Auto-aiuto o come vivere una vita più significativa?

Tarcher/Penguin used with permission.
Fonte: Tarcher / Penguin usato con permesso.

I libri di auto-aiuto che sono credibilmente basati su prove scientifiche hanno dimostrato di essere molto efficaci come biblioterapia, ma dovremmo concentrarci così strettamente su un singolo argomento come la procrastinazione?

Ho letto un interessante articolo su eone per il fine settimana di Elizabeth Svoboda intitolato Saved by the Book. Svodboda riflette sul suo stesso interesse e sull'efficacia dei libri di autoaiuto. Ella documenta sia il nostro desiderio per queste risorse, sia la crescente insistenza sull'empirismo che fornisce supporto alle affermazioni fatte dai vari autori. Tutto questo è stato interessante come una breve storia del genere nel 20 ° secolo, ma non è quello che ha attirato la mia attenzione.

Svoboda conclude il suo saggio parlando al desiderio umano di non solo risolvere un problema specifico come depressione, ansia, timidezza o procrastinazione (in realtà non parla al mio argomento qui, ma appartiene alla lista). Sostiene che le persone vogliono davvero avere maggiori informazioni su come vivere. Scrive che i migliori libri dei primi tempi della letteratura di autoaiuto erano quelli che "guidavano le persone a raggiungere la soddisfazione della vita radicata che Aristotele chiamava eudaimonia. Oggigiorno, la terapia tende a focalizzarsi maggiormente sulla guarigione di una patologia mentale ben definita, e la letteratura di auto-aiuto molto recente fa lo stesso. "

Sono colpevole come accusato per certi aspetti, dal momento che il titolo del mio libro e della mia ricerca è definito in senso stretto come "procrastinazione". Detto questo, condivido il dilemma e la soluzione di Brené Brown. Brown, in origine un ricercatore con un'attenzione particolare alla vergogna, scrive prolificamente e perspicacemente sulla vita di tutto cuore. Lei riconcilia il modo in cui un ricercatore della vergogna può andare oltre il singolo argomento di quella che può sembrare una patologia mentale per la ricerca della totalità eudaimonica spiegando (e io parafrasando qui), "dobbiamo parlare delle cose che intralciano la vita di tutto cuore “.

Questa chiara spiegazione di come lei ha riconciliato la sua ricerca originale e il suo pensiero e la sua scrittura più ampia è stata un regalo per me, poiché ho lottato con lo stesso paradosso. In che modo rifletto pienamente sulla vita di tutti i giorni pur mantenendo la mia attenzione sulla procrastinazione? È perché ho imparato attraverso la mia ricerca e la mia vita che la procrastinazione è una di quelle cose che si intromettono. Quando affrontiamo questo problema chiave, apriamo la porta per vivere più pienamente.

Alla fine, suppongo che il saggio di Svoboda mi abbia parlato in modo così chiaro perché non solo sono un autore di questa letteratura di autoaiuto, ma anche il desiderio di non essere un "pony one-trick". Il mio pensiero psicologico, la ricerca e la carriera non è vincolata da un termine come procrastinazione. Cerco di capire come possiamo impegnarci pienamente nelle nostre vite – le creature legate alla nostra natura – e adempiere a ciò che vediamo come il nostro potenziale e scopo, per quanto definito.

Svoboda conclude il suo saggio con un provocatorio paragrafo finale,

"Anche così, quando incontro una crisi futura dell'anima, l'eminentemente pratico Feeling Good non sarà l'unico libro a cui tendo. Potrei anche prendere The Road Less Traveled , con la sua saggezza testata nel tempo per trovare un significato in lotta. O potrei aprire Darkness Visible , l'indimenticabile testimonianza di uno scrittore che ha trovato la via del ritorno dal suo inferno personale. Quando si tratta di raggiungere l'eudaimonia, siamo tutti cosmonauti solitari che armeggiano a modo nostro. La letteratura che scegliamo di guidarci dovrebbe fornire una consulenza comprovata di cui possiamo fidarci. Ma dovrebbe anche, come ha scritto Franz Kafka, essere "l'ascia per il mare ghiacciato dentro di noi", randellandoci in modi che ci risvegliano allo straordinario. "

Non potrei essere più d'accordo. Esistenzialmente, credo che la resistenza che sperimentiamo per andare avanti sui nostri obiettivi o anche più ordinariamente i compiti quotidiani che definiscono le nostre vite sia il "mare congelato dentro di noi" che dobbiamo distruggere. Quando lo faremo, avremo affrontato ciò che ci impedisce di essere veramente, straordinariamente, noi.

Solutions Collecting From Web of "Auto-aiuto o come vivere una vita più significativa?"