Atrocità nella città di Nizza: un atto di follia clinica?

BBC News riporta che Mohamed Lahouaiej-Bouhlel, che ha ucciso più di 80 persone durante le celebrazioni del giorno della presa della Bastiglia, apparentemente aveva una storia di malattie mentali. La BBC sostiene che è stato brevemente visto da Chamseddine Hamouda, uno psichiatra apparentemente basato nella città tunisina di Sousse, 12 anni fa.

Durante un'intervista con la BBC, lo psichiatra ha spiegato che non pensava che l'atrocità a Nizza dovesse essere attribuita alla malattia mentale.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Quando avvengono tragedie come queste, il tipo di pensiero deformato coinvolto nella trasformazione mentale di un camion o di un aeroplano in un'arma, e deliberatamente nell'uccidere un gran numero di innocenti, spinge il pubblico e i politici a invocare malattie mentali.

Come psichiatri, discutiamo di questo argomento semplicistico, poiché, tra le altre confusioni, serve a stigmatizzare i malati di mente, che di solito non rappresentano alcun danno per nessuno.

Ma sicuramente ci vuole una mente 'malata' per perpetrare tali atti 'malati'?

I singoli individui che commettono atti terroristici senza essere formalmente parte di un'organizzazione sono etichettati come terroristi "solitari". Ma gli estremisti del "lupo solitario" sono psicologicamente diversi da quelli che si uniscono ai gruppi terroristici?

Uno studio recente, pubblicato nel 2015, intitolato "Deadlier negli Stati Uniti? Sui Lupi Solitari, Gruppi Terroristici e Attacco Letale, "ho scoperto che il numero di attacchi di lupo solitario è aumentato ogni decennio dagli anni '70 negli Stati Uniti e anche in altri paesi sviluppati.

La recensione, di Brian Phillips della Divisione di Studi Internazionali, Centro di Ricerca e Insegnamento in Economia, Città del Messico, pubblicata sulla rivista Terrorism and Political Violence, ha rilevato che negli Stati Uniti, tra il 1955 e il 1977, solo il 7% di le vittime del terrorismo furono uccise da lupi solitari, ma tra il 1978 e il 1999, "attori non affiliati" furono responsabili del 26% delle morti per terrorismo nel paese.

Ramón Spaaij, in uno studio intitolato "L'enigma del lupo solitario Terrorismo: una valutazione", pubblicato sulla rivista accademica " Studies in Conflict & Terrorism", rileva che in Europa gli attacchi di lupo solitario sono quadruplicati tra gli anni '70 e gli anni 2000.

Dall'indagine della Victoria University, in Australia, l'indagine di Ramon Spaaij conclude che i terroristi del "lupo solitario" tendono a creare le proprie ideologie che combinano frustrazioni e problemi personali con obiettivi politici, sociali o religiosi più ampi. I terroristi solitari di lupo attingono alle "comunità di credenze" e alle "ideologie di convalida" associate ai movimenti estremisti.

Ramón Spaaij sottolinea che sebbene la maggior parte dei terroristi sia ritenuta psicologicamente entro i limiti della "normalità", il tasso di disturbo psicologico è considerevolmente più alto tra i lupi solitari.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

Tre dei cinque terroristi solitari del lupo che Ramón Spaaij ha studiato in profondità, sono stati diagnosticati con disturbo di personalità, mentre uno è stato diagnosticato con disturbo ossessivo-compulsivo e un altro è stato anche trattato per un disturbo d'ansia. Quattro dei cinque sembravano aver avuto una grave depressione. I terroristi solitari di lupo sembrano relativamente probabilmente soffrire di qualche forma di disturbo psicologico.

La ragione per cui si collegano all'ideologia terrorista è che questi movimenti, secondo Ramón Spaaij, forniscono "ideologie di convalida", quindi svolgono un ruolo importante nel meccanismo psicologico di "esternalizzazione". Ciò implica canalizzare le frustrazioni personali e proiettare la responsabilità di tutti i loro problemi, a qualcun altro, che di solito può essere visto come un nemico.

Identificarsi con lotte politiche o religiose incoraggia la categorizzazione del terrorismo da lupo solitario del mondo in "noi" e "loro", così stereotipando e disumanizzando il nemico. Ciò indebolisce efficacemente le barriere psicologiche contro la violenza.

I terroristi solitari di lupi non solo interiorizzano tale pensiero "bianco e nero", ma possono anche, di conseguenza, ritirarsi fisicamente dalla società principale. Tutti e cinque che Ramón Spaaij ha studiato erano dei solitari.

È possibile che, sempre più spesso, saranno i solitari scontenti senza legami o i legami formali con chiunque, e molto meno le organizzazioni terroristiche, che saranno i perpetratori che riempiranno i nostri schermi televisivi e le nostre pagine di notizie con orrore. Questo è precisamente perché la tradizionale strategia antiterrorismo si concentra sui collegamenti tra le persone.

Nel suo studio, Brian Phillips conclude che in paesi con una forte capacità antiterroristica, le organizzazioni terroristiche affrontano ostacoli crescenti, così i lupi solitari diventano relativamente letali in questi ambienti.

Ma forse, mentre l'attività antiterrorismo aumenta e migliora, così le organizzazioni fanatiche trovano più difficile operare, quindi ne consegue che dovremmo prendere coscienza di un possibile aumento degli incidenti terroristici solitari del lupo in futuro. I servizi di sicurezza non possono infiltrarsi in un lupo solitario né intercettare le comunicazioni con se stessi. È la loro precisa disconnessione che li rende così difficili da bersagliare.

Raj Persaud
Fonte: Raj Persaud

I legami con alcuni disturbi psicologici potrebbero diventare un argomento per migliorare la fornitura di servizi di salute mentale, in quanto ciò potrebbe rappresentare una strategia di prevenzione più produttiva rispetto alla semplice antiterrorismo.

La storia recente sarebbe stata diversa se Mohamed Lahouaiej-Bouhlel si fosse effettivamente impegnato con il trattamento della dottoressa Chamseddine Hamouda?

Brian Phillips cita il procuratore generale degli Stati Uniti Eric Holder, che all'inizio del 2015 ha affermato che il nucleo di Al Qaeda non era più una minaccia sostanziale, ma il potenziale per attacchi di lupo solitario o attacchi di piccole cellule "mi tiene sveglio di notte preoccupandomi. '

Raj Persaud e Peter Bruggen sono editori di podcast per il Royal College of Psychiatrists e ora hanno anche un'applicazione gratuita su iTunes e Google Play Store dal titolo "Raj Persaud in Conversation". Vedi: itunes.apple e play.google. Inoltre, il nuovo romanzo di Raj Persaud è Can not Get You Out Of My Head.

Solutions Collecting From Web of "Atrocità nella città di Nizza: un atto di follia clinica?"