Ascolto non reattivo

Jules e Sue entrarono nel consulto matrimoniale senza sapere perché c'era così tanto dolore e sofferenza nella loro relazione. Dopo aver ascoltato ognuno di loro descrivono la loro situazione, tuttavia, divenne abbastanza ovvio qual era il problema. Nessuno di loro poteva dire nulla sull'altro senza che le loro dichiarazioni fossero meritevoli di giudizi aspri e critiche negative. Erano entrambi cresciuti in famiglie in cui tale comunicazione veniva praticata su base continua e nessuno dei due aveva alcuna idea che fosse persino possibile rispondere a parole offensive o di condanna con qualcosa di diverso dal contrattacco o dalla difensiva. Non avevano idea di quanto fosse dannosa questa forma di comunicazione per i loro sentimenti di fiducia e rispetto reciproco, e non erano a conoscenza di risposte alternative a quelle che avevano esercitato. Quasi ogni conversazione, che riguardasse una scelta di ristorante o una possibile vacanza, si deteriorava inevitabilmente in una frenesia di nomenclature e giudizi che li lasciava entrambi feriti e risentiti.

I cicli distruttivi di questa natura portano inevitabilmente a una sofferenza prolungata e spesso al divorzio se il modello non viene interrotto. La costante usura del tessuto della relazione erode la buona volontà che una volta era presente nella relazione e minaccia non solo l'integrità della relazione, ma anche la salute e il benessere di entrambi i partner. Lo stress che ognuno di loro sperimenta non è solo emotivamente dannoso per ciascuno di essi, ma anche fisicamente dannoso. Non è un'esagerazione descrivere i partecipanti a tali interazioni continue come vittime del DPTS (disturbo da stress post-traumatico). Sono comunque, ognuno dei responsabili e delle vittime in questo ciclo e continueranno a esserlo fino a quando non si assumeranno la responsabilità di interrompere la propria reattività piuttosto che concentrarsi su ciò che il loro partner sta facendo per farli sentire sulla difensiva.

Come chiunque abbia mai provato a fare questo sa, questo è molto più facile a dirsi che a farsi. Quando ci sentiamo attaccati o biasimati per qualcosa, l'impulso a reagire può sembrare irresistibilmente irresistibile, persino impossibile da resistere, ma è esattamente ciò che siamo sfidati a fare in questi casi. Resistere alla tentazione di contrattaccare non significa rinunciare o essere sconfitti, o accettare la colpa o la colpa per una situazione, o accettare che l'altra persona abbia ragione e che tu stia sbagliando, o la maggior parte delle altre cose che sembra che stiamo ammettendo. Significa semplicemente che non stiamo tentando di costringere, manipolare o punire il nostro partner per averci fatto sentire feriti, arrabbiati o minacciati. Non contrattaccare non equivale ad ammettere di aver torto. Significa che sei più impegnato a migliorare la fiducia e il rispetto nella relazione di quanto tu stia facendo nel modo giusto o punitivo. Tuttavia, richiede molto più forza e coraggio per gestire la nostra tendenza alla reattività quando ci sentiamo offesi o feriti, piuttosto che soddisfare il nostro desiderio di difesa e contrattacco. Mentre alla fine ne occorrono due per ripristinare di nuovo una relazione interrotta con l'interezza, basta uno per terminare il ciclo distruttivo di attacco / difesa / contrattacco. Quando si può incarnare un'autentica onestà e vulnerabilità di fronte all'ostilità, diventa sempre più difficile per l'altro continuare a relazionarsi come avversario. La difensività rinforza l'impulso di continuare ad attaccare. La vulnerabilità raffredda gli impulsi aggressivi. Ma non sempre, e non necessariamente immediatamente, che è il motivo per cui si sente come un rischio di abbandonare strategie protettive di fronte a una minaccia, e perché ci vuole più coraggio per farlo che per combattere.

