Autoproduzione e autodistruzione: il caso di Sylvia Plath

Poeta Sylvia Plath non è stata in grado di trasformare sentimenti autodistruttivi nella creazione.

La poetessa Sylvia Plath non è stata in grado di trasformare la creazione in auto-creazione, la costruzione di nuovi e preziosi aspetti della personalità e delle emozioni. Sebbene gran parte della sua poesia sia piena di immagini vibranti e belle, c’è un altro sforzo nel suo lavoro che, penso, preannuncia il suo suicidio all’età di 31 anni. Forti impulsi alla distruzione e alla creazione appaiono in molte delle sue poesie. Ci sono nuove immagini del lato sinistro e micidiale delle cose casalinghe della cucina e dei corpi e dei fiori viventi. Queste immagini trasformano sia i vivi che i morti; fanno sembrare la morte bella e la vita sembra minacciosa.

I ritmi pacati e rassegnati delle sue battute contrastano con l’amarezza, il risentimento e l’odio nelle parole e la distruttività dietro le parole, producendo una strana eccitazione e vitalità. Ma, mentre i suoi sentimenti distruttivi sono spesso fusi in creazioni poetiche, c’è poco lavoro di questi sentimenti e poca indicazione di qualsiasi scoperta delle fonti psicologiche delle sue preoccupazioni. Ad esempio, in una delle poesie che ha scritto poco prima che si prendesse la vita, “Edge”, ci sono eccessi sorprendenti;

Albert Rothenberg

Sylvia Plath

Fonte: Albert Rothenberg

La donna è perfetta.

Lei morta

Il corpo indossa il sorriso di realizzazione,

L’illusione di una necessità greca

Scorre nelle pergamene della sua toga,

Lei nuda

Sembra che i piedi stiano dicendo;

Siamo arrivati ​​così lontano, è finita.

Ogni bambino morto si è arrotolato, un serpente bianco,

Uno per ogni Iittle

Brocca di latte, ora vuota.

Lei ha piegato

Rientrano nel suo corpo come petali

Di una rosa vicino quando il giardino

Dossifi e odori sanguinano

Dalle gole dolci e profonde del fiore notturno.

La luna non ha nulla di cui essere triste,

Staring dal suo cappuccio d’osso.

Lei è abituata a questo genere di cose.

I suoi neri scoppiettano e trascinano.

Il poema inizia con le linee belle, ma agghiaccianti:

La donna è perfetta. La sua morte /

Il corpo indossa il sorriso della realizzazione …

Guardando queste righe in modo retrospettivo, con la consapevolezza del suo suicidio poco dopo, possiamo, naturalmente, vedere una chiara dichiarazione del suo intento. Ma questo non è l’eccesso di cui sto parlando perché c’è una creazione poetica nelle linee, nonostante il loro tono macabro. Sono paradossali e un po ‘eccitanti; stimolano una progressione del pensiero. Ma subito dopo queste righe, troviamo quanto segue:

Ogni bambino morto si è arrotolato, un serpente bianco

Uno per ogni piccolo

Brocca di latte, ora vuota.

Lei ha piegato

Rientrano nel suo corpo come petali

Di una rosa vicino quando il giardino

Stiffenti e odori sanguinano …

Credo che queste ultime righe siano non creative perché, in esse, la distruttività è diventata eccessiva e sfuggita di mano. I bambini vengono restituiti nel corpo della madre semplicemente perché non può dare di più. Lei e il suo seno – i boccali di latte – sono vuoti e prosciugati. I bambini sono rinchiusi nel suo grembo, nel passato, da dove sono venuti. Sono distrutti semplicemente perché è distrutta. Inoltre, essi sono chiamati serpenti, un nome la cui negatività è solo leggermente modulata in questo contesto dall’aggettivo “bianco”. In parallelo con gli eccessi distruttivi in ​​queste righe, le immagini poetiche introdotte sono incoerenti e stridenti. I serpenti non vanno con brocche di latte e i petali della rosa non si chiudono come fanno altri petali di fiori. Sembra che la rosa sia usata principalmente a causa della sua filastrocca con “vicino”, tale rima disgiunta dal significato è distintamente poco efficace e non creativa. Le immagini e le metafore sono frammentate e le idee espresse, distruttive.

Richiamo l’attenzione su queste linee particolari per mostrare quanto possa essere precario l’equilibrio tra distruzione e creazione nell’arte, così come l’equilibrio tra auto-creazione e autodistruzione può essere precario nella vita. Sylvia Plath inizia la sua poesia con un’affermazione di trionfo sulla morte, il “sorriso di realizzazione”, ma non può portare ulteriormente il suo trionfo. Un senso di trionfo sulla morte è normalmente associato a un senso soggettivo di libertà – per la maggior parte di noi, cioè. Ma in questo poema non c’è libertà; c’è solo il riportare i bambini alle loro origini, al passato.

