Auto-colpa: come reagisci quando le cose vanno male?

L’auto-colpa può essere utile, ma può anche essere distruttiva.

Sei una di quelle persone che quando le cose vanno male ti dai la colpa?

Kim stava parlando con un cliente quando si rese conto che aveva bisogno di lasciare il lavoro e andare a prendere sua figlia a scuola. Quando se ne andò, le strade erano ostruite dai pendolari e lei era in ritardo di 20 minuti. Si è incolpata di aver preso la chiamata, di aver lasciato passare il tempo, e di non aver cercato di trovare un percorso alternativo per la scuola.

Ronald si trovava in un terribile incidente automobilistico causato da un autista ubriaco che stava accelerando e accendeva una luce rossa. Durante il suo ricovero e il ricovero, ha pensato all’incidente ea come cambierà la sua vita in modo permanente. Crede di aver fatto qualcosa di sbagliato e si incolpa per la sua situazione (ad esempio, dovrebbe aver guidato su una strada diversa, dovrebbe aver deviato dal veicolo in arrivo, non dovrebbe essere uscito di notte).

Heather è stata in un matrimonio tumultuoso per sette anni. Suo marito, Cole, lavora per lunghe ore. Ha un sacco di stress nel suo lavoro e vuole trovare serenità e conforto a casa. Recentemente, dopo la nascita dei loro gemelli, Cole è diventato così arrabbiato per lo stato della loro casa e la preoccupazione di Heather per i bambini, che lui l’ha colpita in diverse occasioni. Heather crede a Cole quando afferma che è colpa sua se la colpisce perché dà più attenzione ai gemelli che a lui o alla sua casa mantenendo le responsabilità.

Giocare al gioco di auto-colpa può essere distruttivo. Anche se rivedere le tue azioni per determinare cosa è andato bene e cosa è andato storto può essere molto utile, rimanere bloccato in “auto-colpa” ha il potenziale per essere psicologicamente distruttivo. Non intendiamo che le persone non debbano riconoscere quando sono in errore. Quando ti assumi la responsabilità di un comportamento sbagliato o di un errore di giudizio, può farlo

  • darti un’idea
  • fornire una tabella di marcia per aiutarti a rivedere come andare avanti
  • farti sbagliare
  • incoraggiarti a crescere

L’auto-colpa è un processo completamente diverso, poiché spesso si evolve in un tratto – una reazione “istintiva” quando le cose vanno male. Ad esempio, “Se solo avessi …, questo non sarebbe successo. È colpa mia.”

La seconda ipotesi dopo aver sperimentato una situazione negativa o dannosa è naturale e comune. Questo è diverso dal condurre un post-mortem per scoprire cosa è andato storto e perché così possiamo imparare e, si spera, evitare il ripetersi di un tale evento. Questo può essere psicologicamente adattivo e può ridurre i sentimenti di impotenza.

L’auto-colpa è diversa dal riconoscere le proprie colpe, che è un comportamento etico e socialmente appropriato. Comprendere e accettare la responsabilità ci aiuta a mantenere l’integrità e l’onestà. Questo rafforza la nostra coscienza morale. Inoltre, annunciando pubblicamente la responsabilità per un evento negativo, assumiamo la possibilità di ricevere il perdono pubblico o la censura pubblica. Non riuscendo a farlo, può portare all’altro lato del gioco della colpa: incolpare gli altri per i nostri errori e le azioni sbagliate. Quel processo di “altre incolpazioni” può portare a un “chip sulle spalle” oa uno stile di pensiero “lamentato”.

C’è una differenza importante tra l’accettare l’auto-colpa quando le circostanze lo sostengono e mantenerlo limitato nel tempo rispetto a situazioni in cui l’auto-colpa non sembra razionale o giustificabile, o l’individuo si rifiuta automaticamente di auto-incolpare ogni volta che le cose vanno male. I ricercatori suggeriscono che ci sono diversi gruppi di individui che possono assumere maladaptivamente auto-biasimo per eventi negativi. Questi includono

  • Persone che soffrono di problemi ossessivi. Possono avere preconcetti generali sulle loro convinzioni di responsabilità che non devono causare danni e devono impedire che si verifichino dei danni. Di conseguenza, al fine di evitare la biasimo, sono molto attenti e diligenti e tendono a impegnarsi in una serie di comportamenti ipervigilanti volti a prevenire danni prevedibili. Sono così ossessivi nei loro pensieri e comportamenti che le loro paure diventano travolgenti.
  • Individui che sono stati abusati sessualmente da bambini. Possono aver incorporato il sistema di credenze che erano responsabili del comportamento offensivo dell’autore e non sono in grado di riconoscere di essere la vittima manipolata dal reato sessuale.
  • Individui sessualmente o fisicamente abusati. Alcune persone possono attribuire la responsabilità dell’attacco al loro personaggio (ad es. “Sono debole”. “Merito la punizione“.) O al loro comportamento (es. “Ho bevuto troppo”. “Non ho combattuto duramente abbastanza.”). Questi “difetti” percepiti possono ostacolare una visione più realistica dell’evento e della ripresa.
  • Persone che soffrono di depressione Quando gli individui sono depressi, possono sentirsi inadeguati e colpevoli; tendono a incolpare se stessi per i loro fallimenti. L’auto-colpa può quindi portare a sentimenti di impotenza e disperazione che alimentano il ciclo di auto-colpa e depressione.

Ci sono anche individui che esprimono auto-biasimo, ma possono farlo per scopi “manipolativi”. Sebbene queste persone possano o meno credere di essere responsabili per l’evento negativo, la loro confessione di auto-colpa verso gli altri viene fatta deliberatamente. Questo tipo di persona potrebbe voler apparire come un martire e disposto a sacrificare pubblicamente la propria reputazione o competenza percepita. Spesso, tuttavia, la motivazione del martire per farlo può essere quella di avere gli altri in contraddizione con loro e proclamarli innocenti o far sentire gli altri colpevoli, o entrambi. Allo stesso modo, le persone, che non sentono sinceramente biasimevoli ma pretendono di essere, possono presentarsi come se avessero un più alto senso di moralità di quanto non abbiano in realtà.

Auto-biasimo, se sperimentato genuinamente, in circostanze ragionevoli e limitato nel tempo può essere un’emozione sana. Promuove l’autocritica, preserva l’autostima e incoraggia il comportamento morale. Tuttavia, ci sono un certo numero di condizioni mentali in cui l’auto-biasimo non è solo disadattivo ma distruttivo, forse portando al suicidio. Per coloro le cui credenze auto-accusatorie sono emotivamente, cognitivamente o comportamentalmente disturbanti, la necessità di cercare un trattamento professionale di salute mentale è cruciale.

Riferimenti

Breitenbecher, KHR (2006). La relazione tra auto-colpa, stress psicologico e vittimizzazione sessuale. Journal of Interpersonal Violence, 21, 597-611. https://doi.org/10.1177/0886260506286842

Grayson, PA (1983). La mossa dell’autocritica: come salvaguardare l’autostima incolpando se stessi. Psicologia individuale, 39, 17-26.

Salkovskis, P., Shafran, R., Rachman, S., & Freeston, MH (1999). Percorsi multipli di credenze di responsabilità gonfiate nei problemi ossessivi: possibili origini e implicazioni per la terapia e la ricerca. Ricerca e terapia del comportamento, 37, 1055-1072. https://doi.org/10.1016/S0005-7967(99)00063-7

Solutions Collecting From Web of "Auto-colpa: come reagisci quando le cose vanno male?"