Attacchi di squalo: miti, incomprensioni e paura umana

Gli squali subiscono un brutto colpo nella maggior parte dei media. Nelle rare occasioni in cui uno squalo attacca un essere umano, anche quando ci sono degli avvertimenti che gli squali sono nella zona, gli squali sono in colpa e le campagne anti-squalo si presentano ovunque. Sì, gli squali attaccano gli umani ed è spesso un evento molto triste e tragico. Tuttavia, numerosi miti circondano solo chi sono veramente gli squali. E, ci sono molte specie diverse di questi incredibili pesci, 509 a partire da ora, quindi parlare dello "squalo" è molto fuorviante. Solo circa 30 di queste 509 specie hanno morso esseri umani senza provocazione e solo 11 specie sono state identificate come causa di decessi.

Voglio sempre saperne di più sugli squali, quindi sono stato contento di ricevere un nuovo libro dal biologo marino e esperto di squali, Dr. Blake Chapman, intitolato Shark Attacks: Myths, Malinteso e Human Fear .

With permission of the publisher
Fonte: con il permesso dell'editore

Ho contattato il Dr. Chapman per vedere se poteva prendersi il tempo per rispondere ad alcune domande e sono contento che sia stata in grado di farlo. Ecco come è andata la nostra intervista.

Perché hai scritto Shark Attacks: Myths, Malinteso e Human Fear ?

Sono molto appassionato degli argomenti degli squali e degli attacchi di squali e sento che ci sono molti margini di miglioramento riguardo a come trattiamo sia gli squali che gli umani che ne sono stati influenzati negativamente. Gli attacchi di squali sono un argomento di media così caldo, quindi sentiamo parlare di loro tutto il tempo. Ma la realtà della situazione è che questi eventi sono eventi davvero rari e che le informazioni che ripetiamo ripetutamente attraverso i media non sono sempre corrette. So che gli attacchi di squali sono un argomento davvero polarizzante e alimentato dall'emozione, ma sento che più di ogni altra cosa, le persone vogliono solo informazioni affidabili. Non vogliamo sentirci dire cosa fare, vogliamo essere informati e autorizzati a prendere le nostre decisioni. Con questo in mente, volevo assicurarmi che ci fosse una fonte di informazioni facili da leggere, accurate e imparziali là fuori che affronta ampiamente l'argomento e fornisce il quadro completo.

In che modo questo libro fa seguito a precedenti tuoi interessi?

Ho avuto una passione per gli squali e per l'ambiente acquatico in generale, da molto tempo ormai. E per molti anni ho lavorato per saperne di più sugli squali per mia comprensione, ma anche per aiutare gli altri a capirli. Sono stato davvero fortunato nell'esperienza che ho avuto. Ho completato la mia ricerca post-laurea in neuroscienza degli squali (dove ho esaminato il modo in cui il sistema visivo si sviluppa e viene utilizzato), il che mi ha dato un grande background nella biologia sensoriale degli squali. Successivamente ho lavorato nella salute degli animali in un acquario pubblico, dove ho avuto l'incredibile opportunità di lavorare quotidianamente con gli squali (e tutti gli altri animali dell'acquario). Attraverso queste posizioni, ho imparato molto sulla biologia degli squali, sulla fisiologia e sul comportamento. Ho continuato la mia ricerca in ogni momento, concentrandomi sulla biologia e la fisiologia degli squali, per poi passare alla scienza degli attacchi di squali. Ho disegnato tutte queste aree, così come altre esperienze personali che ho avuto con gli squali durante la stesura del libro.

Blake Chapman with a shark; courtesy of Dr. Chapman
Fonte: Blake Chapman con uno squalo; per gentile concessione del Dr. Chapman

Perché gli squali hanno una reputazione così "cattiva" e in che modo i media hanno contribuito al loro essere temuti, odiati e uccisi dagli umani?

Gli squali sono sul pianeta da più tempo di quasi tutti gli altri vertebrati e si sono evoluti per diventare incredibili predatori ed eccezionali sopravvissuti. Gli umani, che si sono evoluti centinaia di milioni di anni dopo gli squali, si sono evoluti con un'attenzione particolare per l'intelligenza. Ma simile ad altre specie di successo, abbiamo sviluppato una serie di modi per proteggerci. Una di quelle cose è la paura. Sebbene spesso restrittiva (e talvolta antagonista), la paura è stata una strategia di sopravvivenza importante. La sensazione di paura è altamente conservata nel lignaggio dei mammiferi, ed è in gran parte una risposta subconscia. La risposta neurale della paura è cambiata poco da quando gli esseri umani si sono evoluti per la prima volta, e così tante paure facilmente apprese riguardano rischi che sarebbero stati altamente significativi per i nostri antenati. I predatori sono un esempio notevole.

