Attenzione: essere cattivi può sentirsi così bene

Recentemente, i ricercatori Nicole Ruedy, Francesca Gino, Celia Moore e Maurice Schweitzer, presso l'Università di Washington, la London Business School, Harvard e l'Università della Pennsylvania hanno pubblicato un articolo intitolato The Cheater's High: I vantaggi affettivi inattesi del comportamento non etico nel The Journal of Personality and Social Psychology.

Le teorie convenzionali sul comportamento morale e sul processo decisionale presuppongono che il comportamento non etico inneschi emozioni negative , e in effetti, quando i partecipanti allo studio sono stati intervistati prima dello studio, hanno riferito di aspettarsi che, se dovessero agire in modo non etico, si sentirebbero colpevoli. Queste teorie aiutano a sostenere l'idea che siamo internamente motivati ​​a fare la cosa giusta, perché ci fa stare male a non farlo.

Ma quando messi alla prova, per così dire, le persone che hanno imbrogliato in realtà hanno sperimentato un impulso immediato nelle emozioni, che i ricercatori hanno definito un "imbroglione alto". I ricercatori hanno continuato dicendo che una volta che le persone hanno questa esperienza, potrebbe essere difficile resistere ai futuri comportamenti non etici, specialmente quando qualcuno può "ricavare benefici materiali e psicologici" dal comportamento.

Quelli di noi che lavorano nel campo delle "dipendenze di processo" o dei comportamenti compulsivi (come il furto compulsivo o il comportamento sessuale, il gioco d'azzardo, il mangiare compulsivo, ecc.) Non sono certamente sorpresi da questi risultati: convalida il comportamento che vediamo sempre. In effetti, molte delle persone che vediamo sono esse stesse sconcertate dal loro stesso comportamento: non capiscono perché continuano a ripetere un comportamento a cui non si sentono bene e ciò va contro la loro morale, le credenze e persino l'immagine di sé e crea scompiglio nelle loro vite.

La risposta breve, che questi ricercatori hanno convalidato, è che lo fanno perché nel momento in cui si sente bene . Dà alla persona una spinta e se quella persona si sente depressa, ansiosa, avendo difficoltà a far fronte, non può affermare ciò di cui ha bisogno e vuole in modo sano, ecc. Questa piccola spinta è un modo per sfuggire a tutto ciò, per un momento. E la fuga funziona, ed è per questo che quando ritornano tutti i sentimenti negativi (che fanno sempre, oltre ai sentimenti di vergogna dovuti al comportamento), alla fine il desiderio di farlo di nuovo ritorna, e così nasce la compulsione .

Questo importante studio aiuta a spiegare come e perché la motivazione, il comportamento e i sentimenti non sempre si allineano con la morale e i valori. Aiuta anche a creare un caso per il trattamento per le persone che ripetono compulsivamente questi comportamenti; hanno bisogno di aiuto con una trasformazione che darà loro un'esperienza di felicità più profonda e duratura, in modo che possano rinunciare alla "spinta" del "massimo del baro".


Foto di John Moore / Getty Images

Solutions Collecting From Web of "Attenzione: essere cattivi può sentirsi così bene"