Ascolta il tuo cuore

Cominciamo con un esercizio divertente: adotta una posizione di riposo come stare seduti comodamente su una sedia o sdraiati sulla schiena. Rimani immobile per un minuto o due e respira in modo uniforme finché il tuo corpo non è calmo e ti senti rilassato. Ora concentrati sul tuo battito cardiaco. Senza controllo manuale, prova a sentire il cuore che batte forte nel petto. Sei in grado di percepire il segnale interno?

Alcune persone sono migliori di altre in questo compito e se riesci a percepire bene il battito del tuo cuore, è probabile che tu abbia un'elevata accuratezza interocettiva. In questo articolo descriverò come l'accuratezza interocettiva modella le esperienze emotive, come vada storto nell'autismo e l'alexithymia, e come possa contribuire all'intelligenza emotiva, all'empatia e alla resilienza allo stress.

La sensibilità interocettiva è generalmente nota come la capacità di percepire i segnali interni del nostro corpo come la frequenza cardiaca, la respirazione e le funzioni gastrointestinali.

John Campbell/flickr
Fonte: John Campbell / flickr

Sarah Garfinkel e colleghi (Garfinkel et al., 2015) hanno recentemente descritto una serie di metodi per misurare le capacità interocettive delle persone nel laboratorio di scienze. Una misura è il compito di conteggio del battito cardiaco (Schandry, 1981). Simile all'esercizio precedente, alle persone viene chiesto di contare silenziosamente il proprio battito cardiaco per una durata variabile da 30 secondi a 1 minuto. Nel frattempo, un pulsossimetro collegato al dito indice traccia il battito cardiaco effettivo dell'individuo. Maggiore è la sovrapposizione tra i battiti del cuore percepiti e quelli reali, migliore è la loro accuratezza interocettiva.

Una seconda misura di interferenza è il compito di rilevamento del battito cardiaco (Katkin et al., 1983). Qui, le persone ricevono toni uditivi che vengono attivati ​​dal battito cardiaco e riprodotti sul battito cardiaco o leggermente spostati nel tempo (~ 500 ms). Il compito del partecipante è giudicare quando i toni sono sincroni con il loro battito cardiaco. Ancora una volta, una maggiore precisione in questo compito indica una migliore accuratezza interocettiva.

In che modo l'accuratezza interocettiva modella le nostre emozioni?

Gli studi hanno dimostrato che coloro che sono maggiormente in grado di rilevare i loro segnali interni (cioè che hanno una maggiore accuratezza interocettiva) tendono ad essere più emotivi. Per esempio, uno studio (Wiens et al., 2000) ha usato emotivamente suscitare film che hanno scatenato paura, rabbia o divertimento e chiesto ai partecipanti di valutare quanto i film li abbiano fatti sentire intensi. Coloro che hanno svolto bene il compito di rilevamento del battito cardiaco hanno giudicato i film emotivi più intensi dei mediocri rilevatori di battito cardiaco. L'argomento è che le persone che sono più sensibili ai loro stati di eccitazione corporea interna provano emozioni con maggiore intensità di quelle che sono meno sensibili ai loro segnali corporei.

Altri studi hanno mostrato un legame tra l'interferenza e l'ansia: poiché le persone con una buona interferenza sono tendenzialmente più sensibili ai loro sentimenti, spesso ottengono punteggi più alti nei sintomi di ansia (Pollatos et al., 2007; Dunn et al., 2010).

D'altra parte, in condizioni in cui le esperienze emotive sono smussate (come in alexithymia o autismo), l'interferenza è compromessa. Le persone con alexithymia, ad esempio, sono caratterizzate dall'avere difficoltà a descrivere e identificare le proprie emozioni. Non sorprende che queste persone facciano di peggio nel conteggio del battito cardiaco, il che indica che le abilità interocettive più povere sono legate a maggiori difficoltà nel processamento emotivo (Herbert et al., 2011).

Allo stesso modo, le persone con autismo sono conosciute per i loro problemi nel regolare le emozioni, riconoscere le emozioni negli altri, oltre a sperimentare un aumento dei livelli di ansia. Recentemente, Sarah Garfinkel e colleghi (Garfinkel et al., 2016) hanno dimostrato che gli individui autistici si comportano male nel conteggio del battito cardiaco rispetto a un campione di controllo sano. È interessante notare, tuttavia, che quando ai partecipanti è stato chiesto di valutare soggettivamente le proprie capacità interocettive su un questionario, le persone con autismo si ritenevano migliori dei controlli. In altre parole, c'era una discrepanza tra il loro compito effettivo (misura oggettiva dell'interferenza) e le loro esperienze soggettive di interferenza.

