Attivare il "gene del guerriero" in un cattivo o eroe

Does DNA contribute to aggression?

L'aggressività è nel nostro DNA?

Hai mai voglia di spiegare l'aggressione del tuo cattivo – o del tuo eroe – a sangue freddo con qualcosa di diverso da "ha avuto una brutta infanzia"? Sempre più ricerche suggeriscono che puoi fare proprio questo, perché alcune persone sono biologicamente preparate per essere più aggressive. E tipi specifici di allenamento e pressione possono incoraggiare le persone a indulgere in questa tendenza.

Biologicamente, un fattore che sta ricevendo molta attenzione è una mutazione che causa una bassa attività nel gene MAO-A. Alcune persone si riferiscono a questa forma del gene (un po 'romanticamente) come il "gene del guerriero", perché la ricerca suggerisce che le persone con quel gene potrebbero essere più aggressive.

MAO, o monoammina ossidasi, esiste in ogni neurone (cellula nervosa) nel cervello e agisce come un fattore di riciclaggio per i neurotrasmettitori (sostanze chimiche del cervello). Nelle persone che hanno il "gene del guerriero", viene prodotto meno MAO, il che significa che meno dei neurotrasmettitori serotonina, norepinefrina e dopamina sono scomposti. Come notato sopra, livelli più alti di queste sostanze chimiche del cervello sembrano equivalere a livelli più alti di aggressività. Queste persone sentono meno empatia per gli altri (se ne sentono) e sono più disposte a danneggiare gli altri per un capriccio.

L'ambiente o "educazione" è ancora importante, tuttavia. Un articolo scientifico americano del 2010 cita prove aneddotiche da varie fonti che suggeriscono che uccidere gli altri non è così facile come premere il grilletto. I soldati, per esempio, in genere devono essere incoraggiati ad uccidere con "addestramento intensificato, comandi diretti da parte di ufficiali … e propaganda che glorifica la causa del soldato e disumanizza il nemico." In altre parole, i giochi mentali devono essere giocati per sfondare una repulsione innata- almeno con la maggior parte delle persone.

Ecco alcuni dei principi psicologici dietro quei giochi mentali:

  • L'etnocentrismo è la convinzione che il proprio gruppo sia superiore. C'è una naturale tendenza a crederlo – chiedere a qualsiasi appassionato di sport la cui squadra è la migliore! – e una tendenza correlata a vedere gli altri nello stesso gruppo con te in modo più positivo.
  • L'impegno verso il proprio gruppo può essere rafforzato dall'investimento e dall'insufficiente effetto di giustificazione . Il modello di investimento afferma che il nostro impegno per qualcosa dipende da quanto abbiamo investito. Più tempo, energia e sofferenza si investono, più si commette il coinvolgimento nel gruppo, nella causa o nella persona. Il brivido, che possiamo definire genericamente come molestie di potenziali membri costringendoli a completare compiti fisicamente e / o psicologicamente privi di senso, difficili o umilianti, aumenta fortemente la convinzione del valore e dell'investimento in un gruppo. Perché non c'è una giustificazione sufficiente per metterci attraverso tali compiti (cioè nessuno ha letteralmente una pistola alle nostre teste), ci convinciamo che il gruppo stesso deve valerne la pena.
  • L'omogeneità di outgroup è la tendenza a vedere i membri di un outgroup – un gruppo diverso dal proprio – come tutti uguali. Insulti ed epiteti: chiamare una donna con la parola "b" o "c", un afroamericano con la parola "n" o un individuo gay o lesbico con la parola "f", ad esempio, spogliare le persone in un altro gruppo di nomi individuali. Come scrisse il professore d'inglese Roy Fox nel suo saggio Salespeak ,

I nomi [sono] sacri: comunicano l'essenza della nostra identità, non solo per gli altri, ma per il nostro unico nome [è] per appropriarsi della sua identità, per negare la sua esistenza.

