Arrivederci "HM"

Mentre gli alberi di Natale si accumulano sui marciapiedi e gli studenti universitari abbandonano le loro pause languide e tornano a scuola, vorrei dare un'ultima occhiata al 2008 e dire addio a un uomo che ha contribuito di più alla nostra comprensione della memoria umana di qualsiasi altro individuo che abbia mai vissuto. Non era uno scienziato; non era un erudito proustiano; non era uno scrittore o un artista.

Henry Molaison (o HM nella letteratura scientifica) è deceduto il 2 dicembre 2008 all'età di 82 anni, in una casa di riposo fuori Hartford, CT (http://www.nytimes.com/2008/12/05/us/05hm .html). Era un meccanico che era stato colpito da una bicicletta all'età di 9 anni e subito dopo aveva sviluppato debilitanti convulsioni. All'età di 27 anni, sempre più incapace di questi episodi convulsi, cercò sollievo dai neurochirurghi dell'Hartford Hospital. Lì, nel tentativo di domare i sequestri, il dott. William Beecher Scoville rimosse sezioni critiche dell'area temporale mediale del suo cervello, incluso l'ippocampo a forma di cavalluccio marino. Il resto, come si suol dire, è storia, o nel caso di HM, la mancanza di una storia da quel momento in avanti.

Quello che è successo a HM e ciò che ha cambiato la nostra comprensione della memoria è che, senza queste parti del suo cervello intatte, HM non poteva consolidare nuovi ricordi. L'essenza della sua vita e le robe imparate acquisite prima della sua età attuale erano ancora disponibili per lui. Ricordava alcuni eventi generali della sua infanzia (es. Escursioni, andare in spiaggia); poteva ricordare alcuni dettagli del suo lavoro; poteva ricordare alcuni importanti eventi mondiali. Poteva fare il suo letto, fare semplici faccende, dare un'occhiata a un foglio, sistemare un sandwich. Tuttavia, ogni nuovo evento, nuove conversazioni, nuove informazioni ha avuto un tempo di ritenzione di circa 15 minuti e poi era sparito, perso nella sua coscienza, fugace come una brezza passeggera.

Con quei pochi colpi dei suoi strumenti chirurgici, il dottor Scoville aveva inavvertitamente creato il più grande laboratorio vivente per lo studio della memoria umana che sia mai esistito. Affabile, rispettoso e sano come un cavallo, HM ha vissuto senza sosta. E la legione di ricercatori ha fatto i loro pellegrinaggi ad Hartford con i loro test di memoria, blocchi da disegno e liste di apprendimento. Sono arrivati ​​a comprendere il ruolo vitale che la regione temporale mediale gioca nel trasferire informazioni codificate a aree più alte del cervello – come consente il collegamento di nuove memorie a concetti e categorie nella corteccia cerebrale che consentono loro di essere incastrati e conservati in modo sicuro. Il fatto che HM potesse conservare alcune nuove informazioni dopo una sufficiente ripetizione, ma solo in modo vago e routinario senza alcuna consapevolezza cosciente di ciò che aveva appreso, insegnava anche a questi ricercatori l'esistenza di due sistemi di memoria – uno per esplicito o "dichiarativo" memoria e l'altra per richiamo implicito o "procedurale". Ora, con la tecnologia MRI e sofisticati test di memoria, i neuroscienziati si concentrano sui ruoli esatti che l'ippocampo e le strutture correlate, come il nucleo del cingolo anteriore e l'amigdale, giocano nella memoria. Tuttavia, è stato lo sfortunato incidente di HM che ha illuminato i riflettori per la prima volta su questi organi vitali di richiamo. Quindi i neuroscienziati e i ricercatori della memoria gli devono un debito incommensurabile. Ma questo non è tutto ciò che ci ha insegnato e questo perché io, come personalità e psicologo clinico, voglio esprimere il mio tributo personale.