Albert Rothenberg, used with permission

Ted Hughes

Fonte: Albert Rothenberg, usato con permesso

C’è motivo di credere che il problema dei sentimenti distruttivi contenuti in questo poema riflettesse da vicino i problemi di Sylvia Plath con sentimenti distruttivi nella sua vita. Si è suicidata circa sette mesi dopo che suo marito, il poeta Ted Hughes, si è separato da lei. Lasciata con la totale responsabilità per la cura dei suoi due bambini molto piccoli, sembra essere stata costantemente coinvolta in una lotta con sentimenti ostili nei loro confronti. Molti dei suoi poemi incompleti – forse incompiuti perché erano così dolorosamente personali – in questo periodo suggeriscono una tale lotta, e anche le circostanze del suo suicidio lo indicano. Ecco un estratto da uno:

Lei odia

Il pensiero di un bambino

Stealer of cells, ladro di bellezza

Preferirebbe essere morta che grasso,

Morto e perfetto, come Nefertiti

Accendendo il gas nella stufa della cucina la mattina presto mentre i bambini dormivano nelle vicinanze, non ha provveduto a proteggerli dai fumi che si sono consumati. Sono sopravvissuti per caso piuttosto che per design. È impossibile sapere se intenzionalmente ha intenzione di uccidere i propri figli, ma non vi sono dubbi sull’espressione di tali sentimenti distruttivi nei confronti dei bambini nel poema “Edge”. I “serpenti” sono bianchi e sono avvolti in maniera non brutale nella madre, ma sono uccisi, tuttavia.

Credo che Sylvia Plath non abbia potuto trasformare i suoi sentimenti distruttivi in ​​creazioni poetiche in queste righe perché stava usando la poesia principalmente per controllare piuttosto che creare. In altre parole, ha tentato di esprimere sentimenti distruttivi in ​​forma poetica per espellerli ed esternarli. Un tale tentativo di espressione indiretta funziona solo per controllare i sentimenti piuttosto che per cambiarli. Si batte per l’equilibrio, uno stato statico piuttosto che progressivo. La buona poesia non lo fa; tenta di scendere sotto i sentimenti, di comprenderli o di usarli in modo progressivo. La scrittura di buona poesia implica che il poeta si sia liberato dal passato fino ad un certo grado attraverso il raggiungimento di una certa comprensione e un movimento nel futuro. Una delle fonti del nostro godimento della poesia è la nostra identificazione vicaria con la lotta del poeta per la comprensione e la libertà. Nel caso di questo particolare poema, Sylvia Plath non poteva trasformare completamente la distruttività in creazione e non poteva liberarsi abbastanza dal passato per muoversi verso il futuro. Come ora sappiamo, questo stato ha portato la sua autodistruzione.

Proprio come un eccessivo bisogno di controllo interferisce con la trasformazione della distruttività in creazione nell’arte, così interferisce con trasformare sentimenti auto-distruttivi in ​​un processo di auto-creazione nella vita.

  • 7 fatti sorprendenti sugli animali (e noi)
  • Recupero dall'anoressia: come e perché iniziare
  • Cosa manca alla New Gillette Ad sui ragazzi
  • Il presidente Obama smette di fumare ... E così puoi
  • Ulteriore supporto contro punizioni fisiche per la disciplina
  • Anoressia e diritto di morire
  • Drag Queen Storytime for Children
  • Suicidio nei pazienti con cancro
  • Stiamo cambiando i giovani LGBTQ?
  • Robin Williams
  • Dovremmo stare attenti alle canzoni tristi?
  • Nascosto all'interno - Toxoplasma gondii
  • Cosa penso quando penso a #GivingTuesday
  • Psicologi depressi
  • A Pitcher for the People
  • Il modo inaspettato che la nuova tecnologia ci rende infelici
  • I pericoli psichici della pratica forense
  • Suggerimenti per accendere la tua creatività
  • Fear the Walking Dead: i parassiti del cervello possono farci diventare zombi?
  • Umanizzare l'altro dopo un'elezione polarizzante
  • I rischi del bere all'età del college
  • Massacro per i media
  • Prevenire il suicidio nella gioventù: passi per genitori e insegnanti
  • Hai fantasticato sul suicidio? Non sei solo
  • Perché cambiare il mio nome era e non era la cosa peggiore che abbia mai fatto
  • Prevenire i tiri scolastici: sono pistole, non salute mentale
  • Dove sono finiti tutti i guerrieri? Casa.
  • Fort Hood: gli shrink non sono più pazzi, ma meno trattati
  • Perché preoccuparsi di votare?
  • Una cura sociale
  • Depressione, solitudine e amicizia
  • Scrivendo sulla lussuria, onestamente
  • Paga il prezzo
  • Cani come guaritori, Cani come co-terapeuti per PTSD
  • Come vivere 7,2 (felici) anni più a lungo
  • Suicidio assistito negli Stati Uniti? Vai a West Old Man