Autoconoscenza, prima o dopo

Shutterstock
Fonte: Shutterstock

Com'è facile puntare il dito contro qualcun altro a cui manca la conoscenza di sé. Non si rende conto di quanto siano fastidiosi, pettegoli, scontrosi o pigri? È ovvio per te, perché non a loro? Hanno bisogno di aprire gli occhi!

Può darsi. Ma per quanto riguarda la nostra stessa auto-conoscenza? Quanto siamo disposti a rivolgere verso l'interno l'obiettivo critico ed esaminare i nostri desideri e le nostre abitudini e mettere in discussione il loro valore? Chi conosce i pensieri oscuri che una dose di auto-esame e auto-conoscenza potrebbe rivelare? Ragione sufficiente per rimandare o evitare del tutto, giusto?

Il deterrente per esaminare onestamente la nostra stessa mentalità può essere una paura di quali tratti malsani si nascondono sotto la superficie di cui siamo ignoranti. Vogliamo essere i nostri migliori, ma la conoscenza di sé è un passo necessario verso questo obiettivo?

L'esperienza dimostra che può e dovrebbe aprire gli occhi. Ci impedisce di affrontare le nostre vite con i paraocchi. Ma acquisire la conoscenza di sé non deve essere un'esperienza deprimente. In effetti, può essere stimolante.

Circa venticinque anni fa ero un lavoratore autonomo e guadagnavo una vita modesta, ma non sentivo di crescere abbastanza. Il denaro non era il problema di fondo; è stato che mi sono sentito in stallo. Sentivo che c'era un altro livello da raggiungere nella mia vita che sarebbe stato più appagante, ma sentivo anche che non sarebbe venuto dalle circostanze circostanti. Era qualcosa dentro che mi tratteneva e provavo un desiderio di crescita. La domanda era: in che modo?

Ciò che mi è venuto in mente un giorno era qualcosa in un articolo che avevo letto che descriveva tre fasi di crescita: auto-conoscenza, umiltà e amore. In assenza di quel primo passo, l'autoconoscenza, l'autore ha detto qualcosa che mi ha colpito: "L'oscurità mentale è un errore insensato, né intelligenza né potere, e la sua vittima è responsabile della sua presenza suppositiva." (L'articolo è intitolato "The Way" di Mary Baker Eddy, contenuto nella sua compilation di Miscellaneous Writings .)

Assumersi la responsabilità di una mancanza di conoscenza di sé era un campanello d'allarme. Da sempre desideravo ardentemente capire cosa mancava nella mia vita e non avevo idea di cosa avrebbe riempito il vuoto. L'idea che ero capace di cambiare era proprio quello che dovevo imparare.

Una settimana dopo sono stato invitato a partecipare a una conferenza di lavoro. L'uomo che presiedeva la conferenza e dirigeva l'incontro principale era un uomo d'affari di successo che aveva accettato di fornire, volontariamente, la guida e l'assistenza che poteva dare ai partecipanti. Voleva semplicemente essere al servizio.

Il suo saluto personale mentre entravamo nella sala e le conversazioni sincere e istruttive che aveva avuto con ciascuno di noi durante il giorno erano diverse dalla maggior parte delle transazioni commerciali che avevo incontrato. Era straordinariamente umile, altruista e instancabile. Si alzò in piedi per ottenere nulla dalla conferenza tranne la pura soddisfazione di aiutare gli altri, e ce n'era in abbondanza. Amava quello che stava facendo e lo mostrava.

Durante le tre ore di viaggio verso casa, continuavo a cercare di capire che cosa fosse o che avesse o espressi che era così stimolante e che superava di gran lunga un modo puramente professionale. Qualunque sia la qualità che ha mostrato in modo naturale mi ha colpito come un grande esempio di ciò di cui avevo bisogno e di ciò che mi piacerebbe coltivare.

Qualche istante dopo mi venne in mente una parola, e non una che avevo evocato. In effetti, quando la grazia apparve nel mio pensiero, non ero sicuro del perché. Quello di cui ero certo era che nello stesso momento in cui mi venne in mente la parola, l'oscurità mentale svanì. Ho capito che Grace era ciò che mi mancava. Include umiltà, pazienza e altruismo. In quel momento ho sentito la convinzione che la grazia fosse proprio ciò di cui avevo bisogno. L'anelito – pregando – per sapere cosa avrebbe contribuito alla mia crescita fu risposto.

Porta avanti l'orologio venticinque anni e la crescita continua. Vorrei dire che trasudo grazia in ogni momento, ma francamente ho un modo per andare. Eppure, grazie a quell'uomo d'affari, ho un buon esempio per ricordare la grazia in azione, e una convinzione più profonda che, poiché è una qualità spirituale, è sempre lì per attingere.

Ciò che è cambiato è che non trascuro più questo fatto e, di conseguenza, ho un concetto completamente diverso di me stesso. Vedo capacità e possibilità di crescita che non avevo mai visto prima.

La conoscenza di sé, si scopre, non si tratta di venire faccia a faccia con ciò che c'è di sbagliato in noi e rimanere bloccati in questo. Riguarda il risveglio di ciò che è giusto e buono riguardo a noi fino al midollo, dando la nostra piena attenzione, volendo comprendere la dimensione completa di questo punto di vista e permettendogli di trasformarci.

Per questo risultato elevato, prima è meglio di dopo.

Solutions Collecting From Web of "Autoconoscenza, prima o dopo"