Autobiografia di un serial killer

Questo è il primo di una serie in tre parti sull'amore nella cultura degli abusi

"Il primo serial killer americano", Aileen Wuornos è stato giustiziato dieci anni fa, ma un nuovo libro curato da Lisa Kester e Daphne Gottlieb ci dà la cosa più vicina all'autobiografia di Aileen come probabilmente non avremo mai.

La storia di Aileen – dall'abuso scappatoia all'autostoppante prostituta al killer – ha ispirato libri, articoli, film fatti per la TV e il film del 2003 Monster per il quale Charlize Theron ha vinto un Oscar, ma qui otteniamo la voce senza censura di Aileen. In Dear Dawn, una serie di lettere del braccio della morte alla sua amata amica d'infanzia Dawn Botkins, Aileen riflette sugli omicidi, le sue battaglie legali e la copertura dei media – e va oltre, rivelando le sue paure e ossessioni, il suo umorismo e la sua empatia, e la sua graduale disintegrazione mentre la sua esecuzione si avvicinava.

Recentemente ho parlato con l'editore Daphne Gottlieb di questo avvincente nuovo racconto di una vita di traumi, violenze, malattie mentali, fede e, in definitiva, una qualche redenzione nell'amore di un buon amico.

 

Ariel Gore : Quando ho sentito per la prima volta notizie sulla follia omicida di Aileen Wuornos, ero una giovane femminista in California, in giro con un gruppo di altre giovani femministe, e Aileen ha colpito molti di noi come eroe vigilante. Era una sopravvissuta agli abusi e una prostituta che faceva l'autostop, era la Hothead Paisan prima della Hothead Paisan; Thelma e Louise prima di Thelma e Louise. Stava prendendo le cose nelle sue mani, uccidendo gli stupratori …

Come nota a Phyllis Chesler nella prefazione, nei notiziari c'era qualcosa di terribilmente e morbosamente rinfrescante: "Due donne sono ricercate come possibili sospetti nella sparatoria di otto-dodici uomini di mezza età in Florida". che "soprattutto i bianchi di mezza età [!] che viaggiano da soli" dovrebbero stare attenti.

Ovviamente, dopo il suo arresto è apparso subito evidente che anche lei era completamente fuori di testa, ma pensi che molte persone abbiano sentito, almeno inizialmente, di aver espresso la propria rabbia-risposta, vivendo come tutti noi in questo cultura dell'abuso?

 

Daphne Gottlieb : Assolutamente. Voglio che lei entri, fresca come Eastwood, chiusa a chiave e caricata. Voglio che lei sia fredda come Schwarzenegger, dichiarando: "Tornerò" – e in realtà lei lo dice, nelle sue ultime parole. Ma lei non si adatta al cappello bianco. Mentre lei è assolutamente la fuorilegge che ammira: è una transitoria, un'autostoppista; vive al di fuori della legge, come una lavoratrice sessuale; lei ha una pistola ed è stata fatta male – queste stesse cose la dannano: è una prostituta, il che significa che in America, lei è trattata come meno umana agli occhi della legge; lei ha una compagna, e le lesbiche sono aberrazioni. Lei è femmina. Lei è povera. Lei è senzatetto. Lei è alcolista. È malata di mente. Ha una storia di abusi. Con la costruzione di eroismi, almeno nell'America moderna, questo la porta fuori dal cappello bianco. È troppo ferita per alzarsi in piedi nel cappello nero. È semplicemente andata via nella polvere.

 

Ariel : Aileen sembra indignata per la sua interpretazione nei media, nei film per la TV. Qual era la complessità che più voleva che le persone capissero di lei?

 

Daphne : Penso soprattutto che nessuno l'abbia mai ascoltata. E anche quando ascoltavano, quello che pensava spesso non importava, che si trattasse dei suoi genitori, o dei tribunali, o del juvie o della prigione. Si sentiva spesso fraintesa. Non voglio essere troppo letterale a riguardo, ma ha trasformato trucchi in magliette e scarpe da tennis, ed era stupefatta che questi film presentassero versioni di "lei" in stivali a spillo e minigonne. Lavorava senza trucco e cose simili in modo che potesse essere plausibilmente una donna la cui macchina si guastava e aveva solo bisogno di un passaggio. Questo posizionamento, per lei, la rendeva molto diversa dalle prostitute in TV. Diede ai clienti un alibi, ma ne diede anche uno. Non era una di quelle "quelle" ragazze.

