Attenzione alla rabbia

Sei stato offeso?

La pratica :
Fai attenzione alla rabbia.

Perché?

La rabbia è difficile.

Da un lato, la rabbia – sentirsi infastidita, irritata, risentita, stufo, pazza, indignata o infuriata – ci avverte di minacce reali, ferite reali e torti reali che devono essere corretti, e si eccita e ci stimola a fare qualcosa per loro. Nella mia famiglia crescendo, i miei genitori avevano il monopolio della rabbia. Così ho soppresso il mio, insieme a molti altri sentimenti, ed è stato un lungo viaggio per reclamare il mio interno, compresa la rabbia, ed essere in grado di sentirlo pienamente e (si spera) esprimerlo abilmente.

Sia nelle relazioni personali o nelle sale del potere, le persone in posizioni di autorità o privilegio spesso dicono agli altri che non meritano di essere arrabbiati, che non dovrebbero eccitarsi, è colpa loro, ecc. Quando in realtà hanno ogni ragione e ragione al mondo per essere arrabbiati. È certamente importante sapere nel tuo cuore che cosa sta realmente accadendo, quanto è grave, quali sono le cause e cosa fare – e decidere tu stesso quanto vuoi o rimanere arrabbiato.

D'altra parte, rabbia:

  • Si sente male dopo la prima ondata di esso
  • Sottolinea il corpo, con il passare del tempo consuma la salute
  • Restringe l'attenzione, perdendo di vista il quadro generale
  • Nuvola il giudizio, spingendoci ad agire impulsivamente, potenzialmente violentemente
  • Crea e migliora i conflitti con gli altri

La rabbia spesso ci ferisce più di quanto faccia male agli altri. Credo che ci sia un detto di Alcolisti Anonimi: "Il risentimento è come prendere del veleno. . . e aspettando che gli altri moriscano. "Questa metafora di una tossina seducente si trova anche in una descrizione del primo buddhismo:" La rabbia ha una punta amara. . . e una sbavatura avvelenata. "

Come?

Riconoscere la rabbia. Sentilo, non sopprimerlo. Esploralo e trova ciò che è valido in ciò che ti sta dicendo. Guarda anche sotto, al dolore o al dolore o all'oltraggio per conto degli altri. Aiutati ad aprirti e includerti tutto. Sii scettico verso gli altri che cercano di escluderti dalle tue reazioni per il loro stesso interesse personale.

Scopri cosa intendi fare. Di solito non è facile, certo, ma cerca di rallentare le cose in modo da poter pensare in modo chiaro, trovare il tuo terreno e prendere il cuore (un altro mio post recente).

Detto ciò, fai attenzione: sii attenta, sii cauto su come la rabbia può lavorare sulla tua mente e dirottarti.

La rabbia arriva con giustificazioni. Ci sentiamo offesi, maltrattati, offesi, provocati: "Certo che sono pazzo. Mi hai fatto arrabbiare. È colpa tua. "Ricordo che una volta, sbattendo il mio stinco su un tavolino da caffè e diventando così pazzo, diedi un calcio al tavolo. . . come se fosse la colpa. La rabbia è seducente, ci trascina in casi contro altri, fatture di legge, e-mail mentali redatte a letto alle 2 del mattino (parlando per esperienza personale!). La rabbia ci inganna, facendoci sentire perfettamente autorizzati a scagliarsi e dire o fare cose terribili. . . da cui alla fine ci svegliamo come da un incubo con sgomento e rimorso per le nostre azioni. La rabbia è – letteralmente – difficile.

E la rabbia è un imbroglione particolarmente potente quando si gioca dentro e tra i gruppi. Potete vederlo a tutti i livelli, dalle cricche delle scuole superiori ai pettegolezzi degli uffici, dalla politica alla guerra. Un gruppo si forma spesso intorno a rimostranze condivise, e quindi difende e proclama quelle rimostranze, non importa quali siano i fatti per mantenere la sua coesione e identità. Sia sul cortile della scuola elementare che nelle nazioni nel corso della storia, i leader autoritari hanno sfruttato la vulnerabilità dei nostri primati sociali all'appello di risentimento per acquisire e mantenere il potere, gonfiare e perfino inventare rimostranze promettendo di proteggere il gruppo e vendicarlo. contro coloro che l'hanno fatto torto.

Non è cosa da poco trovare la propria strada all'interno di un tale gruppo con un tale leader. O per trovare un modo di relazionarsi con quelli di questi gruppi con chiarezza morale e forza di cuore – senza essere offuscato o infettato dalla rabbia.

Nella mia tradizione meditativa, ho sentito dire che la rabbia è come lanciare carboni ardenti a mani nude: entrambe le persone vengono bruciate. Nelle relazioni, nelle famiglie, nelle organizzazioni, nei paesi e nel mondo del tutto, c'è già stato tanto ardore nella nostra storia umana condivisa. Troppa combustione. Troppe menti bruciate dalla rabbia.

Potenza, autorità, autenticità, feroce compassione, fiducia morale, verità parlata al potere: nessuna di queste è rabbia o richiede rabbia. In verità, ognuno di noi può tornare alla dignità, all'autorità e al coraggio di stare nella verità e parlare dal cuore con passione e potere, libero dalle fiamme della rabbia.

Rick Hanson, Ph.D. , è uno psicologo, Senior Fellow del Greater Good Science Center di UC Berkeley, e autore del best-seller del New York Times . I suoi libri sono disponibili in 26 lingue e includono Hardwiring Happiness , Buddha's Brain , Just One Thing e Mother Nurture . Edita il Wise Brain Bulletin e ha numerosi programmi audio. Laureato con lode alla UCLA e fondatore del Wellspring Institute for Neuroscience e Contemplative Wisdom, è stato invitato come relatore alla NASA, Oxford, Stanford, Harvard e altre importanti università e ha insegnato nei centri di meditazione in tutto il mondo. Il suo lavoro è stato presentato su BBC, CBS e NPR, e offre la newsletter gratuita di Just One Thing con oltre 120.000 abbonati, oltre al programma online Foundations of Well-Being in neuroplasticità positiva che chiunque abbia esigenze finanziarie può fare gratuitamente.

Solutions Collecting From Web of "Attenzione alla rabbia"