Auto-efficacia Fixit: cosa manca quando non ascolteranno.

Una volta ho scritto un libro sei volte, circa trecento pagine per bozza. Ogni volta che ho ricominciato, ho pianto.

Ho avuto un po 'di conforto sapendo che avrei aderito al progetto fino a quando non fosse stato pubblicato e che il suo successo avrebbe fatto sì che l'enorme sforzo ne valesse la pena. L'agente che aveva venduto il libro "One Minute Manager" ha amato la mia bozza finale e mi ha portato come cliente. Ma nessun editore avrebbe morso. Il libro non è mai stato pubblicato.

Non ho rimpianti. Ho imparato molto, sia sull'argomento che sulla scrittura. Tra le abilità di scrittura che ho imparato, la più preziosa è quella che mi impedisce di dover scrivere sei bozze di qualsiasi altra cosa.

Piuttosto che rottamare le bozze in questi giorni, posso sistemarli. So come, e come importante, so che so come, così le brutte copie non mi mettono nel panico per la perfetta perfezione di una lavagna pulita.

La scorsa settimana ho scritto delle nostre riserve sull'autostima, del modo in cui le monitoriamo inconsciamente, evitando situazioni che li riducano a livelli pericolosi. Quando resistiamo al feedback, è possibile che il feedback non valga la pena di essere preso in considerazione. Potrebbe facilmente essere che non sentiamo che le nostre riserve di autostima potrebbero colpire.

Questa settimana voglio suggerire un altro fattore che influenza la nostra ricettività al feedback. Non è solo quanto sono basse le nostre riserve, ma quanto velocemente possiamo ricostituirle con un reale miglioramento.

Come me e la scrittura. La notizia che la mia scrittura non era abbastanza buona era molto più difficile da prendere quando pensavo di non poter fare molto. Ora che so che posso aggiustarlo, posso permettermi di dare un'occhiata ai suoi difetti.

Prima, quando qualcuno ha detto: "Questo intero capitolo non ha molto senso", pensavo che la mia unica scelta fosse quella di riscrivere tutto il capitolo da zero, se non l'intero libro. Questo è un prezzo alto da pagare, quindi eviterei il feedback. Ora posso prendere quel tipo di commento con calma, sapendo per esperienza che la prosa male può essere trasformata in una buona prosa.

Lo stesso principio si applica a qualsiasi abilità. Le persone che dubitano della loro capacità di migliorare difficilmente possono permettersi di considerare il merito di migliorare.

E si applica alla ricettività generale sul comportamento: quando suggerisci che le persone considerano più paziente, generoso, attento, premuroso o altro, la loro ricettività al tuo suggerimento dipende in gran parte dalla loro intuizione circa le loro prospettive di agire con successo su di esso. Se non pensano di averlo in loro, perché ascoltare? Se presi a cuore, i consigli che non possono essere implementati diventano una specie di tortura: Sì, dovrei essere più simile a ciò che suggerisci. Ma posso? Vorrei solo, ma purtroppo non è solo in me. A quelli senza fiducia che possono cambiare il loro comportamento, è come essere ripetutamente detto che dovrebbero davvero considerare di essere più alti di loro. Grazie mille per il tuo interesse per il mio caso, ma per favore, stai zitto.

Si applica anche al cambiamento sociale. Nei miei primi trent'anni ho co-fondato un'organizzazione per la pace e l'ambiente (ora al suo 24esimo anno) basata su questa idea. A quel tempo gruppi di pace e ambientalisti spesero la maggior parte della loro energia cercando di convincere la gente che le questioni erano di un'importanza drammatica. Ho notato che l'importanza era solo un terzo di ciò che le persone avevano bisogno di sentire. Senza prove di cose pratiche ed efficaci da fare sulla questione, sarebbero andati via. Nessuno di noi può permettersi di ascoltare cosa c'è che non va, se non vediamo nulla che possiamo fare al riguardo.
Quello di cui sto parlando qui combina due concetti in psicologia generale. Uno è l'autoefficacia, che è il termine di Albert Bandura per il senso personale di essere in grado di eseguire determinati compiti, acquisito in gran parte avendo eseguito con successo compiti simili. Perché ormai ho riparato in modo affidabile un sacco di pessime prose, ho una grande aspettativa che posso farlo di nuovo. Ho auto-efficacia riguardo al montaggio.

L'altro è l'ottimismo acquisito, il termine di Martin Seligman per un atteggiamento acquisito, che viene spesso insegnato attraverso il "Modello di cambiamento ABC": tra A (Avversità) e C (Conseguenze), impara a inserire B (Credenze), in modo che le notizie deludenti non si traducono immediatamente in conseguenze negative, ma sono piuttosto soggette a interpretazioni o convinzioni. Per applicare ABC alle mie sfide di editing, la cattiva prosa non deve significare conseguenze negative se posso cambiare le mie convinzioni sulla mia capacità di risolverlo.

Come idea, l'ottimismo acquisito ha bisogno dell'aiuto di auto-efficacia. Il movimento più importante della psicoterapia promuove la sensazione che le persone possano cambiare comportamento cambiando le credenze. Quell'idea ha molto da fare. Ma almeno per un po 'e in alcuni circoli le convinzioni sono state trattate come interamente malleabili.

Il mio istinto mi dice che non è abbastanza preciso.

Vedi, ascolto il mio istinto. Non vedo molta speranza di limitarlo semplicemente, volenti o nolenti, a qualsiasi vecchia credenza. Non posso fare a meno di dargli più credito di quello.

Se il mio istinto ha la sensazione che non posso eseguire un determinato compito, non posso semplicemente ignorarlo dichiarando ufficialmente una convinzione che posso. Con il tempo, l'allenamento e – la più importante – prova concreta, posso convincere il mio istinto che sono capace di eseguirlo. Il mio vecchio budello può imparare nuovi trucchi. Ma non obbedirà semplicemente a ogni mio desiderio. Un atteggiamento positivo può essere costruito sulla base di prove concrete che si possono effettivamente fare. Chiamala fix-it auto-efficacia, confidenza che puoi migliorare le cose, nascere in gran parte dalle prove che puoi.

Posso scavalcare il mio stomaco per un giorno, forse una settimana se sono in mezzo a persone che credono fermamente a ciò che sto cercando di credere, ma dopo di ciò il mio istinto è tornato a pieno regime. Quindi è meglio addestrarlo a interpretare in modo accurato piuttosto che ignorarlo e dichiarare, "D'ora in poi ci crederò invece di questo."

Per essere aperti alle critiche, devi sapere che potresti fare cose pratiche ed efficaci per implementarlo. Per sapere che potresti fare cose pratiche ed efficaci per implementarlo, il tuo istinto deve crederci. A meno che il tuo istinto non sia un artista della BS, ha bisogno di prove reali e non di semplici promesse. Non c'è alcun sostituto per le prove che è possibile risolvere le cose. Una volta che lo hai, puoi permetterti di dimostrare che le cose devono essere risolte.

Per le versioni di podcast audio di questo articolo (normale e alta velocità) e gli abbonamenti, visitare www.mindreadersdictionary.com

Solutions Collecting From Web of "Auto-efficacia Fixit: cosa manca quando non ascolteranno."