Attenti ai mancini – Insegnare alla paura attraverso il baseball

Mentre la stagione del baseball raggiunge il suo apice e le World Series 2009 sono in corso, e quelli di noi che seguono i Milwaukee Brewers sono di nuovo invidiosamente consegnati a guardare le altre squadre giocare nei gelidi giorni di ottobre e novembre, mi viene in mente, con alcuni ambivalenza, su una fatidica notte di agosto trascorsa a tifare per i miei eroi di baseball.

La notte al Miller Park di Milwaukee è iniziata con le note più alte; è stata una bellissima serata e i Brewers hanno giocato contro gli sfortunati San Diego Padres che sicuramente hanno garantito una vittoria (in realtà si è rivelata una terribile sconfitta per 13-6) e grazie alla generosità di un buon amico, la mia famiglia e io avevamo davanti posti a sedere dietro la canoa del visitatore per il gioco sold-out.

Sono stato a molti dei principali giochi di baseball della lega nel corso degli anni ma è stata la prima volta per mia figlia di nove anni e la sua amica e, opportunamente adornata nei nostri accessori Brewers, ci siamo accontentati di guardare la partita, mangiare hot dog, guardare la famigerata corsa alla salsiccia e si rallegra rumorosamente per la squadra di casa.

Ho avuto il bagliore che provano tutti i genitori quando sentono che stanno facendo qualcosa di buono e sano con i loro figli e le cose sono migliorate ancora quando uno dei giocatori le ha lanciato una palla da baseball tra gli innings. E 'stato stupefacente; il suo primo gioco e lei ottiene una palla da baseball. Ho iniziato a giocare per trent'anni e ho sempre avuto solo una palla da baseball e questo mi ha deviato dalla spalla di una persona seduta dietro di me che non era abbastanza veloce da riprendersi dopo che la palla li aveva colpiti! Comunque sia, mi sentivo genialmente orgoglioso e un po 'eroico per aver fornito questo rito culturale di passaggio per mio figlio.

Poi le cose sono cambiate.

A causa della nostra vicinanza al campo, ho detto che tutti noi dovevamo essere vigili quando i battitori mancini stavano battendo nel caso in cui una palla sporca venisse nella nostra direzione. Sebbene si trattasse di una richiesta relativamente seria, fu accolta con la stessa attenzione che prendo alle istruzioni degli assistenti di volo su dove si trovano le file di uscita sugli aeroplani; in altre parole, non molto.
Le cose andavano bene fino a quando il principe Fielder, forse il più grande e potente giocatore di baseball delle major, si scagliò contro di noi con una palla stucosa e tra la folla diverse file indietro.

Nessun altro nel nostro gruppo sembrava particolarmente infastidito da esso, ma, motivato da una sorta di istinto del padre, il mio migliore istinto, sentivo un impetuoso impulso a enunciare con enfasi ed enfasi ancora una volta quanto fosse pericoloso sedersi in questi posti particolari e ad essere extra vigile quando un mancino stava battendo.
Stavo cercando di impregnare mia figlia con la mia esperta esperienza di baseball, ma sfortunatamente l'unica cosa che le ho infuso era la paura. Da quel momento in poi, ogni volta che una pastella mancina era sul piatto, lei ascoltò la mia ammonizione e abbassò la testa sotto la canoa non appena la palla fu lanciata nel caso venisse colpita. Ho fatto notare che non c'era alcuna ragione per essere così spaventati, ma, dato che la mia reazione all'incidente precedente l'aveva allarmata così tanto, non era possibile cambiare idea. Per lei, questi meravigliosi posti e questo fantastico evento erano pieni di imminente pericolo, e per quanto cercassi di convincerla diversamente avrei combattuto una battaglia persa.

Mentre ero seduto lì, mi irritavo sempre di più per aver messo paura e trepidazione nella mente di mio figlio quando c'erano probabilmente altri modi meno drammatici in cui avrei potuto gestire la situazione. Avevo voluto che questa fosse una grande esperienza complessiva per lei, ma la mia ansia ben intenzionata aveva smorzato il suo apprezzamento nel vedere una partita della grande lega da una location che si ripeteva una volta nella vita.

Mi ha fatto riflettere sugli altri modi in cui i genitori rendono i loro figli tesi e ansiosi in nome della sicurezza e del modo in cui coccolano, proteggono e sanizzano le loro esperienze perché sentiamo di sapere con certezza assoluta ciò che è positivo per loro. Nessuno vuole mettere consapevolmente in pericolo i propri figli ed è stato importante per me che il mio non fosse cieco di fronte a un fallo di Prince Fielder, ma non avevo intenzione di temere che fosse il mezzo con cui apprendeva la lezione che stavo cercando di impartire.

Ci sono buone ragioni per cui un bambino non dovrebbe correre con le forbici, o toccare una stufa calda, attraversare la strada senza guardare, o parlare con estranei, o mangiare senza lavarsi le mani, ma la paura dei genitori non misurata non è qualcosa che vogliamo che ereditino o. Credo che quando trasmettiamo la paura ostacoliamo la fiducia in se stessi e inibiamo la loro volontà di esplorare, prendiamo rischi calcolati e impariamo da errori e disgrazie; che sono tutte capacità di sviluppo essenziali.

L'onere dei genitori di proteggere e preparare i loro figli ci fornisce molti momenti "Prince Fielder" insegnabili, alcuni ovvi, altri più sottili. Con la migliore delle possibili intenzioni, ho inavvertitamente lasciato cadere la palla a Miller Park, ma per fortuna ci saranno altri innings da giocare.

Solutions Collecting From Web of "Attenti ai mancini – Insegnare alla paura attraverso il baseball"