Attingendo al tuo narratore onnisciente

Creative Commons CCO Public Domain
Fonte: dominio pubblico Creative Commons CCO

Nel film Stranger than Fiction , Harold Crick è un agente robotico dell'IRS che inizia a mettere in discussione la sua esistenza mondana quando sente una voce misteriosa che narra la sua vita e preannuncia la sua morte prematura. Quando scopre di non essere il padrone del proprio destino, ma piuttosto un personaggio immaginario immaginato da un'eccentrica autrice, di cui ha sentito la voce, Crick rintraccia il suo creatore e la convince a riscrivere il finale della sua storia.

Sebbene sia strano e immaginario, il viaggio di Crick parla della nostra capacità di reclamare le nostre narrazioni personali quando attingiamo alla voce del nostro interiore narratore onnisciente, che come l'autore nella narrativa di Crick, ha una prospettiva elevata sulla nostra storia di vita. Il narratore onnisciente è la silenziosa voce ferma che esprime il sé superiore e sussurra le nostre verità. I meditatori chiamano la mente osservatrice.

Percependo il quadro più ampio, il narratore onnisciente ha la misteriosa capacità di setacciare tutte le voci in competizione – le sceneggiature interiorizzate che riflettono ciò che immaginiamo i nostri genitori, coniuge, capo, bambino e altri direbbero o penseranno in base a precedenti interazioni con loro- per trovare la nostra voce più ampia e autentica.

Secondo la psicologia comportamentale, iniziamo ad assimilare le sceneggiature come bambini piccoli, quando siamo più sensibili ai messaggi di genitori, fratelli, colleghi, insegnanti, media e altre potenti influenze nelle nostre comunità. Se fossimo computer, gli script sarebbero il nostro software. Se hai mai sentito la voce di tua madre, del tuo capo o del terapeuta nella tua testa, allora capisci quanto possano essere potenti.

Anche se l'adolescenza è un periodo in cui i bambini di solito iniziano a mettere in discussione i poteri che sono, molti di noi continuano a essere influenzati durante le nostre vite da copioni incompatibili senza mettere in dubbio che abbiano senso o che li stiano veramente scrivendo. Per quanto desideriamo ardentemente girare le nostre sceneggiature, molti di noi continuano ad aggrapparsi agli stessi monologhi interni, familiari e autolesionistici che abbiamo imparato dai nostri genitori, colleghi, insegnanti e altri personaggi che sono stati fondamentali nel dare forma alla nostra storia. Per abitudine, paura o mancanza di immaginazione, ci affidiamo inconsapevolmente agli stessi ruoli – l'amante non corrisposto, lo sposo non apprezzato, il figlio prodigo, l'impiegato sfruttato – con le stesse vecchie battute: "Non sono abbastanza bravo . "" Non ti importa di me. "" Non mi apprezzi. "Questo tipo di sceneggiatura mette a dura prova la nostra capacità di far fronte e può assumere una vita propria perpetuando la negatività e il pessimismo.

Attingere la voce del narratore onnisciente, tuttavia, ci consente di vedere le nostre vite attraverso una lente più ampia. Ci aiuta a estrarre le narrazioni sepolte nel nostro subconscio che sono più espansive del nostro ego basico, egocentrico e infantile o di qualsiasi script critico interiorizzato che non ci appartiene veramente. E poiché è onnisciente, può accedere alle narrazioni che riflettono questa prospettiva espansa sia per sfidare e comprendere le nostre voci minatorie, così, anche se possiamo ancora ascoltarle, non ci controllano più.

Uscendo dalla tua storia

Mentre ci sono diversi modi per accedere al narratore onnisciente, inclusa la preghiera e la meditazione, nel mio nuovo libro, Step Out of Your Story: esercizi di scrittura per rinfrescare e trasformare la tua vita (New World Library http://newworldlibrary.com/BooksProducts/ProductDetails /tabid/64/SKU/82324/Default.aspx) Aiuto le persone a ottenere una nuova prospettiva sulla loro storia di vita scrivendo quasi esclusivamente nella narrativa in terza persona. La narrativa in terza persona usa i pronomi "lui", "lei" e "loro" ed è usata quando il narratore descrive la storia di qualcun altro, spesso da una prospettiva neutrale o onnisciente. Gli studi psicologici suggeriscono che riflettere sulla tua vita, sia nel passato che nel presente, come un osservatore in terza persona può aiutarti a vedere te stesso e le cose che hai superato attraverso occhi più freschi e compassionevoli. Il punto di osservazione psicologicamente distante della voce in terza persona consente alle persone di ricostruire la comprensione delle proprie esperienze e acquisire nuove intuizioni senza sentirsi emotivamente sopraffatti.

Questo ha senso quando consideriamo quanto la nostra identità sia profondamente intrecciata con la nostra narrativa in prima persona, il grande "Io", altrimenti noto come l'ego. Un "Io" buono e sano è necessario per stabilire relazioni, lanciare imprese e navigare gli alti e bassi della vita.

Eppure, a volte investiamo così tanto nel nostro io che questa prospettiva ostacola l'adozione di una buona visione a volo d'uccello della nostra storia. Quando iniziamo una frase in prima persona con "I am this" o "I think that", diventiamo automaticamente attaccati ai descrittori che seguono. Questo può essere potenzialmente problematico. Affermazioni come "Io sono un ricco broker di successo" o "Io sono un atleta professionista" possono evocare potenti legami emotivi che, se messi in discussione da circostanze esterne come il crollo del mercato o il ferirsi permanentemente, possono innescare una crisi di identità.

Tricking Your Ego

Il genio della scrittura in terza persona è che ci trascina davanti ai nostri narratori negatori, che pensano che stiamo descrivendo la vita di qualcun altro. Dopotutto, non stai scrivendo su te stesso (occhiolino, occhiolino), stai descrivendo il personaggio del tuo primo, secondo o terzo romanzo!

Scrivere su di te in terza persona crea un'apertura per essere più curioso della direzione della tua storia che si sta svolgendo. Ad esempio, invece di temere l'ignoto, potresti chiederti cosa farà in seguito questo protagonista: accetterà la proposta di matrimonio o si unirà al Corpo di pace e andrà in Africa? Un tale punto di vista può aumentare il senso di soddisfazione e compassione verso se stessi, o in alternativa, può servire come sveglia se il personaggio che stai giocando non si adatta all'immagine di chi immagini di essere te stesso.

Dal posatoio della narrativa in terza persona, possiamo uscire dalle nostre storie, controllare il paesaggio e decidere se rimanere sulla strada che stiamo percorrendo o reindirizzando. Da lì, chissà cosa scopriremo?

Solutions Collecting From Web of "Attingendo al tuo narratore onnisciente"