Artsmarts: Perché il finanziamento delle arti di taglio non è una buona idea

Il Congresso sta ancora una volta facendo progetti per sventare il National Endowment for the Arts, quindi è tempo per noi di pubblicare più dati a supporto delle arti. Nei post precedenti, abbiamo sostenuto che le arti sono essenziali per lo sviluppo dell'immaginazione scientifica. (Vedi un pezzo mancante nello stimolo economico ; Arti e mestieri: chiavi per la creatività scientifica ; arte al centro dell'educazione creativa ). Qui sosteniamo che le arti stimolano lo sviluppo economico promuovendo l'innovazione scientifica e tecnologica.

Dipinto di Albert Michelson, il primo premio Nobel americano.

Iniziamo con alcune citazioni ispirate sul valore delle arti da parte dei CEO di importanti aziende tecnologiche:
"In Boeing, l'innovazione è la nostra linfa vitale. Le arti ispirano l'innovazione conducendoci ad aprire le nostre menti e a pensare in modi nuovi sulla nostra vita, inclusi il lavoro che svolgiamo, il modo in cui lavoriamo e i clienti che serviamo ", scrive W. James McNerney, Jr., Chairman, President e Chief Executive Officer, The Boeing Company. (1)

"Siamo una società fondata sull'innovazione e crediamo che le arti, come la scienza e l'ingegneria, ci ispirino e mettano in discussione le nostre nozioni di impossibilità", afferma George David, Presidente e Amministratore delegato di United Technologies Corporation (1)

"Le arti favoriscono la creatività e la creatività è fondamentale per la nostra strategia aziendale", commenta Randall L. Tobias, Presidente del Consiglio di amministrazione e CEO, Eli Lilly and Company. "In effetti, crediamo che esista un forte legame tra la creatività coltivata dalle arti e la creatività scientifica. Se i nostri scienziati sono stimolati attraverso il loro coinvolgimento con le arti, allora è in definitiva un bene per la nostra attività – e per la nostra comunità ". (2)

Helge W. Wehmeier, Presidente e Chief Executive Officer, Bayer Corporation concorda: "Una buona educazione a tutto tondo deve includere lo studio delle arti e delle scienze. Come azienda esploriamo le sinergie tra arte e scienza. Di tutte le materie, le arti e le scienze sono le più vicine e le più interrelate. Offrono modi complementari per comprendere lo stesso oggetto o evento … Insegnano anche il pensiero critico, la creatività e la curiosità – abilità che rendono una forza lavoro istruita e innovativa. "(3)

Sfortunatamente, queste osservazioni dei nostri leader industriali, e molte affermazioni simili che possono essere trovate nei riferimenti alla fine di questo post, sembrano essere insufficienti a convincere il Congresso a sostenere le arti. Così un gruppo di noi della Michigan State University (*) ha intrapreso uno studio del rapporto tra esperienza artistica e artigianale per l'innovazione scientifica e tecnologica.

Nella nostra ricerca iniziale, abbiamo contattato scienziati e ingegneri che si sono laureati presso l'Honors College di MSU tra il 1990 e il 1995. Abbiamo chiesto loro di fare un sondaggio sulla loro infanzia, giovane adulto e partecipazione adulta matura in varie arti e mestieri e abbiamo chiesto informazioni su varie misure della loro innovatività, incluso il numero di brevetti che avevano ottenuto e il numero di aziende che avevano contribuito a fondare.

I nostri risultati confermano ampiamente le osservazioni degli amministratori delegati citate sopra.
I dati che i nostri scienziati e ingegneri ci hanno fornito dimostrano che più arti e mestieri sono padroni di una persona, maggiore è la probabilità che diventino inventori o innovatori. In primo luogo, i laureati all'università di Honors in scienze, tecnologia, ingegneria e matematica erano da tre a otto volte più propensi a prendere lezioni in qualsiasi arte o mestiere particolare come l'americano medio. I laureati dell'Honors College che hanno fondato società o hanno brevettato licenze hanno esposizioni ancora più elevate per le arti e l'artigianato rispetto allo scienziato o ingegnere dell'Honors College.

Porta a casa un messaggio? Più esperienze artistiche e artigianali hanno i nostri scienziati e inventori, più è probabile che genereranno un capitale creativo di chiaro valore economico. Investi in arti e mestieri e ti torna molte volte.

Virginia Apgar, il cui "punteggio Apgar" fornisce informazioni sanitarie critiche su ogni neonato, producendo uno dei suoi violini.

