Autismo, asma e modello diametrico

Symposium on Diseases of Modern Environments
Fonte: Symposium on Diseases of Modern Environments

In un post precedente ho descritto la cosiddetta ipotesi igiene / vecchi amici . In base a ciò, le moderne condizioni di vita igieniche hanno rimosso agenti infettivi e parassiti che si sono evoluti con il sistema immunitario umano e sono giunti a soddisfare importanti funzioni normative. Il risultato è il notevole aumento osservato nei disturbi immuno-regolatori come l'asma, la sclerosi multipla (SM), la malattia infiammatoria intestinale (IBD) e, ancora più controverso, il disturbo depressivo maggiore (MDD).

Recentemente, Kevin Becker e altri hanno sostenuto che questa ipotesi potrebbe anche spiegare la cosiddetta "epidemia di autismo" – o almeno, in parte. Becker lo sottolinea

  • asma, allergie, disturbi intestinali e anormalità del sistema immunitario sono legati all'autismo
  • l'autismo e l'asma hanno età di insorgenza simili e sono più frequenti nei ragazzi
  • il rischio ridotto legato alla nascita tardiva dell'autismo si riscontra anche nell'asma e in altri disturbi immunitari
  • l'aumento della circonferenza della testa neonatale si riscontra sia nell'autismo che nell'asma
  • l'autismo, come l'asma e altri disturbi immuno-regolatori, è in aumento
  • come con l'asma, ci può essere un pregiudizio urbano a rischio di autismo
  • l'autismo e l'asma condividono diversi marcatori genetici

Un'intuizione ovvia, anche se alquanto controventuale, suggerita da questa ipotesi è che il ripristino di tali "vecchi amici" da un'infezione clinica potrebbe essere d'aiuto. L'introduzione di vermi intestinali è stata certamente trovata per arrestare il progresso della SM (anche se non, ovviamente, per invertirla), e la somministrazione orale di uova di tricocefali di maiale (Trichuris Suis) , già note per essere utili nell'IBD, è stata sperimentata come un trattamento per l'autismo.

Un altro punto che vale la pena di fare è che, secondo la teoria del cervello impressa e il suo caratteristico modello diametrico della mente, l'autismo e le psicosi come la schizofrenia sono opposti l'uno all'altro e si basano su sistemi e geni cerebrali che agiscono in modo opposto. Come ho sottolineato nel mio libro, un parassita protozoo comune, il Toxoplasma gondii , è noto per essere implicato in alcuni casi di schizofrenia. Secondo la teoria, ciò avviene perché attacca l' amigdala , una componente fondamentale del cosiddetto cervello paterno. La teoria afferma che le psicosi derivano da una riduzione della funzione del cervello materno paterno e / o potenziato, con l'autismo al contrario. Le moderne condizioni igieniche di vita riducono in modo dimostrabile l'infezione da T. gondii , e in tal senso possono sicuramente avere un ruolo nel ridurre l'incidenza della schizofrenia nelle società moderne, come la teoria predice e come suggeriscono i fatti (vedi il mio post precedente).

Tuttavia, questo significa anche che ciò che riduce il rischio di schizofrenia in questo modo aumenta anche quello dell'autismo? Questo è essenzialmente ciò a cui l'intuizione igiene / vecchi amici si riduce, e se fosse confermata sarebbe un altro trionfo incredibilmente contro-intuitivo del modello diametrico. Per lo meno – e assumendo che il modello diametrico sia corretto – il mio punto di cui sopra su T. gondii, responsabile di alcuni schizofrenia, implica che, in quelli con sistemi paterni cerebrali iperattivi o troppo sviluppati e un conseguente rischio di autismo, il risultato di una tale infezione potrebbe essere protettiva in alcuni casi. Mi affretto ad aggiungere che non sto sostenendo che l'autistica dovrebbe infettarsi con questo parassita come un corrispondente suggerito in relazione a un post precedente su questo!

Al contrario, i paralleli con l'asma e altri disordini autoimmuni suggeriscono che molto più dell'amigdala è coinvolto e che la disregolazione del sistema immunitario può essere di per sé un fattore in almeno alcuni casi di autismo. Tuttavia, il fatto che l'infezione clinica con tricocefali di maiale sia già stata testata come terapia per l'autismo suggerisce che il mio punto non è completamente sciocco in linea di principio, e chissà quali futuri interventi terapeutici potrebbero seguire?

In conclusione, l'idea dell'autismo-assomiglia-all'asma-in-disturbo-del-moderno-ambiente potrebbe essere ancora più compatibile con la teoria del cervello impresso rispetto all'ipotesi parallela sulla MDD discussa in un precedente post. Ma se è così, e come altre ipotesi come l'estrema teoria del cervello maschile dell'autismo, è parte di un quadro molto più ampio: quello che solo la teoria del cervello impressa e il modello diametrico della mente possono rivelare nella sua interezza.

(Con ringraziamenti e ringraziamenti a Kevin Becker e Graham Rook.)

Solutions Collecting From Web of "Autismo, asma e modello diametrico"