Ascoltando la tua voce interiore

Un paziente che occupava una posizione dirigenziale di livello superiore nella sua azienda una volta mi raccontò la seguente storia: stava intervistando un candidato per una posizione dirigenziale di medio livello e pensò, in superficie, che il candidato fosse una stella: entusiasta, matura, intelligente , articolato, preparato, esperto e visionario. Dopo essersi consultato con i suoi colleghi di livello superiore che hanno intervistato anche il candidato, assumere lui sembrava un gioco da ragazzi. Eppure, la mia paziente mi ha detto, qualcosa lo ha fatto esitare.

Qualcosa a proposito del candidato – non riusciva ancora a spiegare cosa – solo "lo strofinava nel modo sbagliato". Era confuso dal sentirlo come anche a lui piaceva. Ma per qualche ragione, non provava il solito entusiasmo che gli piaceva provare nei confronti delle persone che assumeva. Ma … i riferimenti del candidato erano eccellenti, lui era eminentemente qualificato per la posizione, i colleghi della mia paziente volevano tutti assumere il candidato per le proprie divisioni e il mio paziente non poteva spiegare i propri dubbi. Quindi lo assunse.

Sei mesi più tardi, una delle sue dipendenti donne accusò il candidato di molestie sessuali, produsse e-mail dannose che rivelavano minacce che il candidato le aveva fatto, aveva citato in giudizio lui e la società, e ottenuto un accordo pesante. Inutile dire che il candidato è stato licenziato.

LE BARRIERE PER ASCOLTARE LA NOSTRA INTUIZIONE

La mia paziente mi ha detto che era deluso da se stesso non aver ascoltato la sua voce interiore. Ho commiserato con lui, assicurandogli che potrei indicare molte volte nella mia vita quando non ascoltavo il mio. Dobbiamo parlare del perché così spesso non ascoltiamo il nostro istinto e abbiamo compilato il seguente elenco:

  1. Un istinto è proprio questo : un'intuizione, un'impressione, per definizione priva di prove concrete. Sembra ingiusto affidarsi a qualcosa di così indistinto quando si prendono decisioni importanti.
  2. Di per sé diffidiamo delle idee senza prove per sostenerle . Vogliamo avere ragione quando prendiamo decisioni importanti e siamo in grado di convincerci della nostra correttezza quando possiamo tracciare la nostra argomentazione dall'inizio alla fine senza interruzioni e con una chiara comprensione di ogni passo.
  3. Siamo facilmente influenzati dalle opinioni degli altri che contraddicono i nostri istinti , soprattutto se esistono prove concrete per contraddirlo. Questo, pur sapendo che molti di noi fanno fatti e cifre sulle performance passate, sono spesso indicatori difettosi di prestazioni future.

FIDUCIAMO I NOSTRI ISTINTI

La mia paziente era d'accordo sul fatto che il suo istinto avrebbe potuto facilmente rivelarsi sbagliato, che il candidato avrebbe potuto essere tutte le cose buone che sembrava essere … ma non lo era. L'intuizione del mio paziente è stata il risultato del controtransfert personale, non correlato alla patologia del candidato, sentito come una semplice coincidenza, o il mio paziente ha raccolto evidenze di verità presentate in modo subliminale? Abbiamo convenuto che, mentre non potevamo davvero sapere quale fosse il caso, quest'ultimo era certamente possibile.

Qual è l'intuizione eccetto la rapida assimilazione delle nostre impressioni su una persona o una situazione che produce una reazione o un giudizio così rapidamente che non siamo sicuri di come sia arrivato? Un'intuizione non è, nella maggior parte dei casi, basata sul nulla come spesso ci permettiamo di credere – cosa che facciamo perché spesso non riusciamo a percepire il complesso meccanismo di funzionamento sotto la superficie che ci ha portato ad esso.

Ma quel meccanismo funziona – infatti, è solo perché funziona così velocemente e così bene che dubitiamo che funzioni. Ma se ci fermiamo a riflettere, a riconsiderare ciò che è stato detto, a cosa abbiamo pensato a questo proposito ea come ci siamo sentiti riguardo a ciò che pensavamo (una cosa sorprendentemente difficile da fare bene), scopriamo che è spesso possibile portare alla luce il percorso attraverso il quale siamo arrivati ​​alla nostra reazione intuitiva, per identificare i motivi concreti per cui abbiamo esitato a prendere una decisione che in apparenza sembrava buona.

