Ascoltare è un ministero e una disciplina

Come psicoterapeuta mi considero un ascoltatore professionista. Ascoltare è un ministero. Sembra essere passivo quindi molte persone non percepiscono l'atto dell'ascolto come "fare" per un'altra persona. Ma quando ascolto, molto più è coinvolto delle mie orecchie. Ascoltare veramente è coinvolgere le mie orecchie, i miei occhi, il mio cuore e la mia intuizione. È di aprire così pienamente ad un'altra persona da portare la loro storia dentro di me e condividerla ad ogni livello.

Leggiamo per sapere che non siamo soli, a credere che ci sia qualcun altro là fuori che condivide un sentimento o un'esperienza simile. Vediamo un terapeuta o un consulente in modo che possano sentirci, riconoscere la nostra storia, sedersi con noi nel nostro dolore e riflettere su di noi che i nostri sentimenti sono reali e che non siamo pazzi. Uno non ha bisogno di capire un'altra persona; ciò di cui abbiamo fame è da vedere, ascoltare e accettare. Desideriamo ardentemente sentirci trattenuti, e ascoltare è forse il miglior veicolo per quell'azienda.

Quando ascolto profondamente un altro, è come se tutti i miei sensi e la mia attenzione circondassero e trattenessero loro e la loro storia. Ascoltare è l'arte di ascoltare e sperimentare ciò che il mondo assomiglia alla persona che parla. È una resa delle mie supposizioni, pregiudizi ed esperienze per sapere come deve essere quell'altra persona.

Ascoltare con il cuore non ti chiede di farlo "bene", ma solo di farlo con attenzione e intenzione. Se l'ascolto è genuino, la guarigione ha luogo. L'ascoltatore detiene l'energia di idee, confusione, gioia, dolore o domande finché l'oratore non si sente sicuro e ascoltato. L'ascoltatore riconosce il mondo dell'oratore. La guarigione che avviene è il riconoscimento e il riconoscimento personale di se stessi. È come se un mantra calmante echeggi nelle stanze del loro cuore, "Sono visto, sono conosciuto". L'ascoltatore in realtà non guarisce, ma l'atto di ascolto genuino apre l'oratore al proprio potenziale di guarigione. Essere ascoltati, visti e conosciuti significa guarire le disconnessioni spirituali, i disagi fisici e le confusioni intellettuali.

Quindi ascoltare è un ministero, un atto di trattenere un altro e riconoscere la propria storia come vera e sacra. L'ascolto è anche una disciplina. Uso la posizione del discepolo che non mi chiede più di ricordare chi sono, da dove vengo e cosa rappresento. Sono un riflesso dello Spirito; Sono connesso a tutti gli esseri senzienti; Sono qui per amare Ricordando questo, è un compito semplice riflettere l'amore e lasciare che l'immagine di un grande ascoltatore si lavi su di me. So che sto ascoltando e modellando la disciplina quando provo quello che chiamo effetto alone. È un fenomeno visivo che mi è capitato spesso, e ora sono fiducioso e non spaventato dall'intenso livello di intimità che provo quando sono connesso con un'altra persona e circondato da questo alone di unione. È un senso che i confini energetici e la separazione che prima avevano circondato il mio corpo fisico si sono espansi per includere l'energia della persona a cui sto ascoltando. In quel momento di ascolto profondo, vedo una bellissima aura dorata che avvolge entrambi. È uno scintillante anello di luce intorno a noi due che mi fa sentire che non siamo più esseri separati, ma connessi ad ogni livello. Lo spazio al di fuori dell'aureola appare come una sfocatura, accentuando ulteriormente la mia attenzione sull'altra persona. Forse è la perdita di attenzione sul mio corpo e i suoi piccoli disagi o fastidi che spesso intralciano il modo di essere pienamente presenti con un'altra persona. Ho smesso di chiedermi "come sembro?" O "ho lattuga tra i denti?" Ho smesso di dare spazio a quelle distrazioni che mi portano a concentrarmi su un'altra persona. Le chiacchiere nella mia mente cessano ei miei sensi sono più acuti, più acuti, come se il mio corpo fosse al tempo stesso un grande orecchio, un grande occhio, un radar altamente intuito dell'intuizione.

Questo fenomeno è un tipo di coscienza legata allo stato perché dopo aver lasciato questo "luogo" e questo modo di essere è comune che non sono in grado di ricordare i dettagli di ciò che è stato detto, solo che è stato condiviso e ricevuto in profondità livello. L'altra persona è stata vista, ascoltata e riconosciuta a livello di anima. È simile al risveglio da uno stato di sogno profondo, incapace di ricordare i dettagli del sogno, ma sapendo che qualcosa di importante è accaduto mentre tu dormivi. Se riesci a liberarti dalla lotta del ricordo, puoi avere fiducia che si è verificato un livello di guarigione, ed entrambi siete stati toccati a un livello profondo e profondo.