La dottoressa Garfinkel spiega che "La discrepanza tra le prestazioni interocettive oggettive, come l'accuratezza del conteggio del battito cardiaco e l'esperienza soggettiva dei segnali interni del corpo è ciò che potrebbe generare ansia negli individui con autismo". Infatti, ha scoperto che quegli individui autistici che mostravano il maggior disallineamento tra sensibilità interocettiva oggettiva e soggettiva avevano ottenuto punteggi più alti sull'ansia e meno sulla sensibilità emotiva.

Rappresentazioni cerebrali di interferenza e elaborazione emotiva

Il lavoro di Hugo Critchley e colleghi (Critchley et al., 2004) ha dimostrato che i livelli di sensibilità interocettiva possono essere rintracciati nel cervello, in un'area chiamata corteccia insulare. Ai partecipanti è stato assegnato il compito di rilevamento del battito cardiaco mentre giacevano in uno scanner MRI. Coloro che hanno svolto bene il compito non solo hanno mostrato una maggiore attivazione, ma hanno anche avuto un maggiore volume di materia grigia nella corteccia insulare.

Tornando alle emozioni, lo studio di Critchley ha inoltre rilevato che le persone che hanno ottenuto punteggi più alti in un questionario sull'ansia avevano un'attivazione della corteccia più insulare mentre eseguivano il compito di rilevamento del battito cardiaco.

La corteccia insulare da allora è diventata nota come centro cerebrale coinvolto nella valutazione delle nostre sensazioni corporee interne, che poi dà origine a esperienze emotive (Terasawa et al., 2013). Di conseguenza, il danno alla corteccia insulare può comportare deficit di elaborazione emotiva che assomigliano a quelli dell'alessitimia (Hogeveen et al., 2016).

unknown artist/pixabay
Fonte: artista sconosciuto / pixabay

Quali sono gli effetti positivi della precisione interocettiva?

Finora, abbiamo visto che le persone con elevata accuratezza interocettiva tendono a provare emozioni più forti di quelle con una scarsa accuratezza interocettiva, che è spesso associata a sintomi di ansia. Tuttavia, essere in sintonia con le nostre emozioni ha anche una serie di effetti positivi.

Tamara Schneider e colleghi (Schneider et al., 2005) hanno dimostrato che le persone che hanno svolto bene il compito di rilevamento del battito cardiaco hanno ottenuto punteggi più alti sull'intelligenza emotiva (utilizzando il test di intelligenza emotiva Mayer-Salovey-Caruso). Nello specifico, una maggiore accuratezza interocettiva si è correlata alla capacità di comprendere meglio le emozioni e di usare le emozioni con saggezza per facilitare le prestazioni del compito.

La gestione emotiva, un altro fattore di intelligenza emotiva, correlata negativamente alla rilevazione del battito cardiaco, suggerendo che le persone che gestiscono bene le proprie emozioni e quelle altrui sono meno in grado di percepire i segnali interni del corpo. Una possibile spiegazione di questo risultato è che la gestione emotiva implica il controllo dell'eccitazione emotiva. Ne consegue che, se i manager emotivi riducono cronicamente i loro livelli di eccitazione, potrebbe essere sempre più difficile rilevare i loro segnali interni. In questo senso, una minore accuratezza interocettiva può essere interpretata come un segnale positivo di calmamento emotivo.

Un altro tratto positivo legato alle buone capacità interocettive è l'empatia. Il lavoro di Vivien Ainley e colleghi (Ainley et al., 2014) ha dimostrato che le persone che svolgono bene il compito di conteggio del battito cardiaco sono veloci a imitare i movimenti della mano di un'altra persona mostrata sullo schermo di un computer. Imitazione e mimica in contesti sociali riflette la capacità di relazionarsi con un'altra persona ed è un segno di livelli più alti di empatia.

Infine, le buone capacità interocettive sembrano essere correlate alla maggiore resilienza allo stress. In un recente studio di Lori Haase e colleghi (Haase et al., 2016), i partecipanti che hanno valutato se stessi come meno resilienti hanno ottenuto punteggi più bassi su un questionario che misura l'interferenza. La resilienza è stata quindi testata obiettivamente: i partecipanti indossavano una maschera respiratoria in uno scanner MRI e il carico respiratorio era limitato a intermittenza durante l'esperimento. Notare i cambiamenti nella regolazione della respirazione è di per sé un esercizio interocettivo e può essere molto stressante per chi è più sensibile alle restrizioni respiratorie.