A causa della paura, il potenziale danno che gli squali sono in grado di infliggerci e la nostra completa incapacità di controllare questi animali, tendono a diventare una cattiva reputazione. Generalmente non sono considerati simpatici e teneri, hanno un aspetto "alieno" e il loro modo di catturare e consumare cibo può essere considerato piuttosto macabro. Tutte queste cose rendono gli squali difficili da amare. E poi, naturalmente, ci sono film come Jaws , che forniscono immagini visive dell'attacco di uno squalo. Non appena abbiamo questa immagine visiva (o ascoltiamo un resoconto di un attacco di squalo, reale o fittizio), il nostro cervello considera il rischio rilevante. La paura e l'odio degli squali derivanti dal film Jaws , da soli, hanno provocato una distruzione massiccia e indiscriminata degli squali.

Ci viene costantemente ricordato l'aspetto più negativo degli squali da parte dei media, la loro capacità di infliggere gravi danni. Sebbene gli squali, in generale, siano un argomento di così intenso interesse all'interno dei media, il focus principale è sugli attacchi agli umani. Tuttavia, la maggior parte delle informazioni degne di nota dovrebbero essere sulla ricerca e lo sviluppo. Stiamo ottenendo costantemente informazioni affascinanti sugli squali. Ad esempio, le informazioni derivanti dagli studi sull'immunologia degli squali informano la ricerca davvero promettente sui trattamenti per vari tipi di cancro, il morbo di Parkinson e le malattie polmonari (tra gli altri). Dovremmo inoltre concentrarci maggiormente sulla conservazione degli squali nei media, che è anche un argomento significativamente più rilevante rispetto all'incidenza occasionale di gravi attacchi di squali.

Se dovessimo ascoltare solo i media, e solo leggere i resoconti dei media, sembrerebbe che ci siano poche più di tre specie di squali – grandi squali bianchi, squali tigre e squali toro – poiché queste sono le principali specie responsabili delle vittime umane . In realtà, tuttavia, ci sono 509 specie di squali attualmente descritte. Vi è un'enorme diversità in questo gruppo di animali, da piccolo a molto grande, potenzialmente pericoloso per innocuo e persino piatto a rotondo! Sebbene sia probabile una stima bassa a causa della difficoltà di differenziare tra molte specie di squali (o in molti casi, non vedendo nemmeno gli squali che causano morsi), solo circa 30 di queste 509 specie hanno morso umani senza provocazione. Solo 11 specie sono state identificate come causa di decessi.

Quali sono i tuoi messaggi principali?

Voglio davvero ottenere il punto attraverso il quale, anche se si verificano, i morsi di squalo sono eventi estremamente rari. Ogni anno vediamo alcuni morsi di squalo, e sfortunatamente alcuni morti a causa di morsi di squalo. Anche se di certo non voglio minimizzare la tragedia e il trauma estremi di questi eventi, come nel caso di una perdita di vita umana, credo che dobbiamo mantenere un senso di prospettiva. Centinaia di migliaia di persone muoiono ogni anno per cancro e malattie cardiache. E centinaia di migliaia di persone muoiono ogni anno a causa di malattie passate attraverso le zanzare o per mano di altri esseri umani. Tuttavia, ci sono generalmente meno di 10 decessi di morso di squalo all'anno a livello mondiale. È anche importante notare che non tutti gli incontri con gli squali terminano negativamente. Piuttosto il contrario. Gli esseri umani e gli squali si sovrappongono continuamente negli ambienti acquatici. È una circostanza eccezionalmente rara in cui ne derivano risultati negativi. Nella maggior parte dei casi, le interazioni sono neutre o addirittura positive.

Gli squali sono una parte importante dell'ecosistema acquatico. Colpiscono gli altri animali attraverso l'intera catena alimentare e controllano direttamente e indirettamente le popolazioni. Influenzano anche indirettamente la flora acquatica influenzando i modelli di comportamento delle specie di prede erbivore e onnivore. I nostri oceani, estuari e fiumi sarebbero significativamente, sorprendentemente e persino imprevedibilmente diversi senza squali.

Oltre ad essere più bravi a prenderci cura degli squali, dobbiamo anche fare meglio a sostenere e rispettare gli umani che si trovano nella situazione molto sfortunata di avere avuto un'interazione negativa con uno squalo, così come molte altre persone (inclusa la famiglia, amici, testimoni, salvavita, paramedici e altri professionisti medici) che sarebbero anche interessati da questi eventi.

