Autoaffermazione: una strategia per ridurre il fallimento dell'autocontrollo

Le evidenze della ricerca in quattro nuovi studi rivelano l'importanza di affermare il proprio senso di sé per rafforzare il nostro impoverito autocontrollo. Penso che questa ricerca sottolinei la questione profondamente esistenziale di autoaffermazione e "coraggio" in relazione al fallimento dell'autoregolazione che conosciamo come procrastinazione.

Brandon J. Schmeichel (Texas A & M University) e Kathleen Vohs (Università del Minnesota) riferiscono di una serie di studi interessanti sul prossimo numero del Journal of Personality and Social Psychology . Questo è un lungo articolo, quindi la mia intenzione è solo quella di fornire una breve panoramica delle motivazioni e dei risultati principali della loro ricerca. Se sei interessato a questo articolo, puoi leggerlo qui.

Questi psicologi hanno entrambi studiato con Roy Baumeister, un nome familiare ai lettori di questo blog e chiunque sia interessato alla psicologia sociale. Schmeichel e Vohs hanno esteso il paradigma di auto-regolamentazione (forza di volontà-è-come-un-muscolo) sviluppato da Baumeister e dai suoi studenti con un'attenzione esplicita a fattori che possono ridurre la probabilità di fallimento dell'autocontrollo. Il loro obiettivo era l'autoaffermazione come strategia di intervento.

L'autoaffermazione si riferisce a eventi comportamentali o cognitivi che sostengono, supportano e rafforzano l'integrità percepita di sé (Steele, 1988, citato in Schmeichel & Vohs, 2009). Esempi di eventi autoaffermativi includono:

  • ricevere feedback positivi dagli altri
  • riflettendo su aspetti positivi di se stessi

Un altro, e forse il più potente, modo di autoaffermazione sta esprimendo i propri valori fondamentali . In effetti, questo è ciò che Schmeichel e Vohs hanno usato nel loro studio.

La logica alla base dell'uso dell'autoaffermazione come strategia per migliorare l'autocontrollo è che l'atto di autoaffermazione consente alle persone di rispondere in modo da neutralizzare la loro tendenza alla risposta automatica. In altre parole, l'autoaffermazione neutralizza le abitudini di azione, e questa è l'essenza dell'autocontrollo: la nostra azione è volutamente voluta rispetto all'abituale.

Hanno condotto 4 studi, i cui dettagli sono al di là di un singolo post sul blog. Basti dire che il progetto sperimentale di base era quello di ridurre la forza autoregolatrice dei partecipanti (nota anche come deplezione dell'Io) e quindi di manipolare sperimentalmente la potenziale ripresa attraverso l'uso dell'autoaffermazione. I vari esperimenti riguardavano diversi compiti volitivi, ad esempio la tolleranza al dolore (esperimento 1), la persistenza a
compito difficile (esperimento 2) e ritardo della gratificazione (esperimento 4). Puoi leggere di più su questo disegno sperimentale nel mio blog precedente, Willpower è come un muscolo.

I loro risultati
In tutti gli studi, gli effetti di deplezione dell'Io sono stati completamente eliminati tra i partecipanti che hanno espresso i loro valori vitali durante il tempo tra i due compiti sperimentali che richiedevano la forza autoregolamentare. I loro risultati hanno anche suggerito che l'autoaffermazione contrasta l'esaurimento dell'Io promuovendo alti livelli di costrutti mentali. In altre parole, il processo di autoaffermazione cambia il modo in cui pensiamo ai nostri compiti o obiettivi, in modo che pensiamo ai nostri compiti in modi più astratti / legati al valore, al contrario di azioni concrete e di livello inferiore.