  • L'etnophaulismo porta le cose ancora più lontano, creando deliberatamente immagini cognitive negative di un outgroup. Questo di solito comporta ritrarre il nemico come inferiore, stupido, malvagio o mostruoso.
  • La maggior parte delle persone ha una forte tendenza a obbedire quando la persona che impartisce gli ordini si trova in una posizione autorevole . Un famoso studio di Stanley Milgram dimostrò che la gente comune avrebbe scioccato un'altra persona a morte se fosse stata fatta pressione dallo sperimentatore. (Per la cronaca, i partecipanti non erano davvero scioccanti per nessuno, ma credevano che lo fossero.Alcune delle persone in realtà imploravano di poter interrompere gli shock, ma continuarono quando gli fu chiesto di farlo.)
  • Le aspettative di un setting possono anche essere estremamente potenti. Un altro studio, quello di Phil Zimbardo, ha dimostrato che quando veniva offerta l'opportunità di agire come "guardie carcerarie" in una prigione finta, alcuni partecipanti diventavano rapidamente sadici, godendosi il loro potere e umiliando i "prigionieri". (Dovrebbe essere ha osservato che i partecipanti sono stati assegnati in modo casuale ai ruoli di "guardia" o "prigioniero" e che l'aggressività sembrava davvero sorgere in risposta alle opportunità fornite dalla situazione. Zimbardo ha soprannominato questo "Effetto Lucifero".)
  • Infine, Dave Grossman, autore del libro On Killing del 1995, cita l'uso di ambienti di ripresa simili ai videogiochi che consentono alle persone di servizio di praticare il proprio tiro e il processo decisionale in situazioni di stress elevato. Chiunque non abbia controllato i videogiochi moderni sarebbe probabilmente stupito dal crudele realismo dei giochi sparatutto in prima persona. (Sulla base dell'affermazione di Grossman secondo cui questi giochi riducono le inibizioni e migliorano la precisione di tiro, se c'è una vera apocalisse zombi, la mia unica vera speranza è che mio fratello, che è un maestro di questi giochi, sia armato fino ai denti … e sul mio lato.)
The Writer's Guide to Psychology

© 2011 Carolyn Kaufman, PsyD ♦ Psicologia per scrittori di psicologia oggi

Vuoi maggiori informazioni sugli eroi, i cattivi e ottenere la psicologia giusta nella tua storia? Prendi una copia del libro del Dr. Kaufman, The Writer's Guide to Psychology: Come scrivere in modo accurato sui disturbi psicologici, il trattamento clinico e il comportamento umano. Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito web del libro.

  • Bloccato come scrittore o artista? 5 chiavi per andare avanti
  • Ripensare come aiutare i bambini a perdere peso
  • 6 modi per evitare di mangiare troppo Candy per Halloween
  • Un altro omicidio-suicidio a New York
  • Calendario di sensibilizzazione 2017
  • Perché le donne non lasciano le batterie?
  • Superare gli ostacoli al cambiamento: parte 2
  • 7 lezioni di vita che ho imparato a lavorare con i sergenti istruttori
  • Mangiare intensivo dopo il trauma sessuale
  • Stiamo bullendo i nostri cani?
  • Stress e dipendenza
  • Sleep Train a Baby? -Non!
  • Dolori crescenti nel cervello adolescente
  • I problemi di salute mentale di iGen scompaiono
  • Che cos'è Fentanil e perché dovrebbe interessarti?
  • Dubbio di sé: Junk Food for the Heart
  • Il copione spirituale è nel tuo Toolkit?
  • Vita di città e malattia mentale
  • Bene Hung
  • Standard per la salute mentale correttiva ... il New Psych Hospital
  • Come affrontare l'ansia senza rivolgersi ai farmaci
  • La lotta di Alexander Owens contro la neurofibromatosi
  • I segreti meglio custoditi per la creatività eccezionale
  • Dovrei discutere dei miei bisogni con il mio coniuge morente?
  • 8 consigli per sentirsi più felici durante un periodo infelice
  • L'esposizione al trauma infantile è troppo comune
  • Qigong al VA II
  • Solitudine: l'isolamento sociale percepito è nemico pubblico n. 1
  • 3 Sorprendenti ma veri fatti sugli animali e sui loro proprietari
  • Esaurimento: una storia
  • Ciò che i migliori amministratori delegati sulla Terra fanno meglio
  • Gli autoritari ti tengono a camminare sui gusci d'uovo, in modo permanente
  • Andare al college con disturbo bipolare - Parte I
  • I tuoi sentimenti non sono il tuo difetto (principalmente)
  • 10 cose da sapere sulle relazioni genitore-figlio
  • Un libro da leggere sulla consapevolezza: l'effetto Now