Eppure è possibile per chiunque abbia una chiara intenzione di compiere passi in questa direzione, indipendentemente da quanto possa essere rotto il rapporto in un dato momento. Richiede la volontà di notare e di resistere all'impulso di trattenere le parole arrabbiate che vogliono volare fuori dalla nostra bocca in risposta a un insulto e di prendersi un momento per fermarsi e controllare se c'è davvero qualcosa da dire, e se lo fa, per formarlo in comunicazione costruttiva in contrapposizione a "critica costruttiva".

L'ascolto non reattivo richiede un alto grado di autocontrollo. La buona notizia è che con la pratica (e le relazioni in genere offrono molte opportunità) la nostra capacità di sviluppo in quest'area può espandersi notevolmente. Anche dopo che un giudizio è stato cancellato, l'ascolto non reattivo può impedire che la situazione peggiori ulteriormente. Anche quando prendono colpi, possiamo deporre fiori. Ad esempio, piuttosto che sostenere che NON sei un cattivo genitore, puoi riconoscere che l'altra persona ha dei dubbi sul tuo stile genitoriale e che sei aperto a sentirli, ma solo se possono essere dichiarati in un modo che non condanna personalmente .

Quando una forte emozione si attiva in noi in risposta alle parole o alle azioni di qualcuno, la nostra reazione rappresenta un tentativo di mitigare gli aspetti scomodi del sentimento. Ad esempio, quando qualcuno dice "È un'idea ridicola" o "è stupido", è probabile che ci sentiamo feriti o invalidati. Riconoscere ciò che sentiamo non è facile, ma di solito produce risultati molto diversi rispetto al contropiede.

Sia Jules che Sue tendevano ad essere molto giudiziosi e nessuno di loro era particolarmente abile nel parlare dalla propria esperienza e la loro attenzione tendeva ad essere sull'altra persona. Di conseguenza, i giudizi, le opinioni e le valutazioni sono stati fatti senza che ci fosse una reale comprensione di ciò che l'altra persona stava provando, quindi non c'è una vera connessione.

Non c'è niente di sbagliato nell'esprimere opinioni. Lo facciamo sempre e spesso ciò può portare a discussioni provocatorie e interessanti. Ma a volte, quando l'opinione riguarda l'altra persona, piuttosto che il contenuto di ciò che hanno detto, è più probabile che una o entrambe le persone si sentano incomprese, criticate, criticate, non apprezzate, giudicate, rimproverate e vergognose. Quando questi sentimenti sono presenti, l'impulso alla reattività è forte.

Il contrattacco può farci sentire meno vulnerabili e più protetti. Nel contrattaccare mettiamo in guardia l'altra persona che non intendiamo permettere che ci minacciano. Non è facile ignorare questa tendenza al cablaggio, che solleva la vera domanda. "Perché dovrei rivolgere l'altra guancia quando mi sento biasimato, criticato o attaccato? Perché non dovrei reagire mettendo l'altra persona al loro posto? Che tipo di persona si permetterebbe di essere attaccata senza tentare di difendersi? "

Queste sono domande molto importanti che ognuno di noi deve prendere in considerazione. Nella scelta di ciò che consideriamo una risposta efficace al sentirsi attaccati, in realtà si riduce a ciò che la nostra intenzione è in materia. Se è nostra intenzione creare un ambiente più sicuro, più rispettoso e fiducioso all'interno della nostra relazione, resistere alla tentazione di contrattaccare è la cosa più intelligente che possiamo fare.

Le sentenze, le opinioni non richieste, i consigli, le critiche, le biasimo, le contestazioni, i nomi e altri tipi di violenza verbale sono tutte forme di aggressione. Quando incontriamo l'aggressività con l'aggressività, c'è un'intensificazione e amplificazione dei sentimenti di paura e rabbia. Quando ciò accade, entrambi ci sentiamo più minacciati, meno sicuri e meno sicuri.

