Autoefficacia come catalizzatore del cambiamento

Percezioni delle disparità di salute tra gli afro-americani.

La comorbilità tra gli afroamericani negli Stati Uniti con disturbo depressivo maggiore e diabete rappresenta circa 21 milioni di individui con diagnosi di diabete e oltre 8 milioni di persone non diagnosticate con diabete, mentre la depressione maggiore rappresenta solo il 7,6% degli americani di 12 anni e più (Centri per Disease Control, 2014). Sorprendentemente, secondo Agyemang, Mezuk, Perrin e Rybarczyk (2014), gli afroamericani con grave depressione riportano più sintomi cronici e hanno meno probabilità di ricevere un’assistenza sanitaria adeguata rispetto ai bianchi non ispanici. Una buona parte delle prove suggerisce che gli afroamericani corrono un rischio maggiore di essere sottodiagnosticati e sottoposti a trattamento insufficiente. Ironia della sorte, il pensiero sarebbe che più visite al paziente vengono fatte al loro medico di base per una malattia, più è probabile che abbiano una cura per la seconda malattia.

Tuttavia, gli attivisti sociali che immaginavano un’America migliore in termini di uguaglianza e libertà educativa, hanno scritto sul tessuto del modo in cui viene condotta la ricerca, di come vengono utilizzati i risultati e, cosa più importante, della percezione del processo decisionale etico nella scienza del sociale e comportamento medico. Le eredità di individui come Kenneth e Mamie Clark, nel 1939 con i loro famosi studi sulle bambole, incarnarono senza dubbio il matrimonio tra la ricerca scientifica sociale e le implicazioni per la pratica come mai prima d’ora. Lo zeitgeist degli anni ’40 e ’50 impose alla società squilibri sociali, economici ed etnici di disuguaglianza che creavano problemi come la segregazione educativa, la segregazione medica e attualmente le disparità sanitarie nelle minoranze svantaggiate e sottosviluppate (Ancheta, 2006). Molti ricercatori hanno trascorso gran parte della loro carriera professionale tentando di cancellare quelle disuguaglianze – alcune, con molto successo, e altre, con la necessità di nuovi professionisti per creare e definire modi per unire la ricerca e la pratica insieme per portare innovazione e tecnologia in quelle comunità svantaggiate.

Questa disparità di salute negli afroamericani sembra suggerire il contrario. Le principali ragioni di alcune delle disparità indicano tassi di iniziazione più bassi per la diagnosi di depressione maggiore e la probabilità del medico di rilevare i sintomi (Agyemang, Mezuk, Perrin e Rybarczyk, 2014). La disparità di salute tra gli afro-americani è stata ben nota (Spanakis & Golden, 2013; Groh & Moran, 2016; Meanear, Duhoux, Roberge & Fournier, 2014). In contrasto con i risultati simili che la comorbilità con la depressione e le condizioni mediche portano a un trattamento inferiore dei sintomi psicologici mentre Meaner, Duhooux, Roberge e Fournier (2014) hanno scoperto che gli individui con comorbilità medica da soli hanno ricevuto livelli più elevati di trattamento rispetto a quelli con comorbilità psichiatrica solo. Bell, Smith, Arcury, Snively, Stafford e Quandt (2005) hanno raccolto i dati dello studio ELDER (valutazione dell’autogestione del diabete a lungo termine tra anziani adulti rari) confrontando i partecipanti anziani delle seguenti razze: afroamericani, nativi americani e Uomini e donne caucasici nelle aree rurali, in particolare nella Carolina del Nord. Il loro criterio di analisi era basato sul Center for Epidemiologic Study of Depression scale. I risultati hanno rivelato un maggior rischio di sintomi depressivi indipendentemente dall’etnia. I risultati concordano sul fatto che vi è una limitata conoscenza della ricerca sulla comorbilità della depressione e del diabete in questa popolazione

