Autorità reale

Nel mio ultimo post (# 10 The Shadow) ho descritto il potere espressivo che scateni quando formi un legame con la tua ombra. Il passo successivo è imparare come creare quel legame e come quell'atto costituisce la base di uno strumento che ti porterà sicurezza quando ne hai più bisogno.

Jennifer era una paziente che era sempre priva di fiducia. Stranamente, si sentiva insicura quando lei era intorno alla squadra di calcio del figlio di dieci anni – più precisamente, intorno alle altre mamme di calcio. Era una modella divorziata, cresciuta in una zona rurale che descriveva liberamente come la "capitale del mondo dei trailer park". Sebbene fosse intelligente e bella, era convinta che il mondo la vedesse come "spazzatura".

Aveva tanto interesse per il calcio quanto per la fisica nucleare. Ma aveva buone ragioni per seguire il calcio maschile – suo figlio era molto bravo a farlo. Il calcio sarebbe stato il suo ingresso nella prestigiosa Los Angeles. Stava già facendo gli amici "giusti". In pochi anni le sue abilità gli avrebbero dato un vantaggio nell'inseguimento folle per un'educazione alla Ivy League e la sua eventuale appartenenza al "gruppo" che governava la società. Jennifer era determinata a non dover mai provare l'umiliazione che aveva sentito come un emarginato "collinoso".

Assunse che le altre mamme di calcio erano membri fondatori del gruppo in cui stava preparando suo figlio per entrare, le dee che guidavano Range Rover che potevano accettarlo ma mai lei. Ciò li rendeva così intimidatori che riusciva a malapena a parlare in loro presenza. Si sarebbe congelata, con il cervello chiuso, incapace di formare una semplice frase.

Alla fine, durante una lunga corsa in autobus, il ghiaccio si è rotto e Jennifer ha iniziato a parlare con le altre mamme. Con suo stupore le dissero che non la vedevano come un emarginato. Lontano da ciò, la vedevano come una donna meravigliosa, misteriosa e distaccata che avrebbe fermato i loro mariti sulle loro tracce. Quella rivelazione la fece sentire meglio per alcuni giorni ma – sapendo che era irrazionale – scivolò rapidamente in ritiro e insicurezza.

Le ho spiegato che l'insicurezza proviene dall'Ombra e che, indipendentemente da quanto feedback positivo abbia avuto dal mondo, la sua Shadow non se ne sarebbe mai andata. L'unica soluzione era accettarne la presenza e legarla. Ho spiegato che i poteri nascosti che questo atto rilascia diventano una fonte di fiducia che non ha nulla a che fare con ciò che gli altri pensano di te.

Non puoi legare con la tua ombra se non puoi vederla. Visualizza te stesso di fronte a qualsiasi numero di persone ipercritiche – potrebbe anche essere una singola persona. Ti rendono insicuro e impacciato. Ora, guardati dal loro punto di vista: vedi te stesso mentre ti vedono. A cosa assomigli? Questa versione di te stesso è la tua ombra.

Potrebbe sembrare molto diverso dalla persona che pensi come te. Un bell'uomo potrebbe avere un'ombra che sembra un troll. Una donna dirigente gregaria potrebbe avere un'ombra che è una bambina sola. Jennifer's Shadow era un'età di 13 anni, grassottella e goffa, con acne.

Una volta che hai identificato la tua ombra, concentrati sulla sua presenza e immagina di creare un legame indissolubile con essa. Dì all'ombra: "Sei con me in ogni momento", mentre senti una connessione fisica con esso. Creare un legame con la tua ombra è il primo passo di uno strumento che consente a te e alla tua ombra di parlare con una sola voce: una voce di autorità.

È un tipo di autorità a cui non sei abituato perché lo generi da dentro te stesso, motivo per cui chiamiamo lo strumento Autorità interiore. Lo strumento ti consente di attivare questa forza a piacimento, in particolare nei momenti più insicuri. Jennifer ha iniziato a usarlo ogni volta che lei era in giro per le mamme di calcio. Non solo smise di congelarsi terrorizzata in loro presenza, iniziò a vederli come esseri umani con le loro stesse insicurezze (e le loro stesse Ombre).

– Dott. Phil Stutz

Solutions Collecting From Web of "Autorità reale"