Molti di noi capiscono che combattere la violenza con la violenza crea solo più sofferenza. Il problema per molti di noi non è che non vogliamo rompere questi cicli viziosi, è che non ci sentiamo in grado di farlo. Quando percepiamo di essere minacciati, è facile sentire che l'unica alternativa alla reattività è la passività. Di conseguenza, non sorprende che molti di noi scelgano la reattività rispetto alla passività. La passività è uno stato di inerzia e inazione di fronte al pericolo. È una strategia per affrontare un sentimento sottostante di impotenza. In alternativa alla dicotomia aggressività / passività, possiamo assumere una posizione attiva, ma non aggressiva, per affermare la nostra verità nel momento.

Per fare ciò, dobbiamo sapere qual è la nostra verità. Per saperlo, dobbiamo dirigere la nostra attenzione verso noi stessi e reindirizzare la nostra attenzione dall'altra persona. È importante fare la distinzione tra l'esperienza sentita nel corpo, piuttosto che solo i pensieri nella mente.

Questo non è facile di fronte alle forti emozioni. Quando l'altra persona si presenta a noi come una minaccia, li percepiamo come il nemico. Se distogli gli occhi dall'altra persona per un solo secondo, può sfruttare quella momentanea perdita della tua attenzione. Se abbiamo a che fare con un vero nemico che rappresenta una vera minaccia, allora potrebbe essere molto appropriato mantenere questo focus esterno, finché non ci sentiamo abbastanza sicuri da essere più vulnerabili con loro. Questo non significa che dovremmo essere vulnerabili con tutti. Se facciamo la valutazione che l'intenzione principale di qualcuno è di causare danni o sfruttare la nostra vulnerabilità per servire la propria agenda, l'apertura in una situazione del genere sarebbe inappropriata, persino folle.

Nel reindirizzare la consapevolezza dagli altri alla nostra esperienza, possiamo verificare quali emozioni proviamo, notare il nostro stato emotivo, notare quanto è profondo o rapido il nostro respiro, la frequenza cardiaca, la temperatura corporea, il freddo o la sudorazione, ecc. possiamo farlo anche mentre siamo impegnati nel dialogo, controllando periodicamente per monitorare la nostra esperienza. Quando le emozioni sono alte, tuttavia, questo tipo di check-in potrebbe non essere possibile. In questi casi, può essere utile prendere un breve "time out" o "mini-break". In genere ciò può essere realizzato in pochi minuti.

Possiamo informare il nostro partner delle nostre intenzioni. "Ho bisogno di qualche minuto per pensarci. "Sto facendo una breve pausa, ma tornerò" o "Sono così sconvolto proprio ora che non riesco a sentire quello che stai dicendo" o "Ho bisogno di una pausa per calmarmi". tutti questi esempi, poiché chi parla si assume la responsabilità della propria esperienza e non incolpando chi parla, è molto più probabile che queste affermazioni siano accolte con l'accettazione piuttosto che con l'attacco continuato.

Cancellare lo spazio per noi per connetterci alla nostra esperienza è la cosa più preziosa ed efficace che possiamo fare nel mezzo di uno scambio di forti emozioni. E parlare dei nostri sentimenti e dei nostri bisogni nello spirito di buona volontà è ciò che consente la connessione che ci convince che siamo nella stessa squadra, uniti nel nostro impegno per gestire le sfide che si presentano nella relazione. Quando entrambi possiamo incontrarci alla presenza di questa consapevolezza condivisa, l'intensità dei nostri sentimenti non diminuisce, ma le nostre emozioni si trasformano dalla paura all'amore, dal dolore alla gratitudine e dalla separazione alla connessione. Questo è, ovviamente, molto più facile a dirsi che a farsi. Gli schemi difensivi non si dissolvono durante la notte, ma con la pratica possono essere messi al loro posto. Non è facile, ma i profitti valgono lo sforzo. Ne vale la pena.

Solutions Collecting From Web of "Ascolto non reattivo"