Assoluta apertura o chiusura mentale: oltre l'ombra di un punto

Qualche settimana fa, nel New Yorker, Jeffrey Tobin ha messo in discussione l'affermazione del giudice Sotomayor che, come giudice, avrebbe mantenuto una "mente aperta". Scrive, "quando si tratta di interpretare la Costituzione, non si può immaginare una qualifica peggiore di una mente aperta. Le questioni sono difficili e profonde e richiedono una vita di studio da padroneggiare, e si spera che i giudici arrivino con le teste piene di idee ferme sul documento che sono accusati di comprensione ".

Certo, c'è una differenza tra una mente aperta e una vuota, e Tobin sembra opporsi di più a quest'ultima. Eppure, come fanno le menti a diventare vuote? Semplificando molto, direi in due modi: non prendendo nulla di nuovo e non trattenendo nulla di nuovo. Il primo è essere assolutamente di mentalità chiusa, il secondo è assolutamente aperto.

Si potrebbe dire che una mente assolutamente chiusa non è vuota. È pieno di cose inalterabili. Direi che una mente chiusa non è realmente una mente più di quanto un computer sia una mente. È una macchina, un insieme di abitudini predeterminate che si svolgono. Menti per cambiamento di definizione. Alcune persone pensano che le menti siano come computer elaborati, ma io vengo da una scuola di pensiero che dice che le menti sono più simili ai programmatori di computer. La loro apertura consente loro di sviluppare nuove abitudini simili a programmi per computer. Quindi una mente chiusa non è davvero una mente.

Dato a cosa si è chiusa la mia mente, la accolgo ogni volta che qualcuno ci ricorda che le menti aperte non sono sempre una buona cosa. Mi ha fatto piacere che Toobin abbia scritto che per una Giustizia della Corte Suprema, difficilmente si può immaginare una "peggiore qualifica" dell'apertura mentale. In effetti, si può immaginare una cattiva qualifica piuttosto che l'apertura mentale: assoluta chiusura mentale, qualcosa di cui alcuni di noi si sono preoccupati con alcuni dei più dogmatici giudici di corte suprema.

È un atto di equilibrio. Dobbiamo vivere tra i due estremi di assoluta apertura e chiusura catturati bene dalla linea, "Mi piace mantenere una mente aperta ma non voglio che il mio cervello si sparga fuori".

Questo atto di bilanciamento è ben rappresentato dal simbolo yin yang, con le sue aree bianche e nere in equilibrio. Molte persone pensano che il bianco e il nero rappresentino il bene e il male. Non lo fanno. Rappresentano lo yin, o aperto e yang, o chiusura mentale, ricettività e assertività, non giudicante e giudicante, sciolto e fermo. La linea di contatto roteato tra il bianco e il nero simboleggia il modo in cui lo yin e lo yang si intrecciano e quindi dipendono l'uno dall'altro. L'implicazione è che dare e avere l'apertura e la chiusura è ciò che fa girare il mondo.

Ma come ho già scritto altrove, lo yin e lo yang non sono le uniche categorie. C'è un terzo, che può essere chiamato assoluto yin o yang. Ieri uno studente ha suggerito un nuovo modo di pensare alla relazione tra le due categorie del Tao e questa terza categoria di assoluta apertura, o assoluta chiusura mentale.

Il punto nero nella regione bianca e il punto bianco nella regione nera simboleggiano i modi in cui yin contiene un po 'di yang e yang contiene un po' di yin. Lo studente ha sottolineato che rimuovendo i punti da entrambe le regioni si finisce con l'assolutismo. Essere aperti al 100% o chiusi al 100% significa essere completamente impenetrabilmente immutabili. Sii assertivo al 100% e diventi senza testa (incurante?) Perché non prenderai nulla. Sii ricettivo al 100% e diventi vuoto perché non tieni nulla dentro.

Quindi yin e yang:

E assolutamente testardo:

Devo sembrare un simbolista qui, a giocare a giochi filosofici con le forme. A mia difesa, dirò che nella scienza non ci sono vincoli su dove si possa trarre ispirazione, possono provenire da sogni, commenti degli studenti, aforismi, psicologia popolare ovunque. No, non è una ricerca psicologica, ma potrebbe essere praticamente e persino clinicamente utile.

Non pretendo di aver dimostrato nulla di scientifico sui punti, ma collegherò questa idea ad alcune idee correnti nella teoria della complessità e nella scienza cognitiva.

I teorici della complessità parlano di vita vissuta ai margini del caos, o si potrebbe dire al confine tra caos e ordine. Il caos all'estremo rappresenta una libertà per tutti, qualsiasi cosa, una ricettività totale, come lasciare la mente talmente aperta da far uscire il cervello. Non sei mobile proprio perché niente si attacca. Sei così aperto che non ti accontenti mai. Non impari mai. Faresti una terribile Giustizia della Corte Suprema.

L'ordine all'estremo rappresenta la chiusura assoluta, una certa sicurezza formulaica. Non sei mobile perché non fai entrare niente. Non impari mai. Faresti una terribile Giustizia della Corte Suprema. La teoria della complessità suggerisce che senza l'equilibrio non c'è vita.

Ci sono voluti anni, ma alla fine gli scienziati cognitivi, i ricercatori che hanno esplorato l'ipotesi che una mente sia solo un computer molto complesso, hanno iniziato a rendersi conto che non può essere. I computer sono puramente ordinati. I computer da soli sono completamente "di mentalità chiusa". Pensa a quello che sono costruiti per fare. Funzionano bene solo quando funzionano in modo assolutamente affidabile e formulato, chiuso a tutte le influenze estranee ma l'input delle variabili elaborate dai loro algoritmi. Se le menti fossero computer allora

Solutions Collecting From Web of "Assoluta apertura o chiusura mentale: oltre l'ombra di un punto"