Ateismo per sostituire la religione entro il 2041: i fatti

Questa storia è stata recentemente ripresa dal Guardian Express e dall'International Business Times che ha risposto a una predizione dal mio libro Why Atheism and Replace Religion. Sfortunatamente questi scrittori hanno commesso degli errori. Voglio correggere alcuni di questi errori e chiarire la richiesta effettiva.

Prima la correzione

La scrittrice del Las Vegas Guardian Express, Rebecca Savastio, mi attribuisce falsamente l'affermazione che la religione "sparirà completamente entro il 2041." Quello che faccio è che le persone religiose comprenderanno una minoranza entro quella data, una previsione molto diversa.

Scrivendo per l'International Business Times, Conor Adams Sheets editorializza che "è un bel salto di logica suggerire che l'aumento della sicurezza finanziaria condurrà inesorabilmente a un rifiuto della religione". La sua logica, a quanto pare, è che alcuni "leader del pensiero" hanno espresso un'opinione diversa

Tuttavia, i dati su questo problema non potrebbero essere più chiari. Dato quello che ora sappiamo della relazione predittiva tra sviluppo economico e crescente secolarismo, è perversamente illogico sostenere che "le credenze religiose godranno di una rinascita mentre il mondo continua a svilupparsi". Numerosi studi empirici indicano esattamente la direzione opposta.

Data la forza dei dati, l'affermazione secondo cui le credenze religiose aumenteranno con lo sviluppo economico è tanto logico quanto affermare che anche se oggi le persone di bassa statura pesano meno delle persone alte, magicamente peseranno di più nel prossimo futuro. Le persone alte sono chiaramente più pesanti in media e i paesi sviluppati sono chiaramente più laici oggi. Le stesse correlazioni si manterranno in futuro. Quindi svegliamo i fatti.

Ora il chiarimento

La ricerca ha dimostrato che la religione declina non solo con l'aumento della ricchezza nazionale, ma anche con tutte le misure plausibili della qualità della vita, tra cui la durata della vita, il declino delle malattie infettive, l'educazione, l'aumento dello stato sociale e una distribuzione più equa delle entrate.

Chiaramente, c'è meno di un mercato per la religione nelle società in cui le persone comuni si sentono al sicuro nella loro vita quotidiana. Nei paesi più sviluppati, come il Giappone e la Svezia, la qualità della vita è così buona che la maggioranza è già laica.

Nel mio libro ho chiesto quanto tempo ci sarebbe voluto perché il paese medio del mondo raggiungesse un livello simile di sviluppo di paesi che hanno già maggioranze secolari. Questa transizione è stata misurata sia come minoranza che crede in Dio, sia come minoranza che considera la religione come importante

Il tasso medio di sviluppo economico è stato valutato sia in termini di PIL (corretto per i prezzi locali, PPP) che dell'Indice di sviluppo umano (HDI) che include la sanità e l'istruzione, nonché il PIL.

Così ho calcolato quattro stime di quando il paese medio nel mondo è probabile che passi a una maggioranza secolare e la stima media è 2041. Il metodo HDI più affidabile prevede una transizione precedente rispetto al PIL da solo.

Tutta questa estrapolazione è notoriamente rischiosa, ovviamente, e tutte le scommesse sarebbero spente se il mondo cadesse in una depressione ventennale che al momento non mostra segni di ripresa, già recuperando i livelli di crescita tendenziale dopo la crisi del 2009. Idem per una grande collisione di asteroidi o un catastrofico fallimento dell'ecosistema terrestre.

L'argomento secondo cui le persone religiose riproducono i loro vicini secolari è intrigante, ma alla fine imperfetto perché lo sviluppo riduce la fertilità per tutti, come illustrato dai mormoni americani contemporanei e dall'Irlanda che è neofita e neo-ricca.

La religione scomparirà mai?

Non ho mai sostenuto che la religione sarebbe scomparsa entro il 2041, ma solo che avrebbe perso la sua attuale maggioranza. Attualmente circa tre quarti degli abitanti del mondo sono religiosi nel senso di vedere la religione come importante nelle loro vite.

La mia stima implica un calo inferiore all'1% all'anno per la transizione del 50% allo status di minoranza. A un ritmo simile di declino, occorrerebbe tre volte più tempo perché la religione scenda al di sotto dell'1 percento, ovvero un calo del 75 percento anziché del 25 percento.

Non ho modo di sapere se la religione possa declinare fino a quel punto. D'altra parte, sono molto più fermo nel predire che la popolazione globale passerà al laicismo di maggioranza perché ci sono diversi paesi dal Giappone alla Svezia, dove è già successo.

Solutions Collecting From Web of "Ateismo per sostituire la religione entro il 2041: i fatti"