Auto-amore nell’era di Trump

Ci sono due modi molto diversi di amarti. Non li confondiamo.

Uno degli effetti negativi meno ovvi della presidenza Trump è che pone l’industria dell’auto-aiuto in una posizione molto difficile. L’amor proprio è uno stato psicologico molto importante – e non solo secondo i libri di auto-aiuto stravaganti. Un enorme problema psicologico per la nostra generazione è la bassa autostima, esacerbata dalla visibilità dei nostri pari sui social media. Ed è difficile essere sicuri di sé se non ami te stesso. Ma come possiamo prendere seriamente in considerazione il concetto di amore personale nell’età di Trump?

Voglio stare lontano dalla domanda un po ‘noiosa sul fatto che Trump sia un narcisista. Che sia o non sia, è chiaramente traboccante di amor proprio. E per molti di noi questo non è esattamente un annuncio per i valori dell’amor proprio. La domanda quindi è: l’amore di sé può essere salvato?

Ci sono due tipi di auto-amore. Puoi amarti per le caratteristiche che hai. Perché sei un grande papà. Perché sei un brillante negoziatore. Chiama questo “amore di sé mediato”: ti ami perché hai certe caratteristiche. Se non avessi queste caratteristiche, allora non ti ameresti.

Questo è il tipo di auto-amore Trump-y. E non è grandioso. Ci sono così tanti altri grandi padri e brillanti negoziatori in giro, alcuni dei quali persino migliori di te. L’auto-amore mediato ti rende intercambiabile con qualcuno che ha queste caratteristiche in vanga. E l’auto-amore mediato non ti rende sicuro di te. Fa esattamente l’opposto. Ti fa venire voglia di dimostrare che sei migliore di tutti gli altri grandi padri e brillanti negoziatori. L’amore per se stessi mediato ti rende iper-competitivo. Ancora una volta, c’è un certo presidente degli Stati Uniti d’America che potrebbe venire in mente.

Ma non tutto l’auto-amore è mediato. Puoi amare te stesso indipendentemente da quali caratteristiche hai. Non è perché sei un grande papà che ami te stesso. Ami te stesso, senza fare domande. Perché sei tu. Chiama questo auto-amore non mediato. Questo è il tipo di amor proprio di cui dovremmo davvero preoccuparci e questo è ciò che dà origine a un’autentica fiducia in se stessi.

La stessa distinzione può essere fatta sull’amore verso gli altri, ad esempio, il tuo coniuge o partner romantico. Puoi amare il tuo coniuge perché è biondo o divertente o bravo a cucinare cibo tailandese. Ma ci sono così tante altre persone in giro che sono cuochi biondi, divertenti e gourmet. Perché trascorrere il resto della tua vita, o anche parte della tua vita, con lui e non con altri divertenti blonds? Questo tipo di amore mediato difficilmente è una ricetta per relazioni stabili senza rimpianti.

Il vero amore è non mediato: non tratta l’amato come intercambiabile per qualcuno con caratteristiche simili. Ami il tuo coniuge per quello che è. Potrebbe cambiare. Forse sta lentamente diventando meno divertente. E quasi sicuramente sta diventando meno biondo ad un certo punto. Ma questo non dovrebbe significare che lo scambieresti per un modello blonder e più divertente.

Leonardo da Vinci, nel suo taccuino, ha scritto che “nulla può essere amato o odiato a meno che non sia conosciuto per la prima volta”. Questo non è solo falso, ma così falso rivela qualcosa di profondamente vero. Se amare noi stessi fosse sempre basato su una chiara conoscenza di chi siamo e quali caratteristiche dei nostri siano importanti per noi, allora non ci sarebbe nulla di simile all’amore per se stessi.

La conoscenza di sé è molto difficile. E completare la conoscenza di sé solo un’illusione perché cambiamo costantemente. Se l’amore per se stessi dovesse sempre basarsi sulla conoscenza di sé, questo porterebbe comunque solo all’amore di sé mediato e trasformerà tutti noi in piccoli Trionfi.

L’amore non conosce ragioni, giusto? Se questo è vero per l’amore del tuo partner, dovrebbe anche essere vero dell’amore verso te stesso. Un po ‘inaspettatamente, l’esempio negativo dell’attuale presidente può effettivamente aiutarci a diventare persone migliori.

Solutions Collecting From Web of "Auto-amore nell’era di Trump"