È emerso che i partecipanti che hanno ottenuto punteggi mediocri su interocezione e resilienza hanno mostrato maggiore attività nella corteccia insulare (l'area coinvolta nell'interocezione e nell'elaborazione emotiva) quando la respirazione era limitata, mentre quelli che evidenziavano l'interocezione e la resilienza non mostravano alcun cambiamento. Ciò suggerisce che le persone con buone capacità interocettive erano più resistenti nel far fronte all'esercizio che induce lo stress.

Conclusione

La precisione interocettiva, la capacità di ascoltare i segnali interni del nostro corpo, è un'abilità che spesso trascuriamo nelle nostre vite quotidiane. Eppure, ha vaste implicazioni per il modo in cui sentiamo e regoliamo le nostre emozioni. L'interferenza ha una base neurale – la corteccia insulare. L'accuratezza interocettiva predice l'attività nella corteccia insulare e le differenze di attivazione si riferiscono a diversi livelli di ansia, alexithymia e resilienza emotiva. Sebbene le persone interocettive tendano ad essere più sensibili ai loro sentimenti (più emotivi), potrebbero trarre beneficio da una maggiore intelligenza emotiva, una maggiore empatia e una migliore capacità di recupero dello stress.

Riferimenti

Ainley V, Brass M, Tsakiris M (2014) Imitazione del cuore: l'alta consapevolezza interocettiva è legata a una maggiore imitazione automatica. Neuropsychologia 60: 21-28.

Critchley HD, Wiens S, Rotshtein P, Ohman A, Dolan RJ (2004) Sistemi neurali che supportano la consapevolezza interocettiva. Nat Neurosci 7: 189-195.

Dunn BD, Stefanovitch I, Evans D, Oliver C, Hawkins A, Dalgleish T (2010) Riesci a sentire il ritmo? La consapevolezza interocettiva è una funzione interattiva delle dimensioni dei sintomi specifici di ansia e depressione. Behav Res Ther 48: 1133-1138.

Garfinkel SN, Seth AK, Barrett AB, Suzuki K, Critchley HD (2015) Conoscere il proprio cuore: distinguere la precisione interocettiva dalla consapevolezza interocettiva. Biol Psychol 104: 65-74.

Garfinkel SN, Tiley C, O'Keeffe S, Harrison NA, Seth AK, Critchley HD (2016) Discrepanze tra le dimensioni di interocezione nell'autismo: implicazioni per l'emozione e l'ansia. Biol Psychol 114: 117-126.

Haase L, Stewart JL, Youssef B, maggio AC, Isakovic S, Simmons AN, Johnson DC, Potterat EG, Paulus MP (2016) Quando il cervello non sente adeguatamente il corpo: collegamenti tra bassa resilienza e interocezione. Biol Psychol 113: 37 – 45.

Herbert BM, Herbert C, Pollatos O (2011) Sulla relazione tra consapevolezza interocettiva e alessitimia: la consapevolezza interocettiva è legata alla consapevolezza emotiva? J Pers 79: 1149-1175.

Hogeveen J, Bird G, Chau A, Krueger E, Grafman J (2016) acquisiti alessitimia a seguito di un danno all'insula anteriore. Neuropsychologia 82: 142-148.

Katkin ES, Reed SD, Deroo C (1983) Un'analisi metodologica di 3 tecniche per la valutazione delle differenze individuali nel rilevamento del battito cardiaco. Psychophysiology 20: 452-452.

Pollatos O, Traut-Mattausch E, Schroeder H, Schandry R (2007) La consapevolezza interocettiva media la relazione tra ansia e intensità di sentimenti spiacevoli. J Anxiety Disord 21: 931-943.

Schandry R (1981) Heart Beat Perception ed Emotional Experience. Psychophysiology 18: 483-488.

Schneider TR, Lyons JB, Williams M (2005) Intelligenza emotiva e autopercezione autonomica: le capacità emozionali sono legate all'acuità viscerale. Pers Indiv Differ 39: 853-861.

Terasawa Y, Fukushima H, Umeda S (2013) In che modo la consapevolezza interocettiva interagisce con l'esperienza soggettiva delle emozioni? Uno studio fMRI. Hum Brain Mapp 34: 598-612.

Wiens S, Mezzacappa ES, Katkin ES (2000) Rilevazione del battito cardiaco e l'esperienza delle emozioni. Cognition Emotion 14: 417-427.

Solutions Collecting From Web of "Ascolta il tuo cuore"