Come gli autori riassumono i loro risultati. . .
"La ricerca precedente stabiliva che l'autoaffermazione agisce come un potente aiuto per il feedback negativo e altre minacce per il sé, così che gli individui auto-affermati rinunciano a risposte difensive e autoprotettive alla minaccia in favore di risposte più aperte e imparziale. Le scoperte attuali estendono i benefici dell'autoaffermazione a domini volitivi essenziali, tra cui tolleranza al dolore, persistenza del compito e ritardo della gratificazione. Combinato con prove precedenti che l'autoaffermazione aiuta a contrastare le minacce all'autostima, le scoperte attuali indicano che l'autoaffermazione rafforza il concetto di sé e aumenta la funzione normativa del sé "(enfasi aggiunta).

Perché l'autoaffermazione funziona?
Nella loro discussione sull'autoaffermazione, Schmeichel e Vohs attingono alla teoria della gestione del terrore. Ho già scritto su questo in precedenza come la "nuova scienza dell'anima" e XXP – Experimental Existential Psychology. Questa teoria propone che gli umani costruiscano una visione positiva del sé, poiché queste opinioni riducono l'ansia associata alla consapevolezza della morte. Nonostante la consapevolezza dell'inevitabilità della morte, siamo in grado di affermare il nostro senso, il nostro senso di sé.

"Nonostante" la consapevolezza del non essere
Ciò che rivela questo legame di Schmeichel e Vohs è che l'autoaffermazione è una questione profondamente esistenziale. In effetti, per me, il loro articolo sottolinea come il fallimento dell'autocontrollo sia un problema esistenziale, uno che è meglio indirizzato dalle nozioni di esistenza non autentica e dalla mancanza di coraggio di essere.

Il coraggio di essere, come ho scritto in precedenza, era il titolo di uno dei libri più influenti del 20 ° secolo, scritto dal teologo Paul Tillich. La nozione di autoaffermazione è un concetto chiave nella sua scrittura. Ad esempio, scrive, "Il coraggio è l'autoaffermazione dell'essere nonostante il fatto di non essere. È l'atto del sé individuale nel prendere l'ansia del non essere su se stessa, affermandosi come parte di un intero che abbraccia o nella sua individualità individuale "(Tillich, 1952; p. 155). e "Il sé la cui autoaffermazione è virtù e coraggio è il sé che supera se stesso" (pp. 18-19). Naturalmente, questa autoaffermazione è una forma di transendenza che consente di guardare oltre la situazione immediata (ad esempio, impoverita, non sentirsi come tale) per trovare la forza di autoregolarsi.

Cosa possiamo togliere da ciò in termini di procrastinazione?
Dato che la procrastinazione è una forma per eccellenza di fallimento dell'autoregolamentazione, una strategia chiave per rafforzare la forza autoregolatrice per agire sulle nostre intenzioni è concentrarsi sui nostri valori fondamentali. Questa autoaffermazione, come hanno dimostrato Schmeichel e Vohs, può rafforzare l'idea di sé e rafforzare la funzione di autoregolamentazione. Certo, renderà anche la vita più degna di essere vissuta. Sarà la tua vita, profondamente radicata nel tuo senso di sé. Come scrive Tillich, "La gioia accompagna l'autoaffermazione del nostro essere essenziale. . . La gioia è l'espressione emotiva del coraggioso Sì per il proprio vero essere "(pagina 14).

Riferimenti
Schmeichel, Brandon J .; Vohs, Kathleen (2009). Autoaffermazione e autocontrollo: l'affermazione dei valori fondamentali contrasta l'esaurimento dell'Io. Journal of Personality and Social Psychology. Vol 96 (4) , 770-782. Leggi questo articolo qui e trova documenti simili qui.

Steele, CM (1988). La psicologia dell'autoaffermazione: sostenere l'integrità del sé. In L. Berkowitz (a cura di), Advances in experimental social psychology (Vol. 21, pp. 261-302). New York: Academic Press.

Tillich, P (1952). Il coraggio di essere . New Haven: Yale University Press.

Solutions Collecting From Web of "Autoaffermazione: una strategia per ridurre il fallimento dell'autocontrollo"