Una risposta è quella di aumentare l’autoefficacia delle scelte di stile di vita sano per aiutare le persone a credere di poter risolvere i problemi, diventare socievoli e comportamenti auto-regolatori che producono risultati funzionali. Ciò porta alla motivazione nel processo che influenza gli studenti osservatori a partecipare, mantenere e produrre comportamenti modellati che sono importanti all’interno del contesto sociale degli individui. Se gli individui possono formulare aspettative anticipate sui risultati previsti, potrebbe presto conseguire uno stile di vita sano. Secondo Kirchhoff, Elliott, Schlichting e Chin (2008) i principali facilitatori per mantenere uno stile di vita sano sono (1) essere percepiti come un modello di ruolo positivo (2) che stabilisce un buon rapporto e (3) stabilire e raggiungere gli obiettivi. Questi facilitatori si collegano direttamente alla percezione generale che l’ambiente, il comportamento e i fattori personali sono tutti in grado di produrre cambiamenti nel sistema di credenze degli individui e in ultima analisi cambiamenti comportamentali. Groh and Moran (2016) hanno scoperto che aumentare l’autoefficacia e l’empowerment del paziente può essere una soluzione per un mantenimento della salute positivo. Gli operatori sanitari possono utilizzare gli interventi tecnologici per influenzare i cambiamenti comportamentali, come ad esempio seguire piani di trattamento e piani sanitari. In secondo luogo, i fornitori possono rafforzare gli obiettivi dei piani di trattamento e salute con modelli di ruolo sociale, modellizzazione del ruolo ambientale e monitoraggio della salute attraverso il supporto telefonico da parte di professionisti qualificati e, infine, fornitori che forniscono rinforzo positivo dalla famiglia, altri fornitori di supporto medico o sociale e colleghi possono portare a una maggiore autogestione.

 No permission needed

Alcune modifiche possono fare la differenza.

Fonte: nessuna autorizzazione necessaria

Riferimenti

Agyemang, AA, Mezuk, B., Perrin, P. & Rybarczyk, B. (2014). Qualità del trattamento della depressione nei neri americani con grave depressione e comorbilità medica. General Hospital Psychiatry , 36 (4), 431-436. https://doi.org/10.1016/j.genhosppsych.2014.02.011.

Ancheta, AN (2006). Prove scientifiche e uguale protezione della legge . New Jersey: Rutgers University Press.

DePoy, L. & Gitlin, LN (2016). Disegni di tipo sperimentale In Introduzione alla progettazione della ricerca: Comprensione e applicazione di più progetti. St. Louis: Elsevier, pp. 134-577.

Groh, CJ & Moran, KJ (2016). Depressione e diabete in una popolazione femminile prevalentemente afro-americana. Problemi nella salute mentale Infermieristica, 37 (2), 106-112. http://dx.doi.org.liverpool.idm.oclc.org/10.3109/01612840.2015.1087605.

Katon, WJ (2008). La comorbilità del diabete mellito e della depressione. The American Journal of Medicine , 121 (11), S2, S8-S15. doi: http://dx.doi.org/10.1016/j.amjmed.2008.09.008

Kirchhoff, AC, MPH, Elliott, L., MD, Schlichting, JA, MS e Chin, Marshall H, MD, MPH (2008). Strategie per il mantenimento dell’attività fisica nelle donne afro-americane. American Journal of Health Behavior , 32 (5), 517-24.

Menear, M., Duhoux, A., Roberge, P. & Fournier, L. (2014). Caratteristiche della pratica di cure primarie associate alla qualità delle cure ricevute dai pazienti con depressione e condizioni croniche comorbili. General Hospital Psychiatry , 36 (3), 302-309. doi: org.liverpool.idm.oclc.org/10.1016/j.genhosppsych.2014.01.013

Schunk, DH (2000). Teorie dell’apprendimento: una prospettiva educativa . (3 ° ed.). Upper Saddle River, NJ: Prentice Hall

Spanakis, EK & Golden, SH (2013). Differenza razziale / etnica nel diabete e nelle complicanze diabetiche. Rapporto sul diabete attuale , 13 (6), 814-823. doi: 10.1007 / s11892-013-0421-9.

Solutions Collecting From Web of "Autoefficacia come catalizzatore del cambiamento"