Penso che volesse vedersi in modi molto specifici: dal braccio della morte, saggio, devoto, martire. Non è che non le sia piaciuta la pubblicità – penso che lei abbia bramato l'attenzione – ma voleva essere vista in linea con le sue opinioni su se stessa. Come tutti, credo.

 

Ariel : In alcune delle lettere, Aileen racconta scene orribili di abusi, di essere stuprata da una gang, e poi lei barrica nelle sue storie – nessuna pausa per riflettere o integrare la violenza della vita. C'è una tale realtà in questo. Il sottotesto è quasi che è un privilegio poter riflettere o prendere anche un momento per guarire dalle nostre esperienze.

Daphne : Lei non ha avuto molto respiro. E anche se ci sono stati periodi della sua vita che sono stati più tranquilli, credo che lei fosse in qualche modo bloccata da quel momento, rivivendo traumi e scatenando episodi di PTSD su base continuativa. Penso che il trauma fosse una parte della trama e della trama della sua vita, della sua dimensione emotiva, la sua prospettiva era inappropriata. Così nel suo quotidiano, uno stupro ha lo stesso peso della colazione, e pestare la testa di un gattino ha lo stesso peso di un processo per celebrità in TV, e simili.

 

Ariel : In una vita segnata da traumi e violenze, Aileen era sempre felice? Ha mai avuto la possibilità di essere felice?

 

Daphne : Dawn dice che il momento migliore della vita di Aileen è stato quando è stata informata dell'esecuzione – non era più una partita d'attesa. Aveva cibo e riparo e Dio.

Quando l'esecuzione fu programmata, Aileen era stato nel braccio della morte per un decennio. C'erano appelli e campagne, ricerche e prove e diverse agenzie e in realtà, un intero circo che girava e girava. E ogni giorno che il sole sorgeva, c'era l'aperta domanda se la data fosse impostata o meno. Penso che sapere che la sua attesa fosse finita è stato un sollievo e le ha permesso di essere presente con se stessa, il suo corpo, il suo tempo. Poteva smettere di trattenere il respiro. Lo stress era sparito. Quando una pallottola esce da una pistola, entrambi si sentono sollevati. Penso che sia così che si sentiva alla sua esecuzione: sia pallottola che canna, e sollevata.

Ariel : In una lettera del 1993, Aileen impartisce a Dawn le istruzioni per il suo funerale – i modi in cui vuole che il suo corpo sia vestito, in bianco, con una sola rosa e una Bibbia. Cosa ne pensi della sua lista?

Daphne : Penso che lei volesse molto essere ammirata. In un certo senso, un funerale è un posto d'onore e di importanza. Penso che volesse quel posto nella morte dal momento che non poteva averlo nella vita. Le sue istruzioni funerarie mentre le dà sono fortemente influenzate dai preparativi fatti per il funerale di suo fratello più amato Keith. Penso che volesse che qualcuno avesse il tipo di devozione che lei aveva per lui.

Ariel : Quindi alla fine abbiamo un ritratto che non è né un eroe vigile né un mostro.

 

Daphne : In definitiva, si tratta di lettere da un cuore all'altro. Clinicamente, è assolutamente un ritratto di una donna con un grave disturbo di personalità che ha scompensato durante il periodo trascorso in prigione. È un documento di una donna che è stata la sopravvissuta di un trauma ripetuto e inenarrabile e una che è sopravvissuta. Penso che le lettere mostrino una donna piena di risorse, grezza e grezza con una spinta a sopravvivere. Miracolosamente, nonostante tutto il danno, il PTSD e l'orrore, l'autore delle lettere è ancora in grado di connettersi e di amare. E lei ha fatto.

Solutions Collecting From Web of "Autobiografia di un serial killer"