In quali arti dovremmo investire? Tutti loro! Mentre quasi tutte le arti erano correlate con un maggiore successo come scienziato o inventore nel nostro studio, il coinvolgimento permanente nella danza, nella composizione di musica, fotografia, lavorazione del legno, metallo, meccanica, elettronica e programmazione ricreativa era particolarmente associato allo sviluppo del capitale creativo.

E investi presto! Una scoperta particolarmente sorprendente è stata che la prima esperienza pratica con arti e mestieri è stata fondamentale per continuare a partecipare a queste arti e mestieri. E la continua partecipazione alle arti e all'artigianato per tutta la vita è stata una delle più forti correlazioni alla creazione di brevetti e nuove società.

Le implicazioni politiche dei nostri risultati indicano il sostegno del governo alle arti come uno stimolo economico. Eppure il presidente Obama ha appena raccomandato di tagliare l'educazione artistica del Dipartimento dell'educazione a ZERO nel 2012. ZERO !!!! Gli innovatori adulti sono in grado di inventare perché hanno una vasta esperienza che fa iniziare le cose da bambini piccoli. Le abilità artistiche e artigianali sono la fonte di questa inventiva. Le arti non possono essere scienza missilistica; ma rendono possibile la scienza missilistica.

In effetti, gli scienziati e gli ingegneri del nostro Honours College hanno raggiunto questa conclusione da soli. L'ottantuno percento dei rispondenti al nostro sondaggio raccomanda l'educazione artistica e artigianale come base utile o addirittura essenziale per un innovatore scientifico o ingegneristico. Molti hanno fornito commenti come quelli degli amministratori delegati citati sopra:

Uno ha scritto: Arti e mestieri incoraggiano la sperimentazione – non esiste un modo giusto per fare arte. Incoraggia uno a rompere da un "seguire i passi per ottenere qualche risultato". Mi sento come se fossi capace di orientarmi in situazioni non familiari e di determinare una direzione da seguire. Questo è molto utile durante la risoluzione dei problemi, in cui l'imprevisto accade sempre.

Un altro era d'accordo: dopo questi anni trascorsi in classe, vedo che quelli che hanno un background musicale e artistico sembrano fare molto bene in fisica e che spesso vanno alle carriere ingegneristiche.

Un terzo sosteneva che l' esperienza con arti e mestieri, ti permette di esplorare i materiali in un modo diverso, capire come mettere insieme le cose, provare a fare le cose in modo diverso.

Mentre la causalità non può essere determinata da questi risultati preliminari, la combinazione di dati e testimonianze personali indica fortemente che l'educazione artistica e artigianale e la partecipazione permanente sono correlate allo sviluppo economico del capitale creativo. Eliminare i programmi artistici e artigianali danneggerà certamente l'istruzione in queste aree e quasi certamente avrà anche gravi conseguenze economiche negative.

Gestisci le arti e i mestieri e batti l'innovazione. Hobble innovazione e la nostra economia ne soffriranno. Al contrario, investire in arti e mestieri e ogni dollaro stimolerà l'economia non solo oggi, ma attraverso l'innovazione una serie di domani.

© Robert e Michele Root-Bernstein 2011

(Il chimico vincitore del premio Nobel Linus Pauling suona la sua chitarra, a sinistra

il video UTUBE di Michelson (sopra) pittura: http://www.encyclopedia.com/video/sEa-qUOGLNQ-albert-abraham-michelson.aspx)

RIFERIMENTI

(1) http://www.americansforthearts.org/information_services/arts_and_busines …

(2) David Finn e Judith A. Jedlicka, The Art of Leadership: costruire alleanze business-arts. New York: Abbeville Press, 1998, p. 88.

(3) David Finn e Judith A. Jedlicka, The Art of Leadership: costruire alleanze business-arts . New York: Abbeville Press, 1998, p. 44.

(*) Partecipanti allo studio ARTSMARTS: Rex LaMore, Ph.D., Centro direttore per lo sviluppo economico e comunitario; Robert Root-Bernstein, Ph.D., professore di fisiologia; James Lawton, MFA, professore e artista di studio, College of Arts & Letters; John Schweitzer, Ph.D., professore, Centro per lo sviluppo economico e comunitario; Michele Root-Bernstein, Ph.D., Adjunct Faculty, College of Arts and Letters; Eileen Roraback, Ph.D., College of Arts and Letters; Amber Peruski, MSU Honors College; Megan VanDyke, MSU Honors College; Laleah Fernandez, dottorando, College of Communication

Solutions Collecting From Web of "Artsmarts: Perché il finanziamento delle arti di taglio non è una buona idea"