Attaccato alla cultura delle dipendenze

In medicina la parola "dipendenza" di solito indica una dipendenza fisica da una sostanza chimica o un comportamento che incasina il tuo sistema dopaminergico. Ma, come ammette Wikipedia, la parola è ora usata in senso molto più ampio per indicare qualsiasi vecchia dipendenza gratificante che ha un periodo difficile che termina senza lacrime. Questa è la definizione che sto portando a casa.

Quindi, mentre occasionalmente qui in "Dream On", vedremo i ruoli che la mente e il cervello giocano nelle prevedibili dipendenze dopaminergiche come la colla soffocante (abuso di sostanze), l'uso compulsivo di Purex (OCD) e la raccolta di borse di design (shopoholia), il più delle volte ci concentriamo sulla dipendenza di idee, concetti e fantasie – dalle auto-immagini distorte e il mito del "sogno americano", al bisogno di fingere che il tuo partner sessuale sia Angelina Jolie, uno stallone nero o Samuel Beckett.

Mi scuso con i miei lettori più severi: usare la parola "dipendenza" per applicare a illusioni, delusioni e abitudini di pensiero così come voglie folli per sostanze chimiche inebrianti non è tutto ciò che è giusto da parte mia. La mente umana, stiamo imparando a nostro sgomento, è praticamente una trottola di abitudini e inneschi, così che permettere l'uso di abitudini mentali nella categoria "compulsiva" mi dà praticamente un pass gratuito per scrivere di qualsiasi cosa mi piaccia, a patto che come indica la direzione generale della psicologia umana: la nostra impotenza di fronte all'ignoranza e al desiderio, il nostro fallimento nel vedere noi stessi come gli dei ci vedono, il nostro senso dell'olfatto sottosviluppato rispetto ai cani. Mi dico che gioco in questo modo il sistema di psicologia del gioco di psicologia, ottenendo la mia categoria di blog elencata sotto "A" per "dipendenza" invece di "Z" per "in fondo alla lista", ma la verità è molto probabilmente che posso t aiutare me stesso. Devo considerare che, lungi da una scelta astuta fatta di cannabis, scegliere "Dipendenza" dal momento che il raggruppamento del mio blog potrebbe essere un'esigenza ambigua.

Dovrò anche permettere alla possibilità di eliminare le erbacce che pensare alla dipendenza possa essere di per sé fonte di dipendenza. Dopo tutto, "Booze-hound" ha un certo louche glamour che al "criceto su una ruota" manca, no? E la frase "Man With a Golden Arm" suona molto più forte di "dunce", almeno per me. "Laureato alla Betty Ford", "finto finchè non lo fai", "utente", "testa di lupo", il linguaggio e i concetti che abbiamo sviluppato per affrontare la dipendenza si insinuano in tutti i tipi di altri argomenti e argomenti, dove fanno informazioni scientifiche dure e fredde più eccitanti e accessibili alla parte tabloid del cervello.

Quindi, ok, lo confesso: sono un drogato di metafora della dipendenza. Ma allora cosa ?, Non tutte le compulsioni mentali sono dannose per te, non a meno che tu pensi che essere qualcosa di meno di completamente libero o meno di avere totalmente il controllo di te stesso sia intollerabile. E, beh, anche se lo fai, potrei provare a cambiare la tua opinione sulla vergogna intrinseca degli autopiloti mentali.

Come William James spiegò a un gruppo di insegnanti nel 1892, scegliere i tuoi veleni è meno un'opzione standard di un raro privilegio; le persone abbastanza anziane da insegnare non hanno molte opzioni rimaste:

"Novantanove centesimi o forse novecentonovantanove della nostra attività sono puramente automatici e abituali, dal nostro sorgere al mattino al nostro sdraiarsi ogni notte. Il nostro modo di vestire e svestire, mangiare e bere … anche la maggior parte delle forme del nostro linguaggio comune sono cose di un tipo così fissate dalla ripetizione come quasi da classificare come azioni riflesse. "

Il punto di James non era solo che tutti oltre i venticinque erano robot senza cervello al 99%, era anche che le giuste compulsioni cieche potevano promuovere la sopravvivenza. Se passi attraverso la vita prendendo in giro te stesso pensando di poter fare qualsiasi cosa se ci lavori abbastanza, potresti non riuscire a fare le major, ma farai comunque meglio di quanto non avresti se non avessi fatto un passo verso il piatto con ottimismo, perseveranza e determinazione.

Quindi la mia proposizione è che, se pensiamo a tutti quei processi mentali e stranezze su cui siamo relativamente indifesi nel sensazionale e spesso esilarante vocabolario associato alla dipendenza, potremmo essere in grado di ottenere un capello in più consapevolezza, comprensione e persino influenza su di loro . E quando queste metafore pop-pop minacciano di distruggere il nostro cervello e trasformarci in zombi? Anche questo sarà interessante da notare.

Solutions Collecting From Web of "Attaccato alla cultura delle dipendenze"