Attacca le tue resistenze ai cambiamenti

Uno dei motivi principali per cui la motivazione, di per sé, non porta automaticamente al cambiamento è che temiamo che le richieste possano essere troppo costose. Potremmo dover vedere il nostro ruolo nei problemi che stiamo avendo e fare qualcosa al riguardo. Inoltre, ci preoccupiamo di come reagiranno gli altri quando cambieranno i nostri modelli di comportamento. Infine, vedere il nostro ruolo nei nostri problemi causa qualche riflessione dolorosa sul passato e quanto tempo abbiamo sprecato nel comportarci come noi. Ma i "vantaggi" di rimanere lo stesso possono essere molto costosi e se facciamo pochi semplici passi possiamo avvalerci della libertà e delle intuizioni che possono avere a che fare con la resistenza.

Il cambiamento, anche quando siamo consapevoli di avere problemi che devono essere affrontati, a volte sembra così sfuggente. Di conseguenza, è essenziale comprendere quanto più possiamo della nostra stessa esitazione a trovare resistenze scoperte e agire efficacemente per affrontare quelle aree che dobbiamo cambiare. Ciò è particolarmente vero quando ci sentiamo responsabili per il benessere degli altri, dove lo stress può essere così intenso e il lavoro attraverso le resistenze può letteralmente essere la differenza tra la vita e la morte, bruciare o no, vivere con significato o andare alla deriva in una tranquilla disperazione smorzata.

Come indicato di seguito, il concetto psicologico di "resistenza" nell'aiutare i pazienti che stanno vivendo un disagio emotivo è cambiato negli anni per gli psicoterapeuti. Una rapida revisione dell'evoluzione di questo concetto ora sarebbe utile per tutti noi che desideriamo superare le nostre barriere alla crescita personale e professionale.

Nei primi anni della psicologia, la resistenza al cambiamento di un cliente veniva spesso considerata solo come un problema motivazionale. Quando una persona non riusciva a cambiare, il consigliere sentiva: "Ho fatto il mio lavoro nel sottolineare le tue difficoltà. In cambio, non hai fatto il tuo! ". La colpa era per chi cercava un cambiamento. L'obiettivo era eliminare le resistenze e far tornare la persona motivata.

Ora, riconosciamo che quando qualcuno si oppone al cambiamento e alla crescita, non stanno dando volutamente famiglia, amici, colleghi e consulenti. Al contrario, stanno inconsciamente fornendo una grande quantità di informazioni critiche su aree problematiche della loro vita a causa del loro stile personale, della loro storia e della situazione attuale. Questo materiale diventa quindi una vera fonte di nuova saggezza per la crescita psicologica, il progresso professionale e l'intuizione spirituale. Anche se crediamo ancora che la motivazione sia una chiave essenziale per progredire, vediamo che le persone che cercano il cambiamento devono anche acquisire una certa conoscenza di se stessi e agire su di essa se desiderano avanzare. O, in poche parole: la motivazione o il pensiero positivo è buono, ma ovviamente non è abbastanza.

Uno dei motivi principali per cui la motivazione, di per sé, non porta automaticamente al cambiamento è che temiamo che le richieste possano essere troppo costose. Potremmo dover vedere il nostro ruolo nei problemi che stiamo avendo e fare qualcosa al riguardo. Inoltre, ci preoccupiamo di come reagiranno gli altri quando cambieranno i nostri modelli di comportamento; il movimento verso la salute può anche sorprendentemente sconvolgere coloro che sono abituati a "il diavolo che conoscono" (il solito stile difensivo di una persona). Potrebbero persino sentirsi sfidati a cambiare e potrebbero essere a disagio nel trattare con questo. Infine, vedere il nostro ruolo nei nostri problemi causa qualche riflessione negativa sul passato e quanto tempo abbiamo sprecato nel comportarci come noi.

Nonostante tali resistenze alla visione e alla crescita, i "vantaggi" del rimanere lo stesso sono molto costosi, mentre la libertà e le intuizioni che ci invita possono essere di grande beneficio per noi e quelli con cui interagiamo sono così grandi. Di conseguenza, rispetto alla tirannia dell'abitudine e del guadagno secondario, dobbiamo prendere tutte le misure che possiamo per rendere più realistici i nostri passi verso la conoscenza di sé e la crescita personale-professionale. Quindi, come nel caso del nostro approccio a coloro che potremmo essere chiamati a sostenere o aiutare a crescere, due modi in cui possiamo migliorare la nostra auto-consapevolezza sono aumentando la nostra sensibilità alla nostra difesa e prendendo le azioni che possiamo fare per aggirare le nostre resistenze.