Infine, voglio davvero incoraggiare le persone a educarsi. Spetta a noi imparare come meglio coesistere con gli squali e l'educazione è il metodo più immediato ed efficace per la mitigazione dell'attacco degli squali. Ci sono un sacco di cose semplici e libere che possiamo fare per ridurre al minimo la possibilità di avere un incontro negativo con uno squalo, mentre stiamo ancora facendo attività acquatiche ricreative. Scopri la regione e l'ambiente acquatico che utilizzerai (in termini di attività degli squali e specie potenzialmente incontrate, ma anche per rischi molto più diffusi, come correnti di strappo, banchi di sabbia / drop-off o altri animali acquatici potenzialmente pericolosi in l'area), capire quali (eventuali) misure di mitigazione o divieti sono in atto nella zona, sapere dove e come è possibile accedere alla guida se ne hai bisogno, e se aiuta ad alleviare la paura e la preoccupazione, investigare i dispositivi di mitigazione personale (ma di nuovo, assicurati di fare una ricerca approfondita, poiché sono tutti progettati per ambienti diversi, specie di squali e attività).

Chi è il tuo pubblico previsto?

Voglio davvero indirizzare il pubblico in generale, le persone che sentono parlare di attacchi di squalo sulle notizie o che leggono su di loro sui giornali o attraverso i social media. Queste fonti mediali sono grandi per fornire consapevolezza, preparazione e interesse piccante, ma spesso sfociano le linee tra realtà e finzione e sensazionalizzano le storie. Spero che le persone che ascoltano gli attacchi di squali attraverso i media e abbiano un interesse per queste storie, ma non abbiano molta altra conoscenza sull'argomento, saranno abbastanza interessate e proattive da prendere l'iniziativa per leggere questo libro in modo che può quindi formare valutazioni più ponderate. Non mi interessa quale opinione le persone escano alla fine del libro, fintanto che si basa sul fatto, non sulla finzione, sulla logica, non sull'emozione.

Sei ottimista sul fatto che la reputazione dello squalo come assassino nato a sangue freddo e naturale possa essere cambiata?

Sì, lo sono. Penso che, sebbene gli attacchi degli squali rimangano argomenti altamente mediati e la paura degli squali rimane, in generale, stiamo assistendo a uno spostamento verso la conservazione e la responsabilità etica. Sembra che l'azione governativa in relazione alla mitigazione del rischio di attacchi di squali in alcune regioni del mondo venga esaminata molto di più, e le persone stanno iniziando a porre molte più domande. Penso che l'opinione sarà sempre divisa, ma sembra che la maggioranza (anche se a volte una maggioranza relativamente piccola) di persone non voglia vedere alcun danno agli squali, anche dopo attacchi fatali e quando è giustificata la mitigazione di alcune varietà. Di conseguenza, dobbiamo essere sempre più intelligenti con le soluzioni di mitigazione. Questa è una sfida formidabile, ma sicuramente vale la pena perseguire.

Gli squali sono assassini nati naturali, ma non umani. Nella stragrande maggioranza dei casi, sembra che i morsi di squalo sugli umani siano semplicemente degli sfortunati incidenti naturali, e questo è ciò che dobbiamo capire.

Quali sono alcuni dei tuoi progetti attuali e futuri?

Spero di continuare a monitorare le statistiche sugli attacchi degli squali e contribuire al dibattito sulle future pratiche di mitigazione per proteggere sia gli umani che gli squali. Spero anche di continuare a tradurre e comunicare tra vari gruppi, compresi i ricercatori, le agenzie governative e il pubblico, per facilitare la comprensione e il progresso.

Ho parlato con un bel po 'di persone che sono state colpite da attacchi di squali per questo libro, e ho imparato più di quanto mi aspettassi da questo. Ero abituato a lavorare con numeri e statistiche, ma l'intuizione fornita parlando effettivamente con le persone che erano passate attraverso queste situazioni mi ha fatto davvero ripensare e riconsiderare molte delle mie opinioni. Mi considero estremamente fortunato di essere stato in grado di parlare con le persone che ho fatto (incluse quelle le cui storie sono state pubblicate, e quelle che non lo sono), e sono incredibilmente grato per il coraggio di queste persone. Spero di poter continuare a parlare alle persone delle loro esperienze, per comprendere ulteriormente le dinamiche positive e negative tra gli umani e gli squali.

Molte grazie, Blake, per questa intervista educativa, piena di fatti e ottimista. Ho imparato una quantità incredibile dalla lettura del tuo libro e spero che attiri un vasto pubblico globale. Sarebbe anche una scelta eccellente per i corsi di biologia della conservazione e, naturalmente, di biologia marina. Anche gli psicologi della conservazione e gli antroposologi che studiano diversi aspetti delle interazioni uomo-animale troveranno molti spunti di riflessione nel tuo libro.

Gli squali hanno bisogno di tutto l'aiuto che possono ottenere, come molti altri animali, e gli attacchi di squali: miti, equivoci e paura umana contribuiranno notevolmente a dare agli squali la protezione di cui hanno bisogno in un mondo sempre più dominato dall'umano in cui maleducazione, stereotipi fuorvianti , paura e pregiudizio dominano le nostre interazioni con questi e altri animali affascinanti.

Solutions Collecting From Web of "Attacchi di squalo: miti, incomprensioni e paura umana"