HM è più di una semplice figura iconica nella memoria. I suoi strani e tragicomici 55 anni di vita non esaminata (non esaminati da lui, ma scrupolosamente esaminati da altri) ci hanno parlato in modo eloquente del significato di sé e dell'identità. HM ha continuato a vivere, a mangiare, a parlare, a sorridere, a ridere, ma è rimasto congelato in un crepuscolo di Rip Van Winkle dei suoi primi 27 anni. Non poteva accumulare esperienza, maturare la saggezza delle lezioni apprese, assaporare il passaggio dalla giovinezza ansiosa alle comodità dei suoi ultimi anni, né (forse per fortuna) affrontare la disperazione delle opportunità perse e delle opportunità insoddisfatte. Il romanzo della sua vita si fermò e non riprese mai. Di conseguenza, la sua identità narrativa, quella che Dan McAdams chiama "la storia della vita" (McAdams, DP (2001).) La psicologia delle storie di vita. Review of General Psychology, 5, 100-120.) Non poteva unire il suo passato, presente e futuro in un insieme unitario e propositivo. Come il gatto che insegue la coda o il cane che assapora con sorpresa lo stesso osso che lui stesso ha nascosto, HM ha salutato visitatori familiari come nuovi amici e ha potuto svolgere comodamente la stessa conversazione ogni giorno in un ciclo ricorsivo senza fine.

Non c'è alcuna indicazione che HM abbia vissuto una vita infelice. In un certo senso, la sua salvezza è stata la sua incapacità di cogliere ciò che aveva perso o messo più precisamente, ciò che non avrebbe mai potuto maturare. Per il resto di noi, la sua unica dimensionalità – il suo presente perpetuo – ci ricorda ciò che dobbiamo ricordare – di quanto pienamente e riccamente conosciamo noi stessi da ciò che è emerso nel nostro passato. Anni fa ho scritto un libro con Peter Salovey (Singer, JA, & Salovey, P. (1993) .Il sé ricordato. New York: The Free Press.) Che sosteneva la tesi che costruiamo in modo selettivo le nostre personalità da alcuni -definendo i ricordi. "Tuttavia il potere emotivo di questi ricordi non era basato paradossalmente nelle esperienze originali, ma nella relazione di questi eventi passati con i nostri obiettivi e desideri attuali. Ciò che definisce i ricordi chiave come centrali per il nostro senso di sé è la loro costante rilevanza per ciò che stiamo cercando e perseguendo attivamente nelle nostre vite attuali. Freud riteneva che la nostra prima esperienza fosse determinante per il nostro desiderio futuro. Abbiamo sostenuto che un uguale peso è dato alla reciproca influenza del presente sul passato. L'identità è una danza circolare tra ora e allora che culmina in "E se?"

Il Dr. Scoville ha interrotto la relazione tra presente e passato per HM e così facendo lo ha derubato della capacità di guardare avanti. E questo è il vero segreto di ciò che HM ci ha insegnato sull'identità e non solo sulla memoria. Dal punto di vista della personalità, la perdita più profonda di HM era il futuro, non il passato. In ogni ricordo vive un sogno o un incubo – se questo è quello che è successo prima, come posso averlo di nuovo o come posso renderlo diverso? La vita è gutturale – senza lo sguardo arretrato, non si ha ancora la conoscenza della distanza da percorrere. Corriamo semplicemente sul posto. Con il dono della memoria, siamo in grado di mettere in atto i capitoli della nostra storia e costruire una trama che ci trascini verso un finale ancora irrisolto. La trama ci spinge avanti, chiedendo ad ogni turno che chiediamo: "Che cosa succederà dopo?" La memoria è davvero il motore dell'identità.

Quindi arrivederci e grazie, HM! Hai lasciato un'eredità di ricerca e comprensione di cui eri solo vagamente consapevole. Ora è nostro dovere prendere lo strano presente che la tua vita ci ha offerto e applicarlo a una visione più complessa e umana di noi stessi.

Solutions Collecting From Web of "Arrivederci "HM""