Assunzione del chirurgo monco

Due dei post più commentati sul mio blog personale riguardano la ricarica dei pazienti per le sessioni perse e il modo in cui le psicoterapie finiscono. (Entrambe sono apparse prima che iniziassi a bloggare / crossposting qui su PT). Poiché non esiste un singolo approccio corretto a nessuno di questi problemi clincali, c'è molto spazio per le pratiche legittimamente da variare e molto spazio per i pazienti, cioè la maggior parte dei miei commentatori, per esprimere le loro simpatie e antipatie. Secondo la mia lettura, molti commentatori ritengono che le politiche di cancellazione e di risoluzione alimentino principalmente i portafogli dei loro terapeuti; tendono a respingere i razionali clinici che non sono il buonsenso. Sono spesso attratto dalla difesa del campo e dai loro terapeuti, e per sottolineare che l'intuizione non viene sempre indolore.

Altre volte, però, sono solo sbalordito (o il termine più in voga, sbalordito). Secondo quanto riferito, un terapeuta inizia regolarmente sessioni di dieci minuti in ritardo e annulla ripetutamente con meno di un giorno di preavviso per le consegne di mobili per la casa e simili. Un altro ha condotto una sessione di terapia "sdraiato mezzo morto sul divano. I suoi occhi erano letteralmente socchiusi – era malata ma non ha chiamato prima del tempo per riprogrammare. "Ancora un altro è scomparso a metà trattamento e in seguito è stato scoperto che stava praticando senza una licenza valida. Un altro psicoterapeuta ha lasciato un messaggio vocale alle 18:00 per cancellare un appuntamento alle 19:00 perché le sue 18:00 sono state cancellate e lei voleva andare a casa. E più recentemente, una paziente ha scritto che il suo terapista ha rivelato la propria diagnosi di disturbo borderline di personalità "con sovrapposizione narcisistica", poi ha continuato a cancellare l'appuntamento settimanale regolare dello scrittore, senza discussione anticipata o avviso, a seguito di un evidente fraintendimento.

È importante considerare che questi rapporti potrebbero essere distorti. Questa è la natura del transfert. Ad esempio, i pazienti mi hanno accusato di "urlare" contro di loro quando chiaramente non avevo; alcuni sono certi che voglio che finiscano il trattamento quando non è vero. È possibile che questi passi terapeutici siano fantasie o esagerazioni della verità. Ma non ho motivo di pensarlo. Il comportamento riportato sembra troppo umano.

Perché i terapeuti – i miei colleghi – si comportano così? Tutti noi abbiamo momentanee interruzioni a causa della fatica o delle crisi personali. Questi sono sfortunati ma solitamente rari e di breve durata. Un buon terapista torna in pista rapidamente, riconosce (e si scusa per) eventuali sentimenti feriti e ripara il danno fatto. A volte un paziente in particolare "spinge i nostri pulsanti", cioè, suscita forti controtransfert e perdiamo la nostra compostezza mentre veniamo travolti nella narrativa del paziente. Idealmente, questi enactment sono anche brevi, che durano solo fino a quando non facciamo un passo indietro e otteniamo una prospettiva. Secondo alcune scuole di psicoterapia, potrebbero anche essere utili. Tuttavia, poiché il controtransfert può essere parzialmente o totalmente inconscio, possono purtroppo andare avanti molto più a lungo dell'ideale. La terapia del terapeuta può mitigare, se non eliminare, queste reazioni.

Oltre a questo, tuttavia, alcuni terapeuti sembrano compromessi . Uno psicoterapeuta che ha poca tolleranza per le emozioni forti, che si impegna abitualmente nelle lotte di potere, che non può sopportare il rifiuto, che è eccessivamente interessato (o altruistico) o che ha grandi bisogni di adorazione o di deferenza – beh, è come assumere un chirurgo con un braccio solo. (Non denigrare i veri chirurghi con un braccio solo là fuori, ma devi ammettere che è uno svantaggio.) Sicuramente nella psicoterapia dinamica tradizionale, e in una certa misura in qualsiasi relazione di aiuto professionale, le nostre personalità e le abilità sociali fanno parte di ciò che offrire. Dobbiamo essere abbastanza sani per "essere lì" per i pazienti e non aggiungere ai loro problemi. Sicuramente è possibile perseguire una carriera come psicoterapeuta anche se si soffre di "disturbo borderline di personalità con sovrapposizione narcisistica". Ma è un handicap significativo, molto simile alle sfide che un chirurgo deve affrontare per sfuggire a un braccio.

Non fraintendermi. Superare tali sfide è coraggioso e nobile. Avrei un grande rispetto per un chirurgo con un braccio solo se ne avessi mai incontrato uno. Ho un simile rispetto per coloro che superano condizioni psichiatriche debilitanti per perseguire i loro sogni. Ma dal punto di vista del paziente, l'idea non è quella di dare una possibilità al perdente. L'idea è di ottenere aiuto. Data la scelta, la maggior parte dei pazienti non opterebbe per un chirurgo con un braccio solo. La maggior parte non opterebbe per uno psicoterapeuta che agisce in modo irregolare o traumatizzante. La differenza è che il danno del chirurgo è ovvio e quello del terapeuta no.

C'è un cliché che i professionisti della salute mentale entrano nel campo per capire se stessi o per trattare con i nostri demoni interiori. Come la maggior parte degli stereotipi, contiene un nucleo di verità. Ciò che è importante è il grado in cui siamo riusciti a ottenere quell'intuizione e conquistare quei demoni. Ciò che è ancora più importante è il modo in cui la nostra personalità influenza i nostri pazienti, per quanto lontano abbiamo viaggiato e qualunque cosa abbiamo superato.

Immagine per gentile concessione di stockimages su FreeDigitalPhotos.net

© 2015 Steven Reidbord MD. Tutti i diritti riservati.

Solutions Collecting From Web of "Assunzione del chirurgo monco"