Asperity Parity: come argomentare con forza ma con equità

William James definì la filosofia come "un tentativo particolarmente tenace di pensare con chiarezza". Penso che Aristotele ne abbia dato il tono. Ascoltò rispettosamente il suo insegnante, Platone per 21 anni, e poi si sentì perfettamente autorizzato a scrivere argomenti contro il suo insegnante. Ascoltare bene, liberi di non essere d'accordo: questa è la chiave per testardi tentativi di pensare chiaramente.

Un altro filosofo, David Hume, ha dichiarato: "La verità scaturisce dalle discussioni tra amici". Ho amici così, alcuni più di altri. Con i miei amici più polemici, i dibattiti diventano feroci ma l'amore tra noi non si sente mai a rischio. Condividiamo le ipotesi di base e partiamo da esse, spesso in modo rancoroso. Combattiamo equamente con gli standard che abbiamo in comune. Abbiamo compatibilità nel modo in cui negoziamo le incompatibilità.

Una compatibilità importante è la tenacia in modo tale da non escludere irrispettosamente ogni volta che le nostre teorie preferite vengono minacciate. Potremmo dire "Facciamo una pausa" o "Ci penserò un po '", ma non usiamo le strategie di uscita di cheater.

Alcune persone sono pronte a piangere zio, e fallo nello stesso respiro ogni volta che si sentono a disagio nel dibattito. Ti fanno sapere che vogliono una tregua, ma fai un ultimo colpo, attaccando il tuo personaggio. Non dicono solo "Ho finito", dicono "Ho finito perché sei un bullo".

Questo non sarebbe un attacco credibile se non fosse che a volte le persone sono dei bulli. Ho appena notato che alcune persone sembrano inclinarsi in questo approccio come una stampella, che è di per sé una forma di bullismo. Sono più bravi a distribuirlo che a prenderlo, affermando quando vogliono, ma se contrattaccano, attaccheranno abitualmente non la tua teoria ma il tuo personaggio, dicendo qualcosa come "Sei solo un prepotente che cerca di vincere." non c'è modo migliore di vincere che dire al tuo avversario che vuole solo vincere. Cosa può dire in risposta? "No I do not" sembra confermare le prove che sta solo cercando di vincere. Chiamerò tali accuse "Tar Babies" in quanto più resisterai e più ti si attaccheranno.

O forse queste persone che scelgono velocemente meritano più credito di quello. Si sentono sopra le loro teste, senza appetito né attitudine per un tentativo particolarmente testardo di pensare chiaramente.

Quasi tutti i dialoghi di Platone finiscono con qualcuno che picchietta in conversazione con Socrate. Chi ha tempo per un tentativo particolarmente testardo di pensare chiaramente? O stomaco Molte persone per temperamento o gusto semplicemente non amano le argomentazioni, anche se tutto quel calore a volte può produrre una luce veritiera.

A volte sono accusato di essere un bullo, un saputello che insiste nel dire che ha ragione. Alcuni amici dicono che pensavano che fossi un bullo prima di conoscermi. Poi hanno deciso di discutere le mie posizioni con fermezza ma in modo equo. Quando trovi un difetto nelle mie posizioni, sono abbastanza veloce da ammettere il punto. Hanno pensato che volevo avere ragione, ma ho notato che mi sembra che voglia davvero farlo bene. Confidano che io sia un gioco per quel tentativo particolarmente testardo di pensare chiaramente.

A volte voglio solo avere ragione. Ammettendo questo, e riconoscendo che è noioso trattare con qualcuno che vuole solo avere ragione, impongo ogni sorta di restrizioni che impediscono il mio accesso a quegli economici approcci "no tag back" all'argomentazione. Anche i miei migliori amici polemici lo fanno. Non tirano il grado o attaccano il personaggio. Si attaccano al contenuto e lo possiedono quando sbagliano o quando vogliono una pausa, piangendo zio senza piangere.

La mia conversazione preferita ha una gamma, un sacco di spazio per la discussione e un sacco di lubrificazione per mantenere l'amore tra di noi solido. Cerco di non dire "No, ti sbagli!" Anche quando lo sento, ma piuttosto "Non sono d'accordo" o "Non mi sembra giusto per me", qualcosa che ci ricorda sia che nessuno di noi è il giudice finale su ciò che è giusto e ciò che è sbagliato.

Con alcuni amici, il lubrificante non si presenta solo come una tentazione, ma anche una buona dose di irriverenza nei nostri confronti. Di recente, in un litigio con uno di questi amici, sono stato in grado di far esplodere "Quella è una cazzata" senza offenderlo, e pochi minuti dopo dico "Ed ecco dove non sono d'accordo con me stesso", esponendo un difetto nella mia posizione. L'argomento era vivace e produttivo e i nostri cuori si sentivano al sicuro per tutto il tempo. Qualcuno più tenero ad ascoltare avrebbe potuto pensare di chiamare la polizia, eravamo così vigorosi, ma non abbiamo mai perso di vista l'amore, lui e io.

Asperità significa ruvidità e ultimamente ho notato che le conversazioni con amici diversi richiedono gradi diversi di asperità. Con gli amici più teneri devo attenuare la ruvidità, lubrificare le mie asserzioni con molta tentazione altrimenti penseranno che sono fuori per dimostrarmi infallibile.

Con altri amici irriducibili, una simile tentazione mi sottovalutava. Sono sfacciati e chiacchieroni con le loro mosse, "No, ti sbagli," e se voglio ottenere la mia opinione sentita devo corrispondere alle loro asprezze.

