interessi nel vivere una bella vita? Dico scegliere perché facciamo davvero delle scelte su come trattiamo gli altri animali e siamo responsabili delle decisioni che prendiamo. Dobbiamo controllare la nostra avidità ed essere più accettando gli altri esseri con cui condividiamo il nostro unico ed unico pianeta. Dobbiamo camminare per parlare. Così, ero elettrizzato nel vedere che i vincitori di un Oscar per The Cove hanno preso provvedimenti contro un ristorante che stava violando le leggi federali contro la vendita di mammiferi marini.

Spero che Avatar investa le persone non solo a pensare a chi siamo e cosa facciamo, ma anche a fare qualcosa per i nostri modi invasivi prima che sia troppo tardi. Abbiamo bisogno di risuscitare i nostri cuori e costruire corridoi di compassione che includano tutti gli esseri. Dobbiamo trattare meglio gli animali o lasciarli soli.

Solutions Collecting From Web of "Avatar, avarizia e animali: altre specie dipendono dalla nostra buona volontà e dobbiamo trattarle meglio o lasciarle sole"