Auto-compassione una chiave vitale per affrontare lo stress dell'esame

Gli studenti universitari, in particolare quelli nel loro primo anno, possono trovare il tempo degli esami per essere uno dei più stressanti nelle loro vite. Per alcuni, i giorni o le ore che portano a un grande esame possono provocare sintomi di ansia, tra cui un battito cardiaco accelerato, preoccupazioni incessanti e

© Can Stock Photo / 4774344sean
Fonte: © Can Stock Photo / 4774344sean

a volte, attacchi di panico che comportano l'iperventilazione. Un recente studio condotto da ricercatori dell'Università della British Columbia, tuttavia, ha fatto una scoperta affascinante: la chiave per superare questo difficile anno da matricola è l'auto-compassione.

L'autore principale dello studio, Katie Gunnell dell'Ospedale pediatrico dell'istituto di ricerca dell'Ontario orientale di Ottawa, ha osservato: "Il nostro studio suggerisce lo stress psicologico che gli studenti potrebbero sperimentare durante la transizione tra scuola superiore e università può essere mitigato con auto-compassione perché migliora i bisogni psicologici di autonomia, competenza e relazione, che a loro volta arricchiscono il benessere. "La sua ricerca ha rivelato che gli studenti che hanno riportato livelli più elevati di autocompassione, hanno goduto di maggiore vitalità e ottimismo durante i loro primi mesi all'università. Ha notato che spesso, il primo semestre di uno studente lontano da casa può essere difficile perché improvvisamente, la famiglia e gli amici su cui normalmente contavano, sono lontani chilometri.

Inoltre, i corsi universitari sono di solito molto più impegnativi di quanto non fosse la scuola superiore – quindi, gli studenti potrebbero scoprire di dover fare uno sforzo molto più grande per passare o ricevere buoni voti. In precedenza Gunnell aveva condotto studi sull'auto-compassione in atleti di sesso femminile d'élite, trovando che le tecniche di autocompassione riducono la preoccupazione negativa e l'autocritica, aiutando così gli atleti a esibirsi a un livello ottimale. Gunnell e il suo team suggeriscono che i workshop e le campagne di autocompassione vengano svolti nelle università, per aiutare gli studenti a fare il grande cambiamento in modo fluido.

Le idee per promuovere l'auto-compassione a livello universitario includono:

Giornalismo auto-compassionevole: gli studenti possono essere incoraggiati a scrivere in modo auto-compassionevole sulle esperienze che hanno avuto. In effetti, il journaling è un modo provato per abbassare i livelli di stress e aiutare le persone a ottenere chiarezza mentale. Può anche aiutare gli studenti a scoprire importanti informazioni su se stessi, compresi i tipi di situazioni che possono innescare modelli di pensiero negativi. La chiave è scrivere su se stessi o nello stesso modo che farebbero a un buon amico o ad un caro membro della famiglia – con gentilezza e comprensione, rendendosi conto che tutti noi commettiamo degli errori.

Opportunità di consulenza: gli studenti che ritengono di trovarsi molto difficile affrontare lo stress universitario da soli, dovrebbero avere sufficienti opportunità per ottenere assistenza da un terapista qualificato. Come ha osservato Rick Hanson, presidente dell'American College Counseling Association, "Abbiamo più persone che hanno bisogno di servizi e più persone disposte a cercare servizi. Prima era che erano le università più grandi che avevano più probabilità di avere liste d'attesa. Ma ho sentito che le liste d'attesa sono abbastanza comuni adesso. "

Workshop / sessioni di consapevolezza : la consapevolezza e la consapevolezza della consapevolezza sono attualmente utilizzate per affrontare gli effetti dello stress su tutti, dagli individui che combattono l'abuso di sostanze, a coloro che cercano di superare i disturbi alimentari e persino il disturbo post-traumatico da stress (PTSD). La consapevolezza può essere di grande aiuto nel promuovere l'auto-compassione perché piuttosto che insegnarci a ignorare pensieri e sentimenti dolorosi o preoccupanti, ci incoraggia ad essere consapevoli di loro consapevolmente – questo ci permette di essere più auto-compassionevoli con noi stessi. Allo stesso tempo, impariamo ad evitare di essere spazzati via da queste emozioni, quindi possiamo trovare sbocchi positivi per loro. Come notato da E Smeet et al in uno studio intitolato "Incontro con sofferenza: effetti di un breve intervento di autocompassione per gli studenti di college femminili", una maggiore auto-compassione è stata costantemente associata a livelli più bassi di depressione e ansia … Inoltre, un certo numero di gli studi hanno trovato associazioni tra auto-compassione e felicità, ottimismo, saggezza, curiosità ed esplorazione, iniziativa personale e intelligenza emotiva. "

Laboratori di auto-compassione: gli studenti dovrebbero avere l'opportunità di frequentare seminari di auto-compassione, dove possono raccogliere tecniche preziose per essere più gentili con se stessi. Questi includono l'importanza di riconoscere gli errori e lasciarli andare, cercando di rimanere nel momento presente piuttosto che correre attraverso la vita, imparando quanto sia importante concentrarsi sull'auto-crescita piuttosto che sull'auto-miglioramento, e darsi il permesso di passare a cose migliori quando commettono errori. C'è una vasta gamma di materiale online disponibile e gli studenti possono essere forniti di liste di lettura sull'argomento.

Articolo fornito da Gemma Buckland.

Per maggiori informazioni sull'auto-compassione, visita il Progetto Self-Compassion e seguilo su Facebook.

Solutions Collecting From Web of "Auto-compassione una chiave vitale per affrontare lo stress dell'esame"