Durante la conversazione non ci limitiamo a far combaciare l'intelligenza, ma si adatta. Se non li sta lanciando, anche io non vado meglio. Se lo è, lo dovrei fare anch'io. E nessuno dei due ha lanciato sballate convulsioni, solo gli attacchi di un'affermazione feroce, dicendo ciò che pensiamo davvero, ancora aperto all'essere discusso dalle nostre posizioni. Mi piacciono le conversazioni in cui siamo liberi di farlo, ma se necessario lo applico. Cerco l' uguaglianza di parità – uguaglianza nel modo in cui parliamo. Se non stanno parlando in modo approssimativo nemmeno io. È come se alla fine i bambini imparassero per tentativi ed errori quanto possano essere duri con l'altro, senza opprimenti o essere sopraffatti.

Ciò che è in gioco è impedire che l'argomento diventi quello che io chiamo un Concorso dell'infallibilità: una gara a più livelli, vincente, tutto-o-niente, su cui uno di noi ha una credibilità totale e nessuno ne ha. Probabilmente sei stato lì, almeno quando eri un bambino litigioso. Mancando di abilità sociali, i bambini cadono continuamente in contesti di infallibilità:

"Sei stupido. Il verde Mighty Morphin Power Ranger si chiama "Tommy Oliver". Non sai niente.

"No, sei stupido. Pensavi che Disneyland fosse a Los Angeles. "

O forse hai vissuto un concorso di infallibilità solo la settimana scorsa, o durante la stagione politica dell'anno scorso. Si presentano spesso, anche tra gli adulti.

A volte i contest di infallibilità sono perpetrati da qualche prepotente che pensa davvero di essere infallibile. Ma loro non richiedono un perpetratore. I concorsi di infallibilità capita al meglio di noi. Non ci vuole molto per innescare uno, solo un gesto involontariamente minaccioso, un colpo spinto dal budello non controllato, un "no" o uno sguardo di esasperazione, tutto ciò che sembra abbastanza approssimativo al tuo partner di conversazione che sente la sua reputazione a palo. Prima che tu lo sappia, una conversazione perfettamente ragionevole tra persone perfettamente ragionevoli si è trasformata in una, con entrambe le parti in cerca di difetti nei reciproci argomenti che provano che il loro avversario non sa nulla.

I concorsi di infallibilità sono una totale perdita di tempo, nessuna delle parti ascolta poiché nessuno dei due può permetterselo, e entrambe le parti insistono sul fatto che abbiano ragione.

Quindi perché non essere solo gentile, tenero e incerto tutto il tempo? Perché dall'altra parte del continuum dei contest di infallibilità c'è un'altra totale perdita di tempo, le conversazioni così blande da non generare mai molta verità. Va bene per le funzioni aziendali e riunioni di famiglia mirate a soddisfare la bisnonna al suo 90 °. Ma non vorrai una dieta costante e insipida.

Insegno all'università e a volte sembra che l'obiettivo di quel gioco sia rendere gli studenti insipidi e infallibili. Non vogliono criticarsi a vicenda e hanno paura di sbagliare su qualsiasi cosa. Volevo rovinare questa tendenza e questa settimana ho trovato un gioco utile. Non li metto in discussione l'uno con l'altro ma con se stessi. Prestazione chiedendo, lo chiamo. Devono stare di fronte alla classe e discutere i pro e i contro su qualche domanda per cinque minuti. L'oggetto di quel gioco è di parlare con forza ma in modo uniforme su due risposte a una domanda, e di finire senza una conclusione.

Dopo la sua fine, lo spettatore chiude i suoi occhi e ottengo una dimostrazione di mani dal resto degli studenti sul fatto che lo spettatore abbia mostrato un pregiudizio verso una risposta o l'altra. Sembra che agli studenti piaccia molto. E mi piace perché dimostra loro che hanno qualcosa da dire anche quando non hanno le risposte. Non devi essere un saputello per parlare pubblicamente.

Interessante osservare le loro strategie in questo gioco. È una lezione di retorica e alcuni studenti fanno il tutto per tutto, creando casi davvero forti in direzioni opposte. Tirano fuori tutti i trucchi retorici che ho insegnato, e fanno affermazioni assolute ferme su un lato e poi ruotano di 180 gradi verso una ferma asserzione assoluta sull'altro lato. Lasciano volare la loro asperità, ma in due direzioni opposte. Internamente hanno parità di asperità, ma sbalzo a sbalzo su entrambi i lati.

Gli altri studenti rimangono più nel mezzo. Niente di troppo retorico, solo ragioni gentili su due lati della questione. Internamente, hanno anche parità di asperità.

Sto discutendo qui sia per la gamma di asperità che per la parità di asperità. Come qualcuno impegnato in quel tentativo particolarmente testardo di pensare chiaramente, voglio essere in grado di uscire oscillante, in discussioni tra amici, quindi è parte della mia gamma. Come qualcuno che vuole degli amici, alcuni dei quali non vogliono discutere, ho bisogno che la gamma torni anche, parlando in modo più dolce e incerto. E, amico per amico, cerco di sintonizzare il mio grado di asperità con il loro ', ascoltando ma libero di non essere d'accordo, in disaccordo solo con la ruvida brutalità che l'amico può tollerare senza innescare una gara di infallibilità.

Solutions Collecting From Web of "Asperity Parity: come argomentare con forza ma con equità"