Siamo davvero tutti esperti nel leggere l'un l'altro, dopo averlo praticato per tutta la vita. Questo non significa che non possiamo essere ingannati, in nessun modo. Proiettiamo i nostri pregiudizi, le nostre paure, la nostra stessa patologia sulle intenzioni degli altri tutto il tempo. Ma se ci esercitiamo a riconoscere quando lo facciamo per distinguere quando non lo siamo, quando rispondiamo più o meno obiettivamente alla persona o alla situazione che stiamo valutando, alla nostra intuizione (come ad altri, inclusa la maggior parte notoriamente Malcolm Gladwell, hanno sostenuto) può essere uno strumento potente per aiutarci a scoprire la verità.

COME FARE DECISIONI INTUITIVE

Ho detto alla mia paziente che ignoriamo la nostra intuizione a nostro rischio e pericolo e propongo il seguente approccio. Cerco di prendermi quando mi sento a disagio per una decisione che sto per prendere:

  1. Pausa . Se sei a disagio e non sai il motivo, non presumere che non ce ne sia uno . Potrebbe non essere una buona soluzione, ma sicuramente esiste una ragione. Nella foga del momento, è spesso difficile identificarlo, quindi spesso ignoriamo ciò che proviamo per convenienza. Ma la maggior parte delle situazioni non richiede un processo decisionale immediato. Quindi, se sei a disagio per qualsiasi motivo, non cercare di capirlo nella calura del momento . Invece, non prendere la decisione affatto. Dì cose come: "Devo pensare a questo." Quindi prenditi il ​​tempo per fare il lavoro investigativo e seguire il tuo processo personale. Primo, cosa hai sentito o visto che ti ha fatto sentire a disagio? Una volta che l'hai identificato (non è un compito facile), prova a capire perché ti ha messo a disagio. Prova su diversi motivi per vedere se risuonano. Spesso saprai di aver trovato quello giusto perché scoprirlo sembra un momento di eureka. Anche se poi rifiuti il ​​tuo ragionamento, almeno capirai perché ti sei sentito a disagio e puoi prendere la tua decisione con gli occhi ben aperti.
  2. Ascolta , non solo per le tue riserve mentali ma anche per il tuo corpo. Il disagio con una decisione si manifesta spesso come sintomi fisici come nausea, insonnia, agitazione. Potresti facilmente perdere questi segnali come segni di disagio per la decisione che hai preso o stai per fare, ma se presti attenzione probabilmente scoprirai che hai le stesse reazioni fisiche di ignorare la tua voce interiore di volta in volta.
  3. Affina il tuo istinto . Se faremo affidamento sul nostro intestino, specialmente se così facendo ci contrappone le opinioni ben ragionate degli altri, faremmo meglio a garantire che la nostra voce interiore sia il più accurata possibile il più spesso possibile. Più spesso riesci a capire perché hai le reazioni istintive che fai, più diventerai comodo che il tuo istinto possa essere considerato affidabile. L'esercizio riflessivo che ho descritto sopra aprirà il tuo processo di pensiero in un modo che ti consenta di convalidarlo. Se ti trovi costantemente a fare lo stesso errore di pensiero (ad esempio, trasferisci la tua sfiducia verso il tuo padre barbuto a tutti gli uomini con la barba), prenderne coscienza ti libererà dal suo potere e migliorerà l'accuratezza della tua voce interiore. Imparare a conoscere i tuoi pregiudizi inconsci indebolirà la loro influenza sul tuo intuito e renderà più saggio.

Un'intuizione ben addestrata ha quasi sempre ragione, anche se, naturalmente, può essere conosciuta solo in retrospettiva. Quando glielo feci notare, la mia paziente mi disse che non si pentiva di non aver ascoltato la sua intuizione perché era corretta; si pentì di non aver ascoltato perché lo metteva a disagio con se stesso. Pensava di stabilire un pericoloso precedente personale nel non fidarsi di se stesso e che avrebbe preferito seguire il suo istinto, anche se alla fine si sbagliava. Diffidare della sua voce interiore ha intaccato il suo generale senso di fiducia e quello, pensò, "è stata una cosa peggiore che sia accaduta che sbagliare." Gli dissi che ero d'accordo.

Se ti è piaciuto questo post, sentiti libero di esplorare la home page del Dr. Lickerman, Happiness in this World.

Solutions Collecting From Web of "Ascoltando la tua voce interiore"