La difesa che usiamo per esportare la colpa dei nostri problemi nella vita è chiamata "proiezioni". Questo stile difensivo si manifesta in molti modi ovvi e tranquilli. Potremmo negare il nostro ruolo negli errori; scusa il nostro comportamento; contestualizzare le nostre azioni; assolverci per ignorare o superare i confini nelle relazioni che non dovremmo; razionalizzare i fallimenti; e generalmente ci rimuoviamo dall'equazione, concentrandoci sul ruolo negativo che altri hanno giocato.

Lo facciamo in parte in reazione alla tendenza generale a esagerare quando cerchiamo di assumerci la responsabilità del nostro ruolo in vari eventi sgradevoli. Invece di cercare di capire quale parte abbiamo interpretato in modo da poter imparare da questo, passiamo dal rimorso a ciò che abbiamo fatto a vergognarci di chi siamo. Con questo movimento dal rimorso alla vergogna, iniziamo a condannarci, a diventare ipercritici del nostro comportamento, eccessivamente perfezionisti, irrealistici nel nostro confronto con gli altri nella vita, e troppo responsabili nei confronti dell'impatto che abbiamo fatto e possiamo avere.

Un approccio migliore è riconoscere e agire sulla necessità di fare un passo indietro rispetto all'evento, cercare di inquadrare la situazione in modo obiettivo, comportandosi quasi come se coinvolgesse qualcun altro e cercando di incuriosire il nostro ruolo. In questo modo, aumentiamo la possibilità di cambiamento. Allo stesso tempo, è più probabile che evitiamo di incolpare eccessivamente gli altri, di condannarci o di scoraggiarci quando i risultati non si verificano immediatamente. Di conseguenza, in uno spirito di consapevolezza e per ridurre ulteriormente la resistenza al cambiamento, ci sono parecchie avvertenze che normalmente offro per aggirare i blocchi alla crescita in me stesso e negli altri. Loro sono:

Tutto ciò che viene scoperto non deve essere cambiato immediatamente;

Nessuna area dovrebbe essere condannata … osservata solo neutralmente come se stesse succedendo a qualcun altro;

Nessuna area dovrebbe essere difesa – nessuno sta criticando o attaccando, solo osservando dove viene speso l'energia;

Le osservazioni, anche le più inquietanti, dovrebbero essere considerate come una meravigliosa miniera di informazioni;

Dopo ogni periodo di osservazione, le aree di interesse dovrebbero essere trascritte in modo da tenere traccia di alcuni dati di scoperta.

Con queste disposizioni in mente, possiamo quindi considerare il seguente principio con un maggiore senso di apertura: dove c'è energia (positiva o negativa) di solito c'è una presa e / o paura. Quando è presente il fumo di una forte reazione, anche il fuoco del desiderio è di solito presente e abbiamo bisogno di sapere di cosa si tratta. Altrimenti, piuttosto che le nostre passioni essendo una buona energia, potrebbero essere il prodotto di allegati non esaminati.

Poi ci tengono in contatto con opinioni e convinzioni che stanno coprendo o distorcendo la verità piuttosto che portarci ad essa. Nel riconoscere e superare le resistenze alla crescita e al cambiamento, siamo in grado di comprendere che la persona più importante nel migliorare la nostra situazione è noi stessi. Come persone, accettiamo questa responsabilità non con uno spirito di autocondanna o di responsabilità, ma con un senso di intrigo sulla possibilità in noi stessi. Possiamo vedere che a volte siamo emotivi e supponenti. Comprendiamo che la cecità come questa avviene a causa della paura e dell'esitazione che possono essere parzialmente radicate nel nostro passato, ma è certamente centrata in un sistema di credenze che è tirannico e spesso sbagliato. Ciò si traduce in uno stile di "parlare di sé" che viene come nostro amico e apparentemente ci sostiene. Ciononostante, alla fine sminuisce la nostra capacità di vedere le cose chiaramente e di avere una solida autostima. Tale chiarezza e autostima devono essere radicate in una sorta di onesta conoscenza di sé che ci permette di vedere con equanimità i nostri talenti e doni così come i nostri margini crescenti.

Il dott. Robert Wicks ha conseguito il dottorato in psicologia presso l'Hahnemann Medical College e l'ospedale di Philadelphia, è nella facoltà della Loyola University nel Maryland e l'autore di BOUNCE: LIVING THE RESILIENT LIFE (Oxford) e un libro sulla mindfulness spirituale intitolato PRAYERFULNESS: RISVEGLIO LA PIENEZZA DELLA VITA (Sorin Books).

Solutions Collecting From Web of "Attacca le tue resistenze ai cambiamenti"