Ascoltare è una pratica mistica. Ascoltare è una preghiera. Come ascoltatore devo essere fermo, sereno e accettante. Quando sono fermo e ricettivo nell'atto di ascoltare, è quello di permettere che l'oratore si veda chiaramente riflesso in un lago immobile. L'acqua ferma riflette esattamente l'immagine presentata. Se ci sono increspature dalla reazione o difensiva dell'ascoltatore, l'immagine sarebbe distorta e contorta. Se c'è qualcosa di meno che la piena attenzione, la reazione dell'ascoltatore ha creato la propria agitazione sovrapposta al materiale dell'anima originale, e questo è un disservizio per chi parla. L'ascolto reale è quello che è ancora il lago, che riflette l'originale. Richiede una fede nell'altra persona, credendo che ci sia una divinità e una ricchezza di risorse all'interno di quella persona. Non hanno bisogno di essere riparati o corretti o educati. Il dono che è richiesto è ascoltare. Nella calma profonda dell'atto di ascoltare, la gente mi dice che si sentono guariti.

Ho avuto l'onore di stare con una donna che muore di leucemia, il cui trapianto di midollo osseo non ha avuto successo. Più doloroso delle settimane trascorse nell'unità di isolamento, perdendo i capelli, e il trapianto era la sua disperata lotta per essere amato dalla sua famiglia distrutta. Nel corso della sua breve vita è stata abbandonata da una madre alcolizzata, abusata da un padre arrabbiato e umiliata dai nonni. Nei suoi ultimi mesi, sapendo che il trapianto non ha avuto successo e la leucemia ha continuato a nutrirsi del suo corpo, ha combattuto la sua più dura battaglia per fare pace con i suoi genitori e chiedere ciò di cui aveva bisogno.

Il padre di Carla ha risposto viaggiando al Cancer Center per stare con lei per il suo trapianto. Ma, disse, era solo con lei fisicamente, e sentiva il vecchio pungiglione della separazione e dell'alienazione dall'uomo dal quale voleva maggiormente provare amore. E a poco a poco, la sua determinazione e la sua lotta si scontrarono con rabbia e risentimento. Sembrava una rossa fiamma di rabbia, e il tono della voce sibilava come un serpente attorcigliato. Il personale infermieristico la affrontò, la evitò e mi disse che si sentivano svuotati. Carla mi ha detto che voleva raggomitolarsi e morire. Si sentiva come una vecchia prugna senza alcun succo rimasto.

Tra le sue parole, ho sentito il suo dolore, la sua frustrazione e il suo desiderio. Aveva lavorato così ferocemente per accrescere la speranza e condividere l'amore, ma ora credeva di aver usato tutto questo. Tutto ciò che restava era la rabbia e divorava ogni energia rimasta.

Ho teso le mie mani a coppa e le ho chiesto se mi avrebbe permesso di mantenere la sua speranza e il suo amore per lei in un posto sicuro. "Lo terrò in una camera del mio cuore, sotto chiave e lucchetto", le dissi. Io custodivo e nutrivo quelle energie, e lei poteva avere la speranza e l'amore indietro ogni volta che si sentiva ancora abbastanza forte da portarla lei stessa. Era suo e io stavo semplicemente trattenendo il suo potenziale di guarigione, perché avevo fiducia in Carla e nelle sue risorse. Aveva bisogno di un guardiano per la sua lotta; aveva bisogno di uno specchio esterno per ricordarle che una volta aveva sperimentato l'amore e la guarigione, e poteva di nuovo. Aveva bisogno del permesso per il suo sentimento di delusione; una volta convalidato, la sua delusione era solo una parte del quadro piuttosto che un palcoscenico centrale. E Carla aveva bisogno di un modo e di un luogo per permettere all'energia della rabbia e del risentimento di spendere se stessa senza aggiungere al proprio o all'altro malessere. Carla aveva bisogno di tempo per ricordare chi era e cosa rappresentava.

È stato un semplice atto di presa che ho eseguito. A volte è solo una parte di noi stessi che deve essere tenuta, cullata, confortata, protetta. Nel caso di Carla, era il suo Sé sano, pieno di speranza e amorevole che aveva bisogno di uno spazio sicuro. Ho creato un'immagine visiva mettendo le mani a coppa, mostrando a Carla dove poteva porre la sua speranza e il suo amore, come un bambino ferito nelle braccia di un custode.

Alcune settimane dopo, Carla mi disse che sentiva di aver fatto pace e che si sentiva abbastanza forte da riprendersi la sua speranza e il suo amore. Mi disse che le avevo mostrato un modo per accettare tutte le parti di se stessa, perché ero disposto ad ascoltare, accettare lei e tutti i suoi sentimenti, e darle il tempo di stare con la sua rabbia. Non sentiva che avrebbe potuto assistere a quel lavoro se fosse stata vergogna, giudicata o negata.

Carla morì poco dopo. Quando penso a Carla ora, ricordo un'istantanea del tempo mentre tenevo le mie mani a coppa verso di lei e lei metteva entrambe le mani nelle mie. Quel momento fu un atto di fede nei suoi poteri di risoluzione e guarigione, e nella mia capacità di coltivare e salvaguardare una parte preziosa di lei. E nell'istante successivo ricordo il momento in cui ha chiesto la sua speranza e il suo amore, e il coraggio che deve aver creduto nella possibilità di pace. Quella pace era anche la sua guarigione.

Solutions Collecting From Web of "Ascoltare